Home  ·  Contattaci  ·  NUOVO SITO WEB

Italiano



Olocausto

Olocausto Sdraiato può portare a Real One

MUNCH EBREO SCREAM

Di Robert Faurisson

Senza la menzogna del presunto Olocausto e le presunte camere a gas, lo Stato di Israele non esisterebbe, e il mondo sarebbe un posto più tranquillo. Il falso Olocausto è diventato la spada e lo scudo di Israele, mettendo in pericolo la pace. Un olocausto immaginaria, inventata e alimentata dai sionisti di Israele e gli ebrei della diaspora, può portare ad un effettivo, olocausto globale.

EBREO BAMBINA CON PISTOLA ARTEGli ebrei e gli americani

Nel 1947-1948, si rappresenta come i sopravvissuti di un presunto genocidio degli ebrei ottenuto, dal ricatto e terrorismo, il diritto di creare uno stato in terra di Palestina. Nonchalance, hanno convinto la comunità internazionale che, a titolo di risarcimento per una tragedia senza precedenti (il loro presunto "Olocausto"), hanno meritato un rimedio senza precedenti: l'assegnazione di terre appartenenti ad altri popoli. Dopo aver ricevuto questo dono esorbitante, hanno ampliato il loro territorio notevolmente nelle guerre croniche, senza prestare attenzione alle restrizioni istituita dalle Nazioni Unite per proteggere i palestinesi, le restrizioni che i sionisti avevano preso un impegno a rispettare.

Per oltre 50 anni, con l'aiuto della diaspora ebraica, hanno effettuato una politica coloniale di conquista e di apartheid contro il popolo palestinese. I sionisti hanno violato un accordo internazionale dopo l'altro, trattando una sessantina di risoluzioni delle Nazioni Unite contro le loro pratiche come nulla e non avvenuta. I leader politici americani hanno sostenuto, armato e difeso Israele come devozione, come se fosse stato più importante degli Stati Uniti d'America. Va detto che non possono permettersi di sfidare la lobby ebraica, che monitora tutti gli ambiti politici e dei media del loro paese. Ciò nonostante, la maggior parte americani, intossicati dalla propaganda olocausto, sono fin troppo pronti a trarre la propria fede in un mondo diviso in due gruppi - uno buono (ebrei ed i loro associati), gli altri cattivi (i nazisti ei loro simili) - dalle invenzioni di una nevrosi ebraica.

Per questi americani, il nazista, supremo cattivo, mai deciso a uccidere il povero Ebreo, paragon di innocenza e virtù, è la misura di tutte le cose. Non è un caso che l'Hulk orribile che ospita la United States Holocaust Memorial Museum si trova nelle immediate vicinanze del Monumento a Washington, non lontano da Capitol Hill.

Gli arabi ed i musulmani

Gli ebrei hanno finalmente esaurito la pazienza del mondo arabo e musulmano. Nel corso della loro lunga storia hanno avuto, nel corso dei secoli, consumato il loro benvenuto con ogni nazione europea che li aveva ammesso in gran numero, in particolare l'inglese, il francese, lo spagnolo, e, soprattutto, i tedeschi ei polacchi. Fino a non molto tempo fa l'esempio della lunga data (relativa) tolleranza degli arabi verso gli ebrei serviva come foraggio per lezioni di moralità regolarmente indirizzate a nazioni europee. Oggi, queste lezioni non sono più possibili. L'eccezione araba non c'è più: anche i loro compagni semiti sono ora in aumento contro il popolo ebraico ", prepotente e sicuro di sé" (come Charles de Gaulle li chiamò nel 1967). Per essere sicuri, all'interno della comunità ebraica si sono occasionalmente sforzi da parte di alcuni spiriti chiaroveggenti come Noam Chomsky e il compianto Israel Shahak, autore di Storia ebraica, religione ebraica, per mettere in guardia i fanatici, ma questi sono andati inascoltato. Detto questo, Chomsky, come Shahak, ha sempre sostenuto il grande mito ebraico, autorizzando in tal modo a Israele di continuare ad impiegare, con una coscienza serena, la sua miglior argomento e quello numero arma nel suo arsenale: l '"Olocausto", naturalmente. Gli arabi, i musulmani, e l'intero popolo palestinese sono oggi le principali vittime di questa arma e questo argomento ricavato da una bugia.

La nuova crociata

L'11 settembre 2001, il debole colpito alla cittadella della possente, a New York. Il cuore del potere ebraico-americana, il quartiere finanziario centrato su Wall Street, dove le fortune di miliardi umili del mondo sono quotidianamente deciso, è stato colpito da tutta la forza dei "terroristi" il coraggio di sacrificare la propria vita in una missione suicida.

In quel giorno a New York, la prima torre del World Trade Center (un nome che faceva sul serio!) Potrebbe essere stato chiamato "Hamburg" o "Hiroshima", il secondo "Dresda" o "di Nagasaki". Eppure, la loro distruzione sembra di aver lasciato, da varie stime, non più di tra tre e cinque mila morti - un grido lontano dalle grandi gesta di annientamento delle forze aeree statunitensi e britanniche nei primi anni 1940.

In risposta l'America ha intrapreso un'altra crociata. Nel 1940, il generale Dwight Eisenhower (che in seguito sarebbe stato ricompensato con la presidenza) ha lanciato una "Crociata in Europa", un impegno militare-industriale che doveva rivelarsi più proficuo per gli Stati Uniti ("The Best War mai"), ma piuttosto il contrario per i popoli d'Europa: per loro significava milioni di morti, un'immensa distruzione, e la consegna di una buona parte del loro continente al Soviet russo Moloch. Questa "liberazione" d'Europa, del resto, ha portato nella sua scia una purga crudele politica, l'espulsione omicida di 12-15.000.000 tedeschi, retate arbitrarie e retate, lo smembramento di un grande paese, la sua occupazione militare completa, un regime di censura, e l'imposizione di tribunali in cui i vincitori, come giudici e pubblici ministeri sia, ha cercato i vinti nei procedimenti palesemente fasulli. Oggi, nel 2001, gli studi dello stesso tipo permettono ai figli d'Israele di vendicarsi su ottantenni o novantenni accusati, sulla forza della testimonianza ebraica da solo, di "crimini contro l'umanità."

Le Crociate precedenti

In reazione agli attacchi dell'11 settembre, l'America, questa volta, è fuori per "giustizia infinita", macellando i civili per la ventesima volta in 60 anni. Dal 1941 al 2001, nessun corpo militare ha ucciso o bruciato più civili, più figli, e più bambini che l'aria armata costituiti dalla US Air Force e gli squadroni della US Army, Navy e Marine Corps, a volte distaccato da loro alleato , la RAF. La cavalieri erranti di fosforo, napalm, Agente Arancio, bombe a frammentazione, il fuoco nucleare e uranio (arricchito o impoverito) stanno per infliggere loro lezioni tempo onorato nel diritto internazionale, la giustizia, la virtù, e "Enduring Freedom" sul disperatamente poveri terre, come hanno fatto a Berlino, Amburgo, Dresda, e in Europa in generale (67.000 uccisi nella "liberazione" della sola Francia), così come in Giappone, Corea, Vietnam, Iraq, Libia, Sudan, Nicaragua, El Salvador, Grenada, Panama, la Jugoslavia, e altrove. In soli 60 anni gli americani, che sono anche più grandi inquinatori industriali del mondo, hanno martoriato la superficie terrestre con miliardi di bombe, granate, missili e mine, in particolare le mine antiuomo, così pericoloso per i civili. Preoccupato per la vita dei loro soldati - il che è comprensibile - le forze armate degli Stati Uniti di solito optare per un metodo particolarmente vile di combattimento. Sganciare bombe ad alta quota, il lancio di missili da una grande distanza, diffondendo il terrore tra le popolazioni civili inermi, l'esercito americano ha da alcuni anni ha cercato una guerra a zero-morte, che, come revisionista francese Vincent Reynouard mette, ammonta a guerre conducendo in cui , da un lato, il bilancio delle vittime è zero, o vicino ad esso, mentre i morti dell'altro conteggio laterale per ... niente. Sistemati comodamente sulle loro portaerei o su basi ben dietro il fronte, i ragazzi, inalando i loro spuntini e downing loro birra, piovere morte e distruzione da lontano.

Il vero olocausto delle città tedesche

gif__01__Dresden_Bomb_Victims_cu83A6

Vittime tedesche del bombardamento alleato di Dresda.

Accanto al martirio delle città tedesche in l'ultima guerra, il destino di coloro che sono fuggiti Manhattan dopo la distruzione delle due torri era invidiabile. Sono fuggiti la scena del disastro, senza essere mitragliato con proiettili di mitragliatrice. A differenza di tanti tedeschi 1942-1945 - affamato, insonni, giorno addolorato per giorno dalla notizia della morte dei loro fratelli e mariti, soprattutto sul fronte russo - i profughi di Manhattan non sono stati trasformati in torce umane mirati da caccia -bombardieri. Le vittime dei bombardamenti a tappeto spesso fuggiti con i loro capelli e la loro vestiti in fiamme. Avrebbero tuffarsi in acqua per spegnere le fiamme, che sarebbero morti in giù, solo a divampare di nuovo quando le povere anime si avvicinò per aria: fosforo. L'ultima a morire nella tempesta di fuoco perirono dal calore così intenso che vesciche tetti delle loro bocche. Per quanto riguarda i vigili del fuoco e soccorritori, molti di loro sono stati uccisi da bombe ad azione ritardata.

Le lezioni Futile del Passato

In questo settembre nero, gli americani erano in grado di avere un'idea - anche se solo una piccola - di quello che hanno inflitto a tanti paesi nel corso di tanti anni. In Vietnam hanno subito una sconfitta umiliante, e portato a casa 56.000 Bodybags. Sembravano aver imparato ciò che potrebbe costare a disprezzare quelli più piccoli, più deboli e più poveri di loro stessi. Francia e Gran Bretagna avevano sperimentato umiliazioni identici durante il crollo dei loro imperi coloniali, ma anche sembrano aver imparato alcune lezioni utili. Ora, però, gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e la Francia, tutto preso da frenesia marziale, stanno dimenticando le lezioni dalla loro storia recente.

Terrorismo ingrandita di quelli che si lamentano di E

E 'un po' ridicolo per vedere il possente denunciare il terrorismo dei loro avversari. Non solo questi stessi possente terrorismo inventare sulla grande scala, lo hanno promosso, elogiato, e sublimati esso, sotto il termine "resistenza". Roosevelt, Churchill, de Gaulle, Tito, e il loro amico Stalin tutti, in varia misura, fatto l'omicidio imboscata di soldati nemici e civili la loro politica. In questo modo questi leader a sangue freddo provocato rappresaglie da parte del nemico, effettuate in conformità con le convenzioni internazionali, in modo che la macellazione sarebbe allevare macellazione. In tal modo gli Alleati fatti guerra invisibile, la guerra del codardo, un appuntamento fisso del Novecento. Certo lo spirito di resistenza è un nobile, ma non in quella forma. E che cosa è da dire del terrorismo praticato dai fondatori dello stato sionista, che hanno ucciso, per esempio, Lord Moyne, il conte Bernadotte, e tanti altri? Un modello, a quanto pare, per la lotta per una giusta causa.

Madeleine AlbrightLa fortuna degli ebrei

Le torri per uffici gemelle di New York erano in leasing a lungo termine per un Larry Silverstein, che sarà senza dubbio ingrassare "riparazioni." Il suo correligionario Madeleine Albright [left], figlia di un ladro di nome Körbel, ha dichiarato nel 1996 che, anche se la politica americana verso l'Iraq aveva causato la morte di mezzo milione di bambini iracheni ", il prezzo ... è valsa la pena." L'israeliano Netanyahu non ha potuto nascondere la sua gioia per l'apprendimento della distruzione delle torri e la morte di migliaia di americani: era una buona notizia per gli ebrei, perché l'America sarebbe ora di capire che i propri interessi e quelli di Israele erano identici. Sharon, il macellaio e incendiaria, insieme a Shimon Peres, ha visto in esso una opportunità sia per la sua politica di piantare insediamenti ebraici in mezzo alle masse arabe e per il suo programma di assassinio sistematico. Per l'occasione, gli Stati Uniti gli permette di uccidere adulti e bambini palestinesi a volontà, con proiettili, granate, missili, carri armati, elicotteri e aerei pagati dal contribuente americano.

Hard Luck Ahead per gli ebrei

Gli americani e gli israeliani possono avere il loro sport. Si può costare loro caro, tuttavia, per lo Stato di Israele è condannata. Non durerà ancora fino a quando l'effimero regno cristiano di Gerusalemme. Non sarà necessario un Bin Laden o un secondo Saladino. Non le armi, non i soldi, non gli Stati Uniti, né gli ebrei della diaspora, né la Germania che, in preda al suo masochismo nazionale, sarebbero in grado di sacrificare i suoi soldati per la sopravvivenza dello stato sanguisuga, si fermerà "Discesa" ( come gli Ebrei chiamata emigrazione ebraica da Israele, al contrario di "loro ascesa" per la Terra Promessa). Per gli israeliani stanno già saltando nave. A Tel Aviv, a Gerusalemme, negli insediamenti, padri ebraici e madri temono per la propria vita e per quella dei loro figli, per le loro carriere, per le loro imprese. Il carico fiscale imposto dal bilancio militare di Israele, e la lunghezza e pericoli del servizio militare (per uomini e donne), sono in diminuzione il numero dei contribuenti e potenziali reclute, attraverso il fenomeno della "re-emigrazione." La Promessa Terra sta diventando il posto più pericoloso al mondo per gli ebrei. Era stato un rifugio sicuro per i truffatori e ladri, in particolare per quella mafiosa denominata "russo", che è in realtà giudaico-russo. Israele ha concesso richieste di estradizione da paesi che tentano di perseguire Flatto Sharon e truffatori simili solo molto raramente. Oggi, tuttavia, i tribunali francesi stanno trovando, in casi connessi con la gigantesca truffa banca conosciuta come la "affaire du Sentier," che truffatori sfacciate fuggiti Francia per rifugiarsi in Israele preferiscono tornare, anche a costo di andare in prigione. La terra di latte e miele, è inondato di lacrime e sangue. Di chi è la colpa?

Tra la valigia e la bara

Così l'Ebreo errante sta per colpire di nuovo la strada. In quasi ogni luogo ha soggiornò, la sua condotta ha suscitato la rivolta della popolazione ospitante, che ha finalmente gli ordinò di scegliere tra la valigia e la bara. Nell'Israele di oggi, egli avrà presto bisogno di mettere in valigia la sua valigia. Lui farà il suo ritorno alle terre ricche che sono stati lavaggio del cervello dalla sua propaganda olocaustica. Lamentando un secondo "Olocausto" e una terza distruzione del Tempio sarà sufficiente: poi se ne richiedono nuove riparazioni, nuovi privilegi. Il business della Shoah e l'industria dell'Olocausto rinnoveranno il loro vigore, questa volta, però, il rischio di raggiungere il punto di saturazione.

In uno scenario peggiore, Israele potrebbe verificarsi una guerra civile combattuta da un esercito sotterraneo di desperados. Alla fine, Tel Aviv potrebbe subire il destino di Algeri nel 1962, e la Gerusalemme ebraica andare giù come Saigon nel 1975. Una caduta meno drammatica, simile a quella della Germania Est comunista o dell'impero sovietico, è anche possibile. In ogni caso, l'epicentro del conflitto attuale è Israele, e Israele è finito.

Propaganda di guerra

Il sacco di palestinesi di tutte le fedi sarà tragico, provocando sempre più disperazione e fanatismo. Le masse dei paesi arabo-musulmani già sperano di vedere l'Occidente puniti per i reati che, a loro avviso, si è commesso o tollerato, in Palestina (più che per i suoi misfatti in Arabia Saudita, Iraq, o in Afghanistan). Uno spirito di jihad, o guerra santa, sta crescendo tra queste masse, pure. Aya-Torahs e ayatollah incitano l'un l'altro. Su entrambi i lati, nella ricca e potente Occidente e tra le popolazioni povere del mondo arabo-musulmano, passioni e paure si stanno intensificando. Ci sara 'una grande quantità di uccisione e una grande quantità di mentire. La menzogna prodigiosa del preteso "Olocausto" degli ebrei, spada e scudo di Israele e la Diaspora, potrebbe così portare ad un vero e proprio olocausto di dimensioni globali. Autori revisionisti hanno da tempo avvertito che la religione del falso "Olocausto", con le sue immaginarie "camere a gas" e la sua presunta "sei milioni", ha portato con sé un catalizzatore spaventosa per l'odio. Eventi contemporanei danno motivo di temere che questo odio culminerà nella creazione del pianeta in fiamme e provocando un olocausto mondiale.

Cautela revisionista

I revisionisti seguiranno l'esempio di Paul Rassinier, il primo revisionista. La prova contro ogni propaganda di guerra, che mireranno alla esattezza, anche come emozioni da entrambe le parti sono bugie di allevamento. Essi rifiutano di diffondere le invenzioni della propaganda anti-americana, anti-ebraica, o anti-araba. Come per l'11 settembre, sono in dovere di risparmiarci così tipico scuttlebutt cospirativa come "Bush sapeva", "La CIA doveva sapere", "L'FBI era in su di esso", "E 'stato tutto un complotto del Mossad," " Quattro mila ebrei non si sono presentati al lavoro quel giorno "," esplosivi erano stati piantati in entrambi gli edifici ", ecc propaganda araba sarà arpa più che mai sui miti di omicidio rituale ebraico o pozzi ebrei avvelenamento dei gentili, e lo farà invocare tale contraffazione di brevetto, i Protocolli dei Savi di Sion. Molti di più voci, deliri, follie, ed esempi di delirio di massa sono prevedibili. Gli americani sottovalutare il numero di vittime dei loro bombardamenti e gli afghani loro saranno esagerare. Dio o Geova, da un lato, e Allah, dall'altro, sarà, insieme con i loro profeti, essere chiamato a incitare l'odio e la paura. Testimoni falsi, falsi rapporti, falsi interviste e documenti falsi proliferano. In questo campo di Bush figlio sarà forse supererà Bush storia del padre degli incubatori scollegato dagli iracheni in Kuwait. Censura, naturalmente, aumenterà senza che i governi nemmeno dover passare nuove leggi.

La Santa Alleanza dei Potenti

In Francia, il quotidiano Le Monde, che io chiamo il "Journal obliquo," ha fatto il suo inchino all'inizio. Sotto l'integrale del suo direttore, il gobbo, sudato-palmed Jean-Marie Colombani, il suo vantaggio è stato intitolato "Siamo tutti americani". Con questo, la Francia si è trovata in uno stato di guerra. E 'una tradizione cara alla sinistra (che, come tutti sanno, esiste un monopolio di cordialità e intelligenza) di far precipitare il paese in una guerra senza previa consultazione del Parlamento, né alcuna decisione da parte di quest'ultima. Questo equivale a un totale disprezzo per la legge, per la costituzione, ma non importa! Esso permette al cittadino francese di andare a dormire in pace e svegliarsi alla guerra. Per essere onesti, ricordiamoci che il presidente, Jacques Chirac, ex comunista si è gollista, si sente ancora più bellicoso e americani che il suo primo ministro, Lionel Jospin, il capo di una coalizione socialista-comunista-verde. Una sorta di santa alleanza è stata forgiata contro il paria turbante da cui tutto il male: Osama bin Laden, a chiamarlo per nome. C'era una volta, il suo nome era Adolf Hitler. Egli non ha commesso un crimine imperdonabile dal ingerenza con l'oro, gli ebrei e il comunismo? Aveva avuto la sfrontatezza di rifiutare il gold standard. Lo ha fatto così bene senza di essa che il suo nuovo sistema economico, gli ha permesso di commercio su larga scala con gli altri paesi oro-poveri, in particolare Italia, Giappone, e certo centrale europea e Stati latino-americani. Gran Bretagna, Francia e Stati Uniti erano in preda al panico: la Germania è stata invadendo il loro territorio, portando via i loro mercati. I ricchi (in oro) non apprezzano la rivolta, la coalizione, e il successo dei poveri (in oro). Alla fine del 1930, le tre nazioni ricche, che sostenevano di condividere lo stesso sistema democratico, erano, più che altro, legati, l'uno all'altro, da una catena d'oro. Dopo la guerra, nel 1947, L. Genet e Victor-L. Tapié sono stati in grado di pubblicare, nella loro Précis d'histoire contemporaine, 1919-1939 (Paris: Hatier), una citazione che leggere in inglese: "Non è quindi un legame ideologico, ma una catena d'oro che legava le grandi democrazie l'un l'altro "(p. 206), ma ha aggiunto:" Sei anni di autosufficienza fatti Germania più grande paese industriale del mondo "(p. 209). I finanzieri ebrei hanno preso ancora più umbrage rispetto al resto: Come si può fare a meno di loro e il loro oro?! Quanto alla Russia comunista, ha guardato Hitler messo in pratica il programma sociale di cui i sovietici sognato. Il dittatore rash è stato a pagare un alto prezzo per la sua temerarietà - tutto il più alto da quando ha iniziato a spingere la sua fortuna con l'incoscienza di un giocatore d'azzardo su un rullo. Poi è arrivata la catastrofe, per l'Europa e per l'Asia, della Seconda Guerra Mondiale.

Nuova santa alleanza di oggi delle democrazie occidentali e la Russia contro la nuova rovinare auguri sportivi malati per domani. Sotto la solita patina di generosità e di altruismo, gli Stati Uniti dovranno affrontare senza pietà con le masse arabo-musulmani, che potrebbero minacciare le forniture di risorse naturali, la sua dello zio Sam "commercio mondiale", e la sua economia. Invocare il loro caro "Olocausto" e la necessità di evitare un secondo "Olocausto" degli ebrei sarà altrettanto spietato ai palestinesi. I russi si schiacciare ogni nozione di indipendenza tra le loro minoranze musulmane - e la Russia ha già la sua mano per l'elemosina americani in ricompensa.

L'unica possibilità per la Pace

L'unica possibilità per la pace risiede nello spirito di resistenza alle menzogne ​​dei propagandisti. Oggi la propaganda più pericoloso non proviene dai poveri. Proviene dal ricco e potente, ed i loro mercenari, i quali sono in grado, se si sentono veramente minacciati, di creare il mondo intero in fiamme. La propaganda più pericoloso viene dai nevrotici con la loro falsa "Olocausto": gli ebrei, gli americani ed i loro tirapiedi.

Se i revisionisti stati ascoltati, la religione del falso "Olocausto" degli ebrei non sarebbe più prosperare, né essere ancora alimentando la simpatia di gran parte del mondo occidentale per l'impresa sionista. La Diaspora visualizzerebbe meno arroganza. Per cominciare, lo Stato di Israele non esisterebbe.

Storico bugie odio di razza, uno zelo crociato, e la guerra. Un ritorno al rigore storico sarebbe promuovere la riflessione e la pace.

- 8 ottobre 2001

FONTE

Circa l'autore

Dr. Robert Faurisson

Dr. Robert Faurisson

Robert Faurisson è più importante studioso revisionista dell'Olocausto in Europa. Nato nel 1929, ha studiato alla Sorbona, il professor Faurisson ha insegnato presso l'Università di Lione dal 1974 al 1990. Specializzata in analisi testuale vicino, Faurisson ha vinto ampi consensi per i suoi studi di poesie di Rimbaud e Lautréamont. Dopo anni di ricerca e di studio privato, Faurisson ha rivelato il suo scetticismo dell '"Olocausto" camere a gas in articoli pubblicati nel 1978 e 1979 nel quotidiano francese Le Monde. Ha scritto numerosi articoli su tutti gli aspetti della "Shoah", molti dei quali sono apparsi in questa rivista. Una collezione di quattro volumi di molti dei suoi scritti revisionisti, Scritti Révisionnistes (1974-1998), è stato pubblicato nel 1999.

Nota del redattore: Molte grazie a WWW.IHR.ORG

Holocaust Lying May Lead To Real One

MUNCH JEW SCREAM

By Robert Faurisson

Without the lie of the alleged Holocaust and the alleged gas chambers, the State of Israel would not exist, and the world would be a more peaceful place. The false Holocaust has become the sword and the shield of Israel, endangering peace. An imaginary holocaust, invented and nurtured by the Zionists of Israel and the Jews of the Diaspora, may lead to an actual, global holocaust.

LITTLE JEW WITH GUN ARTThe Jews and the Americans

In 1947-1948, representing themselves as the survivors of an alleged genocide, the Jews obtained, by blackmail and terrorism, the right to create a state in the land of Palestine. Nonchalantly, they persuaded the international community that, in compensation for an unprecedented tragedy (their supposed “Holocaust”), they merited an unprecedented remedy: the award of lands belonging to other peoples. After receiving this exorbitant gift, they enlarged their territory considerably in chronic wars, paying no heed to the restrictions instituted by the United Nations to protect the Palestinians, restrictions which the Zionists had made a commitment to respect.

For over fifty years, with the help of the Jewish Diaspora, they have carried out a colonial policy of conquest and apartheid against the Palestinian people. The Zionists have violated one international agreement after another, treating some sixty UN resolutions against their practices as null and void. America’s political leaders have supported, armed, and defended Israel as devotedly as if it were the foremost state of the United States of America. It must be said that they cannot afford to defy the Jewish lobby, which closely monitors all their country’s political and media spheres. Nonetheless, most Americans, intoxicated by the holocaust propaganda, are all too ready to derive their own belief in a world divided into two groups — one good (Jews and their associates), the other evil (Nazis and their ilk) — from the inventions of a Jewish neurosis.

For these Americans, the Nazi, supreme villain, ever bent on killing the poor Jew, paragon of innocence and virtue, is the measure of all things. It is not mere coincidence that the ghastly hulk which houses the United States Holocaust Memorial Museum stands in the immediate proximity of the Washington Monument, not far from Capitol Hill.

The Arabs and the Muslims

The Jews have finally exhausted the patience of the Arab and Muslim world. During their long history they had, down the centuries, worn out their welcome with every European nation which had admitted them in large numbers, in particular the English, the French, the Spanish, and, especially, the Germans and the Poles. Until rather recently the example of the long-standing (relative) tolerance of the Arabs toward the Jews served as fodder for morality lessons regularly addressed to European nations. Today, such lessons are no longer possible. The Arab exception is no more: even their fellow Semites are now rising against the Jewish people, “domineering and self-assured” (as Charles de Gaulle called them in 1967). To be sure, within the Jewish community there have occasionally been efforts on the part of a few clear-sighted spirits such as Noam Chomsky and the late Israel Shahak, author of Jewish History, Jewish Religion, to warn the zealots, but these have gone unheard. That said, Chomsky, like Shahak, has always endorsed the great Jewish myth, thus authorizing Israel to continue to employ, with an untroubled conscience, its best argument and the number one weapon in its arsenal: the “Holocaust,” of course. The Arabs, the Muslims, and the entire Palestinian people are today the principal victims of this weapon and this argument fashioned from a lie.

The New Crusade

On September 11, 2001, the weak struck at the citadel of the mighty, in New York. The heart of Jewish-American power, the financial district centered on Wall Street, where the fortunes of the world’s lowly billions are daily decided, was hit by the full force of “terrorists” brave enough to sacrifice their lives in a suicide mission.

On that day in New York, the first tower of the World Trade Center (a name that meant business!) might have been called “Hamburg” or “Hiroshima,” the second “Dresden” or “Nagasaki.” Yet, their destruction seems to have left, by various estimates, no more than between three and five thousand dead — a far cry from the great feats of annihilation of the U.S. and British air forces in the early 1940s.

In response America has embarked on another crusade. In the 1940s, General Dwight Eisenhower (who would later be rewarded with the presidency) launched a “Crusade in Europe,” a military-industrial undertaking which was to prove most fruitful for the United States (“The Best War Ever”) but quite the opposite for the peoples of Europe: for them it meant millions of dead, immense destruction, and the consignment of a good part of their continent to the Soviet Russian Moloch. This “liberation” of Europe, moreover, brought in its wake a cruel political purge, the murderous expulsion of twelve to fifteen million Germans, arbitrary dragnets and roundups, the dismemberment of a great country, its complete military occupation, a regime of censorship, and the imposition of tribunals in which the victors, as judges and prosecutors both, tried the vanquished in patently sham proceedings. Today, in 2001, trials of the same kind allow the children of Israel to exact vengeance on octogenarians or nonagenarians accused, on the strength of Jewish testimony alone, of “crimes against humanity.”

The Previous Crusades

In reaction to the attacks of September 11, America, this time, is out for “infinite justice,” by slaughtering civilians for the twentieth time in sixty years. From 1941 to 2001, no military corps has killed or burnt more civilians, more children, and more infants than the air armada consisting of the U.S. Air Force and the squadrons of the U.S. Army, Navy, and Marine Corps, sometimes seconded by their ally, the RAF. The knights-errant of phosphorus, napalm, Agent Orange, fragmentation bombs, nuclear fire, and uranium (enriched or depleted) are about to inflict their time-honored lessons in international law, justice, virtue, and “enduring freedom” on desperately poor lands, as they have done to Berlin, Hamburg, Dresden, and to Europe at large (67,000 killed in the “liberation” of France alone), as well as to Japan, Korea, Vietnam, Iraq, Libya, Sudan, Nicaragua, El Salvador, Grenada, Panama, Yugoslavia, and elsewhere. In just sixty years the Americans, who are also the world’s biggest industrial polluters, have battered the Earth’s surface with billions of bombs, shells, missiles, and mines, especially anti-personnel mines, so dangerous to civilians. Concerned about the lives of their own soldiers — which is understandable — the U.S. armed forces usually opt for a particularly cowardly method of combat. Dropping bombs at high altitude, launching missiles from a great distance, spreading terror among unarmed civilian populations, the American military has for some years sought a zero-death war, which, as French revisionist Vincent Reynouard puts it, amounts to waging wars in which, on one side, the death toll is zero, or close to it, while the dead of the other side count for … nothing. Comfortably ensconced on their aircraft carriers or on bases well behind the front, the boys, inhaling their snacks and downing their beer, rain down death and destruction from afar.

The Real Holocaust of the German Cities

gif__01__Dresden_Bomb_Victims_cu83A6

German victims of Allied firebombing in Dresden.

Beside the martyrdom of the German cities in the last war, the fate of those who fled Manhattan after the destruction of the two towers was enviable. They escaped the scene of the disaster without being strafed with machine gun bullets. Unlike so many Germans from 1942 to 1945 — starved, sleepless, grief-stricken day by day by news of the deaths of their brothers and husbands, above all on the Russian front — the refugees from Manhattan were not turned into human torches targeted by fighter-bombers. The victims of the carpet bombings often fled with their hair and their clothing in flames. They would dive into water to extinguish the flames, which would die down, only to flare up anew when the poor souls came up for air: phosphorus. The last to die in the firestorm perished from heat so intense it blistered the roofs of their mouths. As for the firemen and first-aid workers, many of them were killed by delayed-action bombs.

The Futile Lessons of the Past

In this Black September, Americans were able to get an idea — though only a small one — of what they have inflicted on so many countries over so many years. In Vietnam they suffered a humiliating defeat, and brought home 56,000 bodybags. They seemed to have learned what it might cost to scorn those smaller, weaker, and poorer than themselves. France and Britain had experienced identical humiliations during the collapse of their colonial empires; they also appeared to have learned some useful lessons. Now, however, the United States, Britain, and France, all seized by martial frenzy, are forgetting the lessons from their recent histories.

Terrorism Magnified by Those Who Complain of It

It is a bit ludicrous to see the mighty denounce the terrorism of their adversaries. Not only did these same mighty invent terrorism on the grand scale, they promoted it, praised it, and sublimated it, under the term “resistance.” Roosevelt, Churchill, de Gaulle, Tito, and their friend Stalin all, in varying degrees, made the ambush murder of enemy soldiers and civilians their policy. In this way these leaders cold-bloodedly provoked reprisals by the enemy, carried out in conformance with international conventions, so that slaughter would breed slaughter. Thereby the Allies made covert warfare, the coward’s war, a fixture of the twentieth century. Assuredly the spirit of resistance is a noble one, but not in that form. And what is to be said of the terrorism practised by the founders of the Zionist state, who murdered, for example, Lord Moyne, Count Bernadotte, and so many others? A model, it would seem, for struggle in a just cause.

Madeleine AlbrightThe Luck of the Jews

The twin office towers in New York were under long-term lease to one Larry Silverstein, who will doubtless get fat “reparations.” His co-religionist Madeleine Albright [left], daughter of a thief named Körbel, stated in 1996 that even if American policy toward Iraq had caused the deaths of half a million Iraqi children, “the price … was worth it.” The Israeli Netanyahu could not hide his joy on learning of the destruction of the towers and the deaths of thousands of Americans: it was good news for the Jews, because America would now understand that its own interests and those of Israel were identical. Sharon, the butcher and incendiary, along with Shimon Peres, saw in it an opportunity both for his policy of planting Jewish settlements amidst the Arab masses and for his program of systematic assassination. For the nonce, the United States lets him kill Palestinian adults and children at will, with bullets, shells, missiles, tanks, helicopters, and planes paid for by the American taxpayer.

Hard Luck Ahead for the Jews

The Americans and Israelis can have their sport. It may cost them dearly, however, for the State of Israel is doomed. It won’t last even as long as the ephemeral Christian kingdom of Jerusalem. A bin Laden or a second Saladin won’t be needed. Not weapons, not money, not the United States, nor the Jews of the Diaspora, nor Germany which, prey to its national masochism, would be capable of sacrificing its soldiers for the survival of the leech state, will stop “the Descent” (as the Hebrews call Jewish emigration from Israel, as opposed to “their Ascent” to the Promised Land). For the Israelis are already jumping ship. In Tel Aviv, in Jerusalem, in the settlements, Jewish fathers and mothers fear for their own lives and for those of their children, for their careers, for their businesses. The tax burden imposed by Israel’s military budget, and the length and the dangers of military service (for both men and women), are decreasing the numbers of taxpayers and potential recruits, by way of the phenomenon of “re-emigration.” The Promised Land is becoming the most hazardous spot on earth for Jews. It had been a safe haven for swindlers and thieves, in particular for that mafia called “Russian,” which is in fact Judeo-Russian. Israel has granted extradition requests from countries attempting to prosecute Flatto Sharon and similar crooks only very rarely. Today, however, French courts are finding, in cases connected with the gigantic bank swindle known as the “affaire du Sentier,” that brazen crooks who had fled France for refuge in Israel prefer to return, even if it means going to prison. The land of milk and honey is awash in blood and tears. Whose fault is that?

Between the Suitcase and the Coffin

So the wandering Jew is about to hit the road again. In nearly every place he has sojourned, his conduct has aroused the revolt of the host population, which has finally ordered him to choose between the suitcase and the coffin. In today’s Israel, he will soon have need to pack his suitcase. He will make his way back to the rich lands that have been brainwashed by his holocaustic propaganda. Bewailing a second “Holocaust” and a third Destruction of the Temple will suffice: then he’ll demand new reparations, new privileges. The Shoah business and Holocaust industry will renew their vigor, this time, however, at risk of reaching the saturation point.

In a worst-case scenario, Israel may experience a civil war waged by an underground army of desperados. In the end, Tel Aviv could suffer the fate of Algiers in 1962, and Jewish Jerusalem go down like Saigon in 1975. A less dramatic fall, similar to that of communist East Germany or of the Soviet empire, is also possible. In any case, the epicenter of the present conflict is Israel, and Israel is finished.

War Propaganda

The lot of Palestinians of all faiths will be tragic, provoking ever more despair and fanaticism. The masses of the Arab-Muslim countries already hope to see the West punished for the crimes which, in their view, it has committed or tolerated, in Palestine (more so than for its misdeeds in Saudi Arabia, Iraq, or Afghanistan). A spirit of jihad, or holy war, is growing among these masses, as well. Aya-Torahs and ayatollahs incite one another. On both sides, in the rich and powerful West and among the deprived populations of the Arab-Muslim world, passions and fears are intensifying. There is going to be a great deal of killing and a great deal of lying. The prodigious lie of the alleged “Holocaust” of the Jews, sword and shield of Israel and the Diaspora, could thus lead to a real holocaust of global dimensions. Revisionist authors have long warned that the religion of the false “Holocaust,” with its imaginary “gas chambers” and its alleged “Six Million,” carried within it a frightful catalyst for hatred. Contemporary events give cause for fear that this hatred will culminate in setting the planet ablaze and provoking a worldwide holocaust.

Revisionist Carefulness

The revisionists will follow the example set by Paul Rassinier, the first revisionist. Proof against all war propaganda, they will aim for exactitude even as emotions on both sides are breeding lies. They will refuse to spread the inventions of anti-American, anti-Jewish, or anti-Arab propaganda. As for September 11, they are duty-bound to spare us such typical conspiratorial scuttlebutt as “Bush knew,” “The CIA must have known,” “The FBI was in on it,” “It was all a Mossad plot,” “Four thousand Jews didn’t show up for work that day,” “Explosives had been planted in both buildings,” etc. Arab propaganda will harp more than ever on the myths of Jewish ritual murder or Jews poisoning gentiles’ wells, and it will invoke that patent forgery, the Protocols of the Elders of Zion. Many more rumors, delusions, lunacies, and examples of mass delusion are to be anticipated. The Americans will underestimate the numbers of victims of their bombings and the Afghans will exaggerate them. God or Jehovah, on one side, and Allah on the other, will, together with their prophets, be called upon to incite hatred and fear. False witnesses, false reports, false interviews, and fake documents will proliferate. In this field Bush the son will perhaps surpass Bush the father’s story of the incubators unplugged by the Iraqis in Kuwait. Censorship, of course, will increase without governments even having to pass new laws.

The Holy Alliance of the Mighty

In France, the daily Le Monde, which I call the “oblique journal,” made its obeisance at the outset. Under the by-line of its editor, the hunched, sweaty-palmed Jean-Marie Colombani, its lead was headlined “We Are All Americans.” With that, France found itself in a state of war. It is a tradition dear to the left (which, as everyone knows, has a monopoly on warm-heartedness and intelligence) to plunge the country into war without prior consultation of Parliament, nor any decision on the latter’s part. This amounts to a total disregard for the law, for the constitution, but no matter! It allows the French citizen to go to sleep at peace and to wake up to war. To be fair, let us remember that the president, Jacques Chirac, a former Communist turned Gaullist, feels even more bellicose and American than his prime minister, Lionel Jospin, the head of a Socialist-Communist-Green coalition. A kind of holy alliance has been forged against the turbaned pariah from whence all the evil: Osama bin Laden, to call him by name. Once upon a time, his name was Adolf Hitler. Did he not commit an unforgivable crime by meddling with gold, the Jews, and Communism? He had had the effrontery to reject the gold standard. He did so well without it that his new economic system enabled him to trade on a large scale with other gold-poor countries, notably Italy, Japan, and certain central European and Latin American states. Britain, France, and the United States were panic-stricken: Germany was encroaching on their turf, taking away their markets. The rich (in gold) never appreciate the revolt, the coalition, and the success of the poor (in gold). At the end of the 1930s, the three wealthy nations, which claimed to share the same democratic system, were, more than anything, bound, one to the other, by a chain of gold. After the war, in 1947, L. Genet and Victor-L. Tapié were able to publish, in their Précis d’histoire contemporaine, 1919-1939 (Paris: Hatier), a quotation which would read in English: “It is thus not an ideological link but a chain of gold that bound the great democracies to one another” (p. 206); they added: “Six years of self-sufficiency made Germany the world’s greatest industrial country” (p. 209). The Jewish financiers took even more umbrage than the rest: How could anyone get along without them and their gold?! As for Communist Russia, it watched Hitler put into actual practice the social program of which the Soviets dreamed. The rash dictator was to pay a high price for his temerity — all the higher since he began to push his luck with the recklessness of a gambler on a roll. Then came the catastrophe, for Europe and for Asia, of the Second World War.

Today’s new holy alliance of the Western democracies and Russia against the new spoil sport augurs ill for tomorrow. Beneath the usual veneer of generosity and unselfishness, the United States will deal ruthlessly with the Arab-Muslim masses, who might threaten Uncle Sam’s supplies of natural resources, his “World Trade,” and his economy. Invoking their cherished “Holocaust” and the need to avoid a second “Holocaust,” the Jews will be just as ruthless to the Palestinians. The Russians will crush any notions of independence among their Muslim minorities — and Russia already has its hand out for American alms in recompense.

The Only Chance for Peace

The only chance for peace lies in the spirit of resistance to the propagandists’ lies. Today the most dangerous propaganda does not come from the poor. It comes from the rich and powerful, and their hirelings, all of whom are capable, if they feel truly threatened, of setting the whole world afire. The most dangerous propaganda comes from the neurotics with their false “Holocaust”: the Jews, the Americans, and their minions.

Had the revisionists been heeded, the religion of the false “Holocaust” of the Jews would no longer prosper, nor still be feeding the sympathy of a large part of the Western world for the Zionist enterprise. The Diaspora would display less arrogance. To begin with, the State of Israel would not exist.

Historical lies breed hatred, a crusading zeal, and war. A return to historical exactitude would promote reflection and peace.

– October 8, 2001

SOURCE

About the author

Dr. Robert Faurisson

Dr. Robert Faurisson

Robert Faurisson is Europe’s foremost Holocaust revisionist scholar. Born in 1929, educated at the Sorbonne, Professor Faurisson taught at the University of Lyon from 1974 until 1990. Specializing in close textual analysis, Faurisson won widespread acclaim for his studies of poems by Rimbaud and Lautréamont. After years of private research and study, Faurisson revealed his skepticism of the “Holocaust” gas chambers in articles published in 1978 and 1979 in the French daily Le Monde. He has written numerous articles on all aspects of the “Holocaust,” many of which have appeared in this journal. A four-volume collection of many of his revisionist writings, Écrits Révisionnistes (1974-1998), was published in 1999.

Editor’s Note: Many thanks to WWW.IHR.ORG

Quote of the Week

"On one hand Mark Glenn pretends to come off as a saint but on the other hand he contradicts himself when he trashes people on his own website who leave comments pointing out his websites anti-white theme. He’s quick to point out a false flag when the suspect is a Muslim but when its a white man he uses every label such as white supremacist to white trailer trash.

Last year in one of his infamous ed. notes, he jumped all over my friend Sazzylilsmartazz for pointing out the bias against whites in one of his hosts, Dana, broadcast. That prompted me to come to her defense and after I politely pointed out where he was wrong and posted an excerpt from an American Free Press article regarding black on white crimes, Mark had no response.

Recently he attacked Delaney, Finck, and Scott Roberts; so John Friend commented in defense of them and Mark proceeded to rip John and brought John’s daughter up. I used to respect Mark but since this guy Max French came on the scene (claims Max is his mentor) Mark has said things I don’t recall him saying before.

With all these people in the movement espousing various viewpoints held by Jews and bashing each other they are doing the work of the Jews. One such example; One network has featured many shows that were anti-christian, claims it was created by the Jews, and one host signs off Hail Satan. They talk as if their information is true history but fail to provide where they found it or who wrote it.

Its my opinion based on what I’ve read and heard from those who have done the research there are two groups the Jews fear and attack; Whites and Christians.

I do not condone the wars against the Islamic countries and sympathize with them, but I refuse to put them first and watch my race and my country be destroyed from within by the Jewish infiltrators and their gentile lapdogs."

 

 

http://incogman.net/2013/05/holocaust-lying-may-lead-to-real-one/

"Da un lato Mark Glenn finge di venire fuori come un santo, ma d'altra parte si contraddice quando trashes persone sul suo sito web che lasciano commenti che precisano i suoi siti web a tema anti-bianco. Lui è pronto a sottolineare una falsa bandiera quando il sospetto è un musulmano, ma quando il suo un uomo bianco che usa ogni etichetta come suprematista bianco al bianco trailer trash.

L'anno scorso in uno dei suoi ed infami. note, ha saltato tutto il mio amico Sazzylilsmartazz per sottolineare il pregiudizio contro i bianchi in uno dei suoi ospiti, Dana, broadcast. Che mi ha spinto a venire in sua difesa e dopo ho gentilmente fatto notare dove ha sbagliato e postato un estratto da un articolo di American Free Press merito nero su crimini bianchi, Mark non ha avuto risposta.

Recentemente ha attaccato Delaney, Finck, e Scott Roberts, così John Friend commentato in difesa di loro e Mark proceduto a strappare John e ha portato la figlia di John up. Ho usato per rispettare Mark, ma dal momento che questo ragazzo Max francese entrò in scena (sinistri Max è il suo mentore) Mark ha detto cose che non ricordo che diceva prima.

Con tutte queste persone nel movimento sposando vari punti di vista detenuti da ebrei e colpire l'altro stanno facendo il lavoro degli ebrei. Un esempio: una rete ha caratterizzato molti spettacoli che erano anti-cristiana, sostiene che è stato creato dagli ebrei, e si firma ospitanti off Hail Satan. Parlano come se la loro informazione è vera la storia, ma non riescono a fornire, dove l'hanno trovato o chi l'ha scritto.

Sua la mia opinione basata su quello che ho letto e sentito da coloro che hanno fatto la ricerca ci sono due gruppi la paura e l'attacco di ebrei; bianchi e cristiani.

Non giustifico le guerre contro i paesi islamici e simpatizzare con loro, ma mi rifiuto di mettere loro in primo luogo e guardare la mia corsa e il mio paese essere distrutto dal di dentro con gli infiltrati ebrei e dei loro cagnolini gentili. "






Copyright © by Avventismo Profetico All Right Reserved.

(625 letture)

[ Indietro ]
SALVA LA PAGINA IN PDF

VUOI INVIARE UN MESSAGGIO? SCRIVERE UN COMMENTO O RICEVERE MAGGIORI INFORMAZIONI?
CLICCA QUI PER SCRIVERCI

© 2009 Avventismo Profetico - Giuseppa La Mantia