Home  ·  Contattaci  ·  NUOVO SITO WEB

Italiano



Germania, alleanza tra ebrei e islamici contro sentenza sulla circoncisione

Germania, alleanza tra ebrei e islamici contro sentenza sulla circoncisione

Un’al­lean­za con­fes­sio­na­le con­tro la re­cen­te sen­ten­za che in Ger­ma­nia ha pa­ra­go­na­to la cir­con­ci­sio­ne ri­tua­le im­po­sta a bam­bi­ni e neo­na­ti ad una “ag­gres­sio­ne”. Il pro­nun­cia­men­to, dopo il caso di un me­di­co isla­mi­co che ave­va ope­ra­to male un bam­bi­no, per il qua­le era sta­ta ne­ces­sa­rio un in­ter­ven­to in ospe­da­le. Men­tre l’as­so­cia­zio­ne dei me­di­ci te­de­schi ha scon­si­glia­to ai dot­to­ri di pra­ti­ca­re la cir­con­ci­sio­ne ove non ne­ces­sa­ria, mi­glia­ia di bam­bi­ni di fa­mi­glie mu­sul­ma­ne ed ebrai­che con­ti­nua­no a su­bir­la.

Un car­tel­lo di va­rie as­so­cia­zio­ni re­li­gio­se, ebrai­che ed isla­mi­che a li­vel­lo in­ter­na­zio­na­le, è quin­di sce­so in cam­po con­tro la de­ci­sio­ne del tri­bu­na­le di Co­lo­nia. Per­ché la ri­ten­go­no un “af­fron­to” ai “no­stri di­rit­ti re­li­gio­si e uma­ni di base”. E si sono ap­pel­la­te alle isti­tu­zio­ni po­li­ti­che per di­fen­de­re que­ste pra­ti­che con la mo­ti­va­zio­ne che si trat­ta di tra­di­zio­ni di ma­tri­ce re­li­gio­sa.

An­che il go­ver­no è im­ba­raz­za­to dal­la que­stio­ne, tan­to che il can­cel­lie­re An­ge­la Mer­kel ha det­to: “Non vo­glio che la Ger­ma­nia sia l’uni­co pae­se al mon­do dove gli ebrei non pos­so­no pra­ti­ca­re i loro ri­tua­li, al­tri­men­ti di­ven­te­rem­mo un zim­bel­lo”. Non sono man­ca­ti da par­te di espo­nen­ti re­li­gio­si, so­prat­tut­to rab­bi­ni, pa­ra­go­ni in­si­sten­ti con il na­zi­smo.

Tra le rea­zio­ni da par­te lai­ca, da se­gna­la­re le per­ples­sità espres­se dal dot­tor An­to­ny Lem­pert del Se­cu­lar Me­di­cal Fo­rum bri­tan­ni­co ”Sia­mo scioc­ca­ti che i grup­pi re­li­gio­si ne­ghi­no il dan­no fi­si­co” del­la cir­con­ci­sio­ne, ha scrit­to in una nota, “e per le af­fer­ma­zio­ni di­stor­te e in ma­la­fe­de fat­te da co­lo­ro che si op­pon­go­no alle de­ci­sio­ne del­la cor­te, che er­ro­nea­men­te sug­ge­ri­sco­no che sia se­gno di an­ti­se­mi­ti­smo”. Si trat­ta, ag­giun­ge, di un vero e pro­prio “ri­cat­to emo­zio­na­le”. An­che sta­vol­ta sul­la pel­le di chi, come i bam­bi­ni, non ha voce in ca­pi­to­lo e deve su­bi­re cer­te ‘mar­chia­tu­re’ re­li­gio­se.

Proposta del governo per accorpare feste civili e religiose

Fa di­scu­te­re la pro­po­sta lan­cia­ta dal sot­to­se­gre­ta­rio all’Eco­no­mia, Gian­fran­co Po­lil­lo, di ac­cor­pa­re le fe­sti­vità per au­men­ta­re i gior­ni di la­vo­ro. L’in­ten­zio­ne sa­reb­be quel­la di dare slan­cio all’eco­no­mia. Il con­si­glio dei mi­ni­stri gui­da­to da Ma­rio Mon­ti do­vreb­be di­scu­ter­ne pro­prio ve­nerdì, come ri­chie­sto dal sot­to­se­gre­ta­rio An­to­nio Ca­tri­calà. La pro­po­sta po­treb­be ta­glia­re in ma­nie­ra in­dif­fe­ren­te non solo le fe­ste re­li­gio­se, come quel­le dei san­ti pa­tro­ni, ma an­che quel­le ci­vi­li come il 25 Apri­le, il 2 giu­gno o il Pri­mo Mag­gio.

Cri­ti­che ar­ri­va­no da al­cu­ne for­ze po­li­ti­che, ma so­prat­tut­to da sin­da­ca­ti come Cgil e Cisl. Cri­stian Se­se­na, se­gre­ta­rio na­zio­na­le del­la Fil­cams Cgil e re­spon­sa­bi­le per il tu­ri­smo nel sin­da­ca­to, espri­me ad esem­pio per­ples­sità per il ta­glio di “fe­sti­vità lai­che e re­li­gio­se che ver­reb­be­ro ac­cor­pa­te di­luen­do così il va­lo­re so­cia­le, cul­tu­ra­le e sto­ri­co per il Pae­se”. L’Anpi è pre­oc­cu­pa­ta per l’even­tua­le can­cel­la­zio­ne di fe­ste come quel­la del­la Li­be­ra­zio­ne che “rap­pre­sen­ta­no il no­stro pas­sa­to mi­glio­re, i va­lo­ri su cui si fon­da la no­stra Re­pub­bli­ca” e quin­di “non van­no toc­ca­te”.

Già in pas­sa­to il go­ver­no Mon­ti ave­va ven­ti­la­to l’idea di spo­sta­re a do­me­ni­ca le fe­ste pa­tro­na­li, ma an­che su pres­sio­ne di va­rie dio­ce­si de­si­sti­to. Ora la Chie­sa tor­na nel di­bat­ti­to. Di­ver­se fe­ste pret­ta­men­te cat­to­li­che sono in­fat­ti blin­da­te pro­prio dai Pat­ti La­ter­na­nen­si. Come fa no­ta­re An­drea Ric­car­di, mi­ni­stro per la Coo­pe­ra­zio­ne e già espo­nen­te del­la co­mu­nità cat­to­li­ca di Sant’Egi­dio.

In­ter­vi­sta oggi da La Stam­pa, pur ne­gan­do di ti­ra­re in bal­lo la re­li­gio­ne, Ric­car­di fa ri­fe­ri­men­to alla “te­nu­ta so­cia­le del pae­se, ri­spet­to alla qua­le que­ste fe­ste, con il loro po­te­re edu­ca­ti­vo, con il sen­so di co­mu­nità e di ap­par­te­nen­za che ali­men­ta­no, pos­so­no con­tri­bui­re”. E “al­cu­ne, le più im­por­tan­ti”, sono ap­pun­to “san­ci­te dai pat­ti la­te­ra­nen­si”: sa­reb­be quin­di ne­ces­sa­ria una “trat­ta­ti­va” con il Va­ti­ca­no, come ac­ca­du­to in Por­to­gal­lo.

Come già fat­to in pas­sa­to, l’Uaar di­fen­de le fe­ste lai­che, le uni­che ad ave­re un ca­rat­te­re dav­ve­ro in­clu­si­vo e rap­pre­sen­ta­ti­vo per i cit­ta­di­ni a pre­scin­de­re dal cre­do, ri­spet­to a gior­ni in cui si ce­le­bra ad esem­pio qual­che dog­ma cat­to­li­co del qua­le ma­ga­ri una buo­na par­te di co­lo­ro che si pro­cla­ma­no cat­to­li­ci sono del tut­to igna­ri. Se pro­prio è ne­ces­sa­rio fare dei sa­cri­fi­ci in un mo­men­to di cri­si, sa­reb­be più op­por­tu­no quin­di spo­sta­re le fe­ste re­li­gio­se. Sa­reb­be una buo­na pro­va di lai­cità da par­te di un Par­la­men­to che spes­so ha di­mo­stra­to di es­se­re trop­po ac­con­di­scen­den­te ver­so le ri­chie­ste da Ol­tre­te­ve­re.

Norvegia: proposta per bandire la circoncisione

In Nor­ve­gia il Sen­ter­par­tiet - for­ma­zio­ne po­li­ti­ca cen­tri­sta – ha avan­za­to la pro­po­sta per vie­ta­re la cir­con­ci­sio­ne sui bam­bi­ni. Per­ché, af­fer­ma il por­ta­vo­ce Jen­ny Klin­ge, tale pra­ti­ca è “ob­so­le­ta” e “dan­no­sa”, lede i di­rit­ti dei mi­no­ri. Già è vie­ta­ta nel Pae­se la cir­con­ci­sio­ne fem­mi­ni­le: “ora è tem­po che an­che i ma­schi ot­ten­ga­no la stes­sa tu­te­la le­ga­le”, ag­giun­ge Klin­ge.

 

Il par­ti­to ap­pog­gia la coa­li­zio­ne ros­so-ver­de al go­ver­no, ma ha con­te­sta­to la de­ci­sio­ne go­ver­na­ti­va di con­sul­ta­re esper­ti per va­lu­ta­re la pos­si­bi­lità di far rien­tra­re la cir­con­ci­sio­ne nel­le pra­ti­che ga­ran­ti­te dal si­ste­ma sa­ni­ta­rio na­zio­na­le al di fuo­ri del­le ne­ces­sità me­di­che.

An­co­ra una vol­ta le for­ma­zio­ni di cen­tro-si­ni­stra si di­stin­guo­no per la ten­den­za a ga­ran­ti­re in nome del mul­ti­cul­tu­ra­li­smo spa­zi le­ga­li a pra­ti­che di stam­po co­mu­ni­ta­ri­sta e re­li­gio­so, che sono del­le im­po­si­zio­ni nei con­fron­ti de­gli in­di­vi­dui. Un ap­proc­cio ri­ve­la­to­si fal­li­men­ta­re in al­tri con­te­sti, come la Gran Bre­ta­gna.

In­tan­to lo scor­so 14 giu­gno il Par­la­men­to eu­ro­peo ha ap­pro­va­to a mag­gio­ran­za as­so­lu­ta una ri­so­lu­zio­ne che chie­de la fine del­le mu­ti­la­zio­ni ge­ni­ta­li fem­mi­ni­li. Plau­de Am­ne­sty In­ter­na­tio­nal, che ave­va lan­cia­to la cam­pa­gna in Eu­ro­pa END FGM.
FONTE UAAR






Copyright © by Avventismo Profetico All Right Reserved.

(1225 letture)

[ Indietro ]
SALVA LA PAGINA IN PDF

VUOI INVIARE UN MESSAGGIO? SCRIVERE UN COMMENTO O RICEVERE MAGGIORI INFORMAZIONI?
CLICCA QUI PER SCRIVERCI

© 2009 Avventismo Profetico - Giuseppa La Mantia