Home  ·  Contattaci  ·  NUOVO SITO WEB

Italiano



Usa: i 50 stati vogliono la secessione

Tutti gli Usa contro Obama: i 50 stati vogliono la secessione

imagesCAJPB28Y.jpg

Rivolta a destra, partita dalla Louisiana, ora è estesa a tutto il Paese. Le firme complessive sono 670mila in pochi giorni. In 6 stati raccolte le firme necessarie per avere risposta dal presidente appena rieletto

 

In America c’è chi vorrebbe tornare ai tempi di Abraham Lincoln e del generale Edward Lee. Non si tratta di revisionismo storico o nostalgia dei tempi andati, in realtà è semplice delusione elettorale. L’amministrazione Obama II non piace (già) a molti, tant’è che a pochi giorni dalla rielezione del presidente democratico un folto numero di cittadini americani ha depositato petizioni per chiedere il ritiro pacifico dei loro Stati dall’Unione, in modo da creare autonomamente un proprio governo indipendente.

La prima richiesta è stata lanciata in Louisiana (il 6 novembre gli 8 «grandi elettori» del Pelican State sono andati a Romney) e in poche ore ha raccolto oltre settemila firme. C’è da dire che nel sistema statunitense una petizione, per poter essere presa in considerazione dalla Casa Bianca, deve raccoglierne almeno 25.000. Ma lo scoglio numerico non sembra essere un problema. Il Texas ha già abbattuto il muro delle 61.000 firme, obbligando quantomeno Obama a pronunciarsi sulla richiesta di secessione ufficialmente presentata dai cittadini. (Ad oggi gli stati dove si è raggiunto il numero minimo sono 6, le firme raccolte complessivamente 670mila, ndr.)

La lista degli Stati che vogliono staccarsi da Washington è lunga: oltre 30 su 50 (ma già oggi si raggiunge la quota 50, ndr). Non solo la vecchia Confederazione delle «giacche grigie», quel Sud a cui proprio Lincoln non andava a genio e già nel 1861 minacciava la secessione. In meno di 48 ore il numero degli Stati che chiedono di staccarsi dal governo federale è raddoppiato: se domenica erano «solo» 15, le petizioni secessioniste si sono sparse a macchia d’olio anche in California, New Jersey, New York, Colorado, Florida, Illinois, Michigan, Virginia, e Ohio, Stati cioè tendenzialmente democratici o che - comunque - nell’ultima tornata elettorale hanno votato per l’asinello.

Iniziative che, a prima vista, possono far sorridere. Ma il popolo della secessione, Dichiarazione di indipendenza alla mano, sembra determinato. Nella petizione della Louisiana si legge il rimando diretto alla carta di Philadelphia: è un diritto del popolo stesso sciogliere e formare un nuovo governo quando quello vigente non rispetta il consenso dei governanti. Decentramento federale e potere agli Stati, quindi, sono i punti chiave di queste petizioni che vedono nei «four more years» di Obama alla Casa Bianca un pericolo più che un’opportunità. Non a caso alcune scelte governative, come l’Obamacare o la politica di salvataggio bancario-finanziario di Wall Street, vengono considerate dai «nuovi secessionisti» letteralmente imposte dal governo centrale e poco concilianti con il X emendamento.

Certo, c’è una buona dose di folklore. Ma non è escluso che, nei prossimi anni, si possa assistere al passaggio del movimento secessionista sul piano politico. Oggi sta sicuramente prendendo piede sui social network e sui media americani. Esattamente come, qualche anno fa, iniziarono a farsi sentire altri movimenti come i «Tea Party» o «Occupy Wall Street». Forse è solo l’ennesima conferma che lo spirito pro-Obama, che tanto riempiva le piazze nel 2008, è agli sgoccioli, nonostante la rielezione. Chissà che, «un po’ per celia un po’ per non morire» l’America non sia davvero pronta alla seconda ondata secessionistica. Fonte

Tirannia e oppressione

Venerdì 16 Novembre, 2012
Fonte originale

Sto scrivendo questo per cercare di avvertire qualche anima dal fare una scelta terribilmente sbagliata. Alcuni sono svegli abbastanza per ascoltare questo messaggio. Altri invece pensano che sia uno scherzo e stupidamente lo ignorato. Ma i tempi sono quelli in cui ognuno di noi deve prendere una decisione consapevole di ciò che abbraccia e ciò che sceglie di difendere. Fare la scelta sbagliata può maledire la nostra anima con un risultato che non si desidera assolutamente portarsi addosso. Tutto inizia con una semplice idea: IL CREATORE CI HA LASCIATI LIBERI. Come facciamo a saperlo? Perché ci ha dato il libero arbitrio, la capacità di prendere decisioni basate interamente sulla nostra libera scelta e le nostre intenzioni. Il Creatore ha dato anche un esperienza individualizzata di vita personale da ogni punto di vista. Si noti con attenzione che le vostre esperienze sono unici tra coloro che vi circondano. I tuoi amici non vedono attraverso i tuoi occhi, per esempio. Solo tu vedi attraverso i tuoi occhi. Solo tu vivi le tue emozioni dei tuoi sensi. Si tratta di esperienze private, che sono individuali, come le leggi dell'universo, esperienze uniche , non esperienze collettive. Tu sei un individuo non, parte di un alveare, ed è per questo che sperimenti il mondo intorno a te con il libero arbitrio della propria coscienza individuale che ti identifica (la personalità, il carattere). Qual è il punto di avere tutta questa libertà individuale e di potere? Il Creatore vuole specificamente vincere il male su questo pianeta attraverso l'esperienza di crescita personale resa possibile dal libero arbitrio.

Il male e l'oppressione esistono come violazioni della Verità Spirituale

L'esercizio del libero arbitrio per sconfiggere il male (la tirannia, riduzione in schiavitù, inganno, ecc.) è quindi parte del piano del Creatore . E 'ovvio che il comportamento opposto, il perseguimento di dominio sugli altri, ingannare, schiavizzare gli altri e così via, è una violazione del piano del Creatore . Eppure questo è quello che fa la maggior parte del governo di oggi: funziona come un sistema che riduce in schiavitù, oppressione , tirannia e controllo. Questo tipo di Governo esiste come una violazione della volontà del Dio dell'universo, e quindi chiunque lo promuove o gli attribuisce il potere, allo stesso tempo lavora in contraddizione con ciò che è buono. Qual è il punto di tutta questa discussione? Per ricordarvi ciò che dovrebbe essere ovvio, ma che troppo, molti americani hanno dimenticato:
• L'amministrazione Obama, con la sua firma del
NDAA che abolisce ogni giusto processo e la giustizia per il popolo americano, rappresenta pure, la miseria del male.
• La TSA, è pura malvagità con il suo brancolare sessuale dei bambini, gli uomini e la donna, capeggiati da una satanica bestia che diffonde malattie, malvagità, putrefazione.
• Le politiche della schiavitù economica della banca mondiale sono profondamente radicate nel male, in principi distruttivi.
• L’invasione di routine del governo federale e la tentata distruzione del Primo Emendamento, Secondo Emendamento, Quarto Emendamento e altre protezioni importanti è una violazione della legge cosmica e un affronto al Creatore.
• L’acquisizione IRS del governo federale di chiese e il suo tentativo di dirottare i messaggi religiosi con "
Romani 13 ". La propaganda è una forma davvero demoniaca del male insidioso.
• Il furto la routine della confisca del salario giornaliero di un uomo, sotto forma di imposte federali è un peccato contro l'umanità e il Creatore. Questo è specialmente vero quando tali fondi sono usati per finanziare gratis le richieste senza fine di diritti fra quelli che rifiutano di intraprendere un lavoro onesto per alimentarsi. Quando i lavoratori, uomini e donne del mondo sono gravati per alimentare le bocche egoistiche di coloro che rifiutano di lavorare, la giustizia è stata abbandonata e il male si è impadronito della società.
L'arroganza e delirante auto-sufficienza di un Governo Federale che non riconosce i diritti degli stati e i diritti individuali, è una violazione grandiosa della pietà e della Verità Spirituale.

Un governo posseduto

Quello cui stiamo assistendo svolgere oggi a Washington DC è l'ascesa del male satanico nella forma di governo. Spiriti maligni hanno letteralmente posseduto i corpi umani dei membri migliori del nostro governo di oggi, di cui almeno un membro è nella Corte Suprema degli Stati Uniti, che fisicamente assomiglia a un vile "Jabba the Hut" creatura slug del settimo piano dell'Inferno. Lei non sta guardando il mero esercizio di socialismo o anche di comunismo, attraverso il governo federale oggi ... si sta guardando l'occupazione dell’America delle più alte cariche, il male demoniaco che ha preso forma umana. Ecco perché il governo federale marcia contro tutto ciò che è buono la libertà, l'individualismo, le retribuzioni, coltivare il proprio cibo , bere latte crudo e anche crescere i propri figli senza l'influenza distruttiva dello stato, esso ha accelerato in una disarmonia di Purgatorio. Giorno dopo giorno, il governo federale rotola fuori almeno 100 nuovi modi di criminalizzare l'innocente attraverso regole oscure e regolamenti che sembrano essere stati ispirate da anime perdute, letteralmente intrappolate nelle fosse dell'Inferno. Questo è il motivo perché il Governo è così infernale ... perché è gestito da creature delle tenebre e del male, ripugnanti. È per questo che il semplice atto di dire la verità li fa urlare di dolore, come vampiri schizzati d'acqua santa. La luce della verità fa male fisicamente a queste creature di inganno e di tenebre. È per questo che la semplice menzione della verità nei media o su internet provoca una massiccia ondata della più bassa malvagità e i servi del culto dell’odio e disgusto urlano, mentre si minaccia di morte e sofferenza. Queste sono le azioni dei patetici, di basso livello, adoratori delle tenebre. Mi rifiuto di essere intimidito da loro, in quanto sono patetici, dalla cui nullità molto anime sono già stati relegati ai box della perdizione. Se non altro, mi dispiace per loro di aver così terribilmente perso la strada.

La lotta per la libertà diventa una guerra spirituale contro il male

Tutto questo aiuta a spiegare perché la lotta per la libertà è molto più di un semplice gioco politico. Si tratta di una prova spirituale . Vuoi chinarti e lisciare gli stivali della pura malvagità demoniaca in forma di governo dispotico? Oppure vuoi onorare il libero arbitrio concesso a noi dal Creatore e la fermezza per la libertà, la libertà di parola, e gli altri diritti e libertà descritta nella Carta dei Diritti? Per chiunque assalta la Carta dei Diritti e le sue sacre libertà, sta preparando la sua anima per la sofferenza eterna, dove marcirà dopo la morte. Per tutti coloro che vorrebbero negare l'esistenza della coscienza, il libero arbitrio e la forza grande creatrice nell'universo di Dio, si prepari a chiedere perdono e misericordia. A chi ha spinto l'ordine del giorno del mal governo, pedofilia TSA, la confisca del Governo dei salari del Popolo, e la criminalizzazione dei diritti umani fondamentali, ha messo la sua anima su un percorso di malvagità e dolore per l'eternità. E a tutti: se si nega la libertà e la libertà agli altri nel mondo che conosciamo oggi, significa negarti la massima libertà di tutti: la redenzione nell'aldilà. Anche se oggi può sedere in una posizione di apparente potenza, mentre dominano il pensiero degli altri per raggiungere "dio, come lo stato", la tua anima si decomporrà e sprofonderà tra le creature più profonde dell'inferno. Non c'è scampo da quello che sei. Non vi è alcun trucco o inganno possibile per Dio. Ogni azione che si compie è registrata per l'eternità, e sarai costretto ad affrontare la profonda vergogna personale per le azioni distruttive in cui si sono impegnati in nome del potere e avidità qui sul pianeta Terra. Ora si può denunciare l'oppressione e la tirannia , abbracciando la libertà fondamentale dell'universo, e dedicando la vita all’edificazione di altri intorno a te. Questa è la via per un mondo migliore come riscatto della realtà conosciuta come "la vita dopo la morte (in Cristo Gesù)."

Percorrere il cammino spirituale della verità

Si può, e deve, iniziare il viaggio in questo momento se non l'hai già fatto. Denunciare il male in tutte le sue forme : inganno, avvelenamento chimico, riduzione in schiavitù medica, la tirannia, l'abuso sessuale dei minori, abuso di sostanze e di mal governo. Abbracciare un percorso di vera compassione, umiltà, la tutela della vita e la difesa della libertà. In questo modo, si unisce ad altri innumerevoli guerrieri spirituali che ora lottano per la verità e la luce in un mondo sempre più coperto di tenebre e del male. Non importa quale sia il vostro credo spirituale di fede o religione, il percorso corretto è il cammino della libertà (in Cristo), la compassione, l'umiltà. E' questo percorso che mi sono personalmente impegnato a seguire per il resto della mia esistenza fisica su questo pianeta, e spero che porterai avanti un percorso spirituale simile. Ci ritroveremo tutti dall'altra parte, dopo tutto. E spero di poter incontrare i miei compagni guerrieri spirituali in quel giorno.

 

I piani Usa per le emergenze, come si uccide una democrazia
di Andrea Degl'Innocenti - 16 Aprile 2012

L'ordine esecutivo firmato da Obama apre a scenari preoccupanti. In molti ipotizzano una guerra imminente, ma potrebbe trattarsi del definitivo trionfo del capitalismo dei disastri.

C'è una notizia preoccupante che è passata del tutto inosservata sui media internazionali e che riguarda gli Stati Uniti d'America. Lo scorso 16 marzo il presidente Barak Obama ha firmato il "National Defense Resources Preparedness", un ordine esecutivo che gli consente di assumere il controllo assoluto delle risorse nazionali in caso di emergenza.
ObamaL'Ordine Esecutivo si basa sulla legge Defense Production del 1950, come modificato (50 USC App. 2061 e segg.). In molti, fra le voci più indipendenti della stampa americana, vedono in questo atto del presidente il chiaro segnale di una guerra imminente. Decisioni del genere infatti, sono già state prese nel passato dai presidenti americani, ma solo nell'occasione di una guerra.
Bastino i due esempi riportati da Kenneth Schortgen Jr in un articolo dell'Examiner: “Durante la Guerra Civile americana, l'allora presidente Abraham Lincoln sospese le libertà di parola e di stampa, revocò l’habeas corpus e il diritto a un processo giusto tutelato dal Sesto Emendamento. In occasione della Prima Guerra Mondiale il Congresso si rifiutò di dare al presidente Woodrow Wilson nuovi e più estesi poteri su risorse di vario tipo per collaborare con gli sforzi della guerra. Wilson, in risposta, emise un Ordine esecutivo che gli permise l’accesso a un controllo completo sugli affari, l’industria, il trasporto, l’alimentazione così come pure facoltà discrezionali per progettare e attuare politiche economiche”.
Nel dettaglio la legge varata da Obama assegna a lui ed ai suoi ministri un potere enorme nei campi di tutte le forniture di energia civili, tra cui petrolio e gas naturale, dei trasporti, basati quasi per il 97 per cento sul petrolio, dell'alimentazione, della sanità.
La legge regola la distribuzione delle le competenze in caso di disastro. Al Ministro dell'Agricoltura spetta la distribuzione e il razionamento delle risorse alimentari; al Segretario per l'Energia l'ottimizzazione di tutte le fonti energetiche; il Segretario per la Salute e i Servizi Umani si occuperà delle risorse sanitarie mentre il Ministero dei Trasporti di tutte le forme di trasporto civile; il Segretario della Difesa avrà il controllo delle risorse idriche e il segretario al Commercio rispetto a di tutti gli altri materiali, servizi e strutture, compresi i materiali da costruzione.
Si tratta di un controllo capillare che il governo americano sarà in grado di attuare sull'intero paese e sui suoi abitanti. Ciascuno di questi segretari, secondo la sezione 201, dal titolo "Priorità e degli Enti assegnazioni," sarà abilitato ad analizzare fin d'ora “i potenziali effetti di emergenze nazionali sulla capacità di produzione, tenendo conto di tutto il ciclo produttivo, compresa l'eventuale scarsità delle risorse, e sviluppare le misure di preparazione consigliate per rafforzare e aumentare le capacità di produzione in caso di emergenze nazionali”.
Il loro potere si può estendere, se necessario, fino a "controllare la distribuzione generale di qualsiasi materiale (compresi i servizi applicabili) nel mercato civile". Nella sottosezione D, l'Ordine dispone che, "Se un accordo non può essere raggiunto tra due segretari, allora la questione è deferita al Presidente”.
Nel suo complesso, la legge si basa sul principio che “gli Stati Uniti devono avere una base industriale e tecnologica in grado di soddisfare le esigenze di difesa nazionale e in grado di contribuire alla superiorità tecnologica del suo equipaggiamento di difesa nazionale in tempo di pace e in tempi di emergenza nazionale”. “In caso di una potenziale minaccia alla sicurezza degli Stati Uniti” dovrebbero mettere in grado il governo di “intraprendere le azioni necessarie per garantire la disponibilità di risorse adeguate e capacità di produzione, compresi i servizi e la tecnologia critica, per esigenze della difesa nazionale”.
Molte voci autorevoli del giornalismo statunitense collegano l'approvazione dell'ordine esecutivo con l'eventualità, ritenuta sempre più probabile, di una guerra contro l'Iran, che scatenerebbe dure reazioni in Medio Oriente e complicherebbe molti rapporti diplomatici internazionali. In un articolo sull'Huffington Post, Edwin Black, saggista e giornalista investigativo del New York Times, collega il provvedimento ad un prossimo inasprimento dei rapporti con Teheran e alla probabile chiusura dello stretto di Hormutz, che taglierebbe gran parte delle forniture di petrolio al mondo occidentale.
Secondo il precedentemente citato articolo dell'Examiner, addirittura, la decisione sarebbe stata precipitata dalla certezza che i piani israeliani per attaccare l’Iran sarebbero entrati in una fase di conto alla rovescia che Washington si è dimostrato incapace di arrestare.
C'è però, a mio avviso, una seconda ipotesi, che pure non esclude categoricamente la prima. La legge potrebbe essere il definitivo compimento di quel capitalismo dei disastri teorizzato da Naomi Klein nel libro “Shock Ecomomy”. Dare il pieno potere di azione al governo in caso di guerra o disastri significa consentirgli di soffiare ancor più denaro in quel circuito di aziende e multinazionali che si occupano di sicurezza e ricostruzioni che da un po' di anni a questa parte rappresentano il cuore dell'economia Usa.
Immaginiamo che accada un disastro naturale, o scoppi la guerra. È difficile immaginare che l'amministrazione americana, svuotata di funzioni e personale e ridotta a mero guscio rappresentativo dalla gestione Bush, sia in grado di prendere in mano la situazione e gestirla in prima persona, così a fondo come previsto dalla nuova legge.
Ciò che con ogni probabilità farà, sarà appaltare alle aziende private ogni singolo aspetto della vita dei propri cittadini, dalla spesa, alla sicurezza, all'energia, all'acqua. Un paragrafo della legge sembra confermare in parte questa teoria. In caso di emergenza, l'Ordine dovrebbe autorizzare "il capo di ogni agenzia impegnata negli appalti per la difesa nazionale" a procurarsi "e installare ulteriori attrezzature, impianti [...]."
L'amministrazione Obama sembra voler portare a compimento il cammino intrapreso dalla precedente. L'emergenza potrebbe tradursi in pratica in uno “shopping della sicurezza” da parte del governo, che potrebbe appaltare alle industrie private ancora più funzioni di quelle attuali. Che ci sia una guerra oppure no, si prepara un periodo buoi per la democrazia americana e, di conseguenza, per quelle di tutto il mondo occidentale.

Google Transparency Report, aumenta il controllo dei governi sul web

Google-Transparency report 2012Internet sotto assedio, non dei pirati, ma dei governi di tutto il mondo. Lo rivela il Google transparency report, il rapporto sulla trasparenza redatto da Google che punta il dito contro i governi, sempre più interessati a mettere bavagli digitali e cyber censure. Nel primo semestre 2012 le richieste dei governi di rimozione dei contenuti e di accesso ai dati, sono aumentate del 71% passando da 1.048 a 1.791. Tra gennaio e giugno 2012 si contano 20.938 appelli governativi, per vagliare le attività di 34.614 account. Le istituzioni nazionali stanno allungando le loro mani sulla rete, cercando sempre più di limitarla e controllarla. Secondo il Transparency Report di Google, iniziativa semestrale che indicizza le richieste dei governi sui dati veicolati dal web sarebbero moltissime le persone controllate, nei modi più svariati: dai social network alle e-mail, per finire con i blog e i siti. Tra questi spicca l’ex capo della Cia, David Petraeus, dimessosi recentemente per uno scandalo sessuale, la cui casella Gmail veniva tenuta sotto sorveglianza. Tra i Paesi più ingerenti nei confronti della rete ci sono gli Stati Uniti, che hanno inoltrato a Google 7.969 richieste di blocco di contenuti web ritenuti offensivi, pericolosi o sgradevoli. A Mountain View hanno soddisfatto il 90% degli appelli. Anche l’India vaglia attentamente i materiali online e ha chiesto l’intervento censorio di BigG per 2.319 volte (il 64% delle quali con successo). L’incremento maggiore è da attribuire alla Turchia, le cui richieste hanno registrato un poco invidiabile boom: da 45 a 456 in soli sei mesi. L’Italia, una volta tanto, è tra gli Stati virtuosi, con appena 18 richieste di rimozione e 841 di accesso ai dati in sei mesi. Ma non sono solo i governi a chiedere di eliminare contenuti dal Web. Le violazioni del copyright sono un tema scottante: Microsoft spicca al primo posto, avendo messo nel mirino 35,000 domini e 5.5 milioni di URL individuali. Al secondo posto si piazza, prima della RIAA, un’azienda di intrattenimento per adulti, Froytal Services, che si è scagliata contro 7,000 domini e 5 milioni di URL singole. Da parte sua, Microsoft sta lottando tenacemente contro la pirateria, nel cui mirino è da anni: tempo fa Bloomberg riportava che Microsoft ha richiesto formalmente a quattro aziende statali cinesi (China Railway Construction Corp, TravelSky Technology, China Post Group e China National Petroleum Corporation) di cessare l’uso di software senza licenza. Privacy, sicurezza, copyright, pornografia e violenza sono le problematiche che più preoccupano le istituzioni. La censura governativa è invece lo spauracchio degli internauti di mezzo mondo.Fonte






Copyright © by Avventismo Profetico All Right Reserved.

(1186 letture)

[ Indietro ]
SALVA LA PAGINA IN PDF

VUOI INVIARE UN MESSAGGIO? SCRIVERE UN COMMENTO O RICEVERE MAGGIORI INFORMAZIONI?
CLICCA QUI PER SCRIVERCI

© 2009 Avventismo Profetico - Giuseppa La Mantia