Home  ·  Contattaci  ·  NUOVO SITO WEB

Italiano



La questione armena presenta un dilemma per gli ebrei statunitensi

La questione armena presenta un dilemma per gli ebrei statunitensi

 

Di Neela Banerjee 

 

19 ottobre 2007

 

LEXINGTON, Mass., 17 ottobre. - Sul lunotto per l'incontro settimanale dei selettori qui lunedì c'erano la posizione di panchine, una licenza di liquori per il ristorante di Vinny T e, non per la prima volta, l'uccisione di 1,5 milioni di armeni in Turchia 90 anni fa.

 

Il dibattito in questo ricco sobborgo di Boston, sede di molti ebrei e armeni, si è incentrato su un programma locale per aumentare la consapevolezza dei pregiudizi. Il problema non era il programma stesso, ma il suo sponsor, la Anti-Defamation League, il gruppo di difesa ebraica, che ha preso posizione contro una proposta di risoluzione del Congresso che condanna le morti degli armeni come genocidio.

 

"Se neghi un genocidio", ha detto il dott. Jack Nusan Porter, un bambino sopravvissuto all'Olocausto e uno studioso di studi sul genocidio che ha partecipato alla riunione, "neghi tutti i genocidi".

 

La risoluzione del Congresso ha creato un furore internazionale e ha profondamente offeso il governo turco, sia un alleato chiave di Israele che un attore logistico fondamentale per la presenza americana in Iraq. Ma come hanno dimostrato gli eventi nei sobborghi di Boston negli ultimi mesi, ha anche messo gli ebrei americani in un dilemma angoscioso mentre provano a conciliare il loro sostegno a Israele con il loro impegno nella lotta al genocidio. Alla fine, il Board of Selectmen ha votato all'unanimità per tagliare i legami con la Anti-Defamation League, così come altri tre sobborghi di Boston questa settimana. Altre tre città l'avevano già fatto, considerando più l'opzione.

 

Per molti ebrei, il problema ha comportato molta ricerca dell'anima.

 

"È difficile parlarne perché ci sono due o più cose in conflitto qui", ha detto il rabbino David Lerner di Temple Emunah a Lexington. “Israele si trova in una posizione molto vulnerabile nel mondo e la Turchia è la sua unica amica in Medio Oriente. Il genocidio è un problema ardente per noi, ora e in passato. È qualcosa di ciò che siamo ”.

 

La risoluzione della Camera che condanna le uccisioni di armeni come genocidio è non vincolante e in gran parte simbolica, ma la reazione della Turchia è stata rapida e furiosa. Ha ricordato il suo ambasciatore da Washington e ha minacciato di ritirare il supporto logistico critico per la guerra in Iraq.

 

Per Patrick Mehr, un residente di Lexington che ha parlato lunedì durante l'incontro, la priorità assoluta è la condanna degli omicidi, indipendentemente dalla risposta della Turchia.

 

Membri di No Place for Hate a Lexington, Massachussets, lunedì, quando la città ha stretto legami con la Anti-Defamation League, sponsor del programma, per l'uccisione di armeni in Turchia.

 

Membri di No Place for Hate a Lexington, Massachussets, lunedì, quando la città ha stretto legami con la Anti-Defamation League, sponsor del programma, per l'uccisione di armeni in Turchia.Credito ...Jodi Hilton per il New York Times

 

CreditoMembri di No Place for Hate a Lexington, Massachussets, lunedì, quando la città ha stretto legami con la Anti-Defamation League, sponsor del programma, per l'uccisione di armeni in Turchia.Credito ...Jodi Hilton per il New York Times

 

Il giorno successivo a casa sua, il signor Mehr, figlio di un sopravvissuto dell'Olocausto, ha espresso la rabbia che molti ebrei e armeni provano nei confronti di Abraham H. Foxman, il direttore nazionale della Lega anti-diffamazione . "Abe Foxman, come George W. Bush, mormora che potrebbe non essere stato un genocidio", ha dichiarato Mehr. “Foxman parla delle commissioni degli studiosi che dovrebbero studiare questo. Ciò, secondo me, suonava esattamente come Ahmadinejad che diceva: "Facciamo un comitato per studiare l'Olocausto". Dammi una pausa."

 

I leader ebrei hanno cercato a lungo di concentrare l'attenzione sulle uccisioni di armeni, a partire dall'ambasciatore americano in Turchia nel 1915, Henry Morgenthau Sr., che scrisse in un cavo che la violenza turca contro gli armeni era "uno sforzo per sterminare la razza". Diversi membri della commissione per gli affari esteri della Camera che hanno votato a favore della risoluzione, tra cui uno sponsor chiave, il rappresentante Adam B. Schiff, democratico della California, sono ebrei.

 

Diversi importanti gruppi ebraici, come il Comitato ebraico americano, si oppongono alla risoluzione, sostenendo che non è il modo migliore per convincere i turchi a esaminare il loro passato.

 

Foxman sostiene che la Turchia è l'unico amico che Israele ha nel mondo musulmano ed è stata ospitale per gli ebrei da quando gli hanno dato rifugio dopo essere stati cacciati dall'Europa durante l'Inquisizione.

 

"Le relazioni di Israele con la Turchia sono le seconde più importanti, dopo le sue relazioni con gli Stati Uniti", ha affermato Foxman. "Tutto questo in un mondo che isola Israele, e tutto ciò non può essere semplicemente sventato".

 

La diffusa attenzione all'opposizione della Lega anti-diffamazione alla risoluzione è arrivata a luglio, quando David Boyajian, un residente armeno-americano di Newton, Massachusetts, ha scritto a un giornale locale dicendo che il programma anti-bigottismo della città, noto come No Place for L'odio, è stato offuscato a causa della sua sponsorizzazione da parte della Lega anti-diffamazione.

 

Ha scritto che l'ADL "ha reso l'Olocausto e le sue parti fondamentali della negazione" del programma, "mentre allo stesso tempo lavora ipocritamente con la Turchia per opporsi al riconoscimento del genocidio armeno del 1915-23".

 

La notizia ha scioccato la maggior parte degli ebrei locali, molti dei quali sono stati a lungo attivi nelle campagne contro le uccisioni in Bosnia, Ruanda e, più recentemente, in Sudan. A metà agosto, Watertown, Massachusetts, aveva deciso di porre fine alla sua affiliazione con il programma della Lega anti-diffamazione. Il 17 agosto, il consiglio di amministrazione della Lega anti-diffamazione del New England ha approvato una risoluzione che chiede all'organizzazione nazionale di riconoscere il genocidio armeno. Il suo direttore regionale, Andrew Tarsy, è stato licenziato dal gruppo nazionale il giorno successivo.

 

La repressione del capitolo locale fece infuriare molti ebrei nell'area di Boston. Due membri del consiglio del New England si sono dimessi, anche se uno è tornato da allora, e molti leader locali hanno criticato il signor Foxman. Newton, la cui popolazione è fortemente ebrea, ha votato per rompere i legami con la Lega anti-diffamazione a meno che non abbia cambiato posizione sulla risoluzione.

Cresciuto in Turchia, Hovannes Minasian, al centro, era tra i numerosi armeni presenti alla riunione cittadina a Lexington.

 

 

Cresciuto in Turchia, Hovannes Minasian,
al centro, era tra i numerosi armeni
presenti alla riunione cittadina a Lexington.
Credito ...Jodi Hilton per il New York Times

 

 

 

 



Il signor Foxman riassunse rapidamente il signor Tarsy e rilasciò una dichiarazione intesa a curare quelle che secondo lui erano pericolose fratture nella comunità ebraica di Boston in un momento in cui l'unità ebraica era cruciale. La dichiarazione non supporta la risoluzione della Camera. Le uccisioni di armeni, scrisse Foxman, furono "equivalenti al genocidio".

 

Ha aggiunto: "Se la parola genocidio fosse esistita, l'avrebbero chiamato genocidio".

 

Alcuni ebrei hanno elogiato il signor Foxman, la cui rivalutazione, hanno detto, era insolita. Ma altri ebrei e armeni hanno detto che non è andato abbastanza lontano.

 

"Nega l'intenzionalità del genocidio", ha dichiarato Joey Kurtzman, direttore esecutivo della rivista online Jewcy.com. Janet Tassel, una congrega al Temple Isaiah di Lexington, ha detto che non le piaceva il signor Foxman ma non riusciva a capire come gli ebrei potessero combattere sulla parola genocidio quando sono in gioco interessi israeliani e americani.

 

"Se questa risoluzione verrà approvata, saluterà Charlie per Israele, per le truppe statunitensi in Iraq", ha affermato Tassel. “Porterà a più antisemitismo. Sono in conflitto su ciò che è giusto. "

 

Il dottor Porter, lo studioso del genocidio, ha affermato che le diverse opinioni tra gli ebrei sulla risoluzione derivano in parte dal fatto che vedessero Israele come particolarmente vulnerabile. "Vedo Israele come una nazione forte", ha detto il Dr. Porter, dopo aver parlato per aver tagliato i legami con la Lega anti-diffamazione durante l'incontro di Lexington. “Gli ebrei sono forti. Non devono essere intimiditi dalla politica. "

 

Il complesso di considerazioni ha pesato molto sul rabbino Howard L. Jaffe del tempio di Isaia, che dopo settimane di pensiero ha deciso di appoggiare la risoluzione del genocidio. "È molto difficile per me sostenere una posizione che potrebbe essere dannosa per Israele", ha detto. "Ma per me come ebreo, devo prendere sul serio i valori ebraici e ci richiedono di fare ciò che è giusto e giusto".

 

Alla riunione di Lexington, quasi tutti hanno elogiato il programma No Place for Hate, che ha lavorato con centinaia di residenti negli ultimi sette anni.

 

Alcuni residenti ebrei hanno sottolineato che il capitolo locale della Lega anti-diffamazione ha preso posizione per la risoluzione e non dovrebbe essere punito per la politica della leadership nazionale; ma Vicki Blier, un altro membro di Temple Isaiah, in un'intervista telefonica ha dichiarato che la Lega anti-diffamazione doveva essere ritenuta responsabile delle sue opinioni.

 

"Se questa fosse un'organizzazione che negava l'Olocausto, avrebbero il permesso di fare qualsiasi cosa in città, anche se quello che stanno facendo è il programma più vantaggioso?" Disse la signora Blier. “Nella mia esperienza, gli ebrei sono in prima linea nel riconoscimento dell'ingiustizia. Gli ebrei hanno sempre sporto il collo per gli altri ”.

 

 https://www.nytimes.com/2007/10/19/us/19genocide.html?em&ex=1192939200&en=1a0f5f7ce99248b9&ei=5087






Copyright © by Avventismo Profetico All Right Reserved.

(431 letture)

[ Indietro ]
SALVA LA PAGINA IN PDF

VUOI INVIARE UN MESSAGGIO? SCRIVERE UN COMMENTO O RICEVERE MAGGIORI INFORMAZIONI?
CLICCA QUI PER SCRIVERCI

© 2009 Avventismo Profetico - Giuseppa La Mantia