Home  ·  Contattaci  ·  NUOVO SITO WEB

Italiano



PUTIN, ROTSCHILD. COMITATO DEI 300

Putin, Rothschild, Comitato dei 300

Putin e Rothschild: cosa hanno in comune?

Questa domanda è sorta durante l’analisi dei veri piani di Putin*. E non è nato per caso. L’integrazione di Vladimir Putin nell’ombra globale “verticale” attraverso gli oligarchi, di cui stiamo parlando, implica che ci debba essere un rapporto di fiducia con l’élite mondiale e garanzie personali affidabili da parte loro. Mi chiedo su cosa si basano queste garanzie?

Cos'altro hanno in comune?

Quando si analizza il Comitato -300, non si può fare a meno di prestare attenzione al fatto che i personaggi principali in esso, così come i nostri oligarchi e molti intorno a Putin, sono ebrei. I Rothschild, i Rockefeller, Kissinger, Summers, Mandelson, Soros, Abramovich, Chubais, Gavriil Popov, il Primo Ministro Fradkov, i vice primi ministri, un certo numero di ministri chiave, compreso il Ministro della Difesa, e i dirigenti dei media sono ebrei. Solo che non ci sono informazioni affidabili su Deripaska (anche se i siti ebraici lo hanno sicuramente incluso nei loro - scrivono che è ebreo da parte di madre e ci sono fotografie di lui che indossa una kippah ebraica). Dobbiamo quindi considerare anche questo aspetto. Non perché lo voglia davvero, ma perché abbiamo concordato: non possono esserci sciocchezze in un'analisi del genere. Forse anche questo significa qualcosa.
 

Uno studio dettagliato del K-300 rivela molto di più: si basa non solo sugli ebrei, ma anche sugli ebrei che aderiscono al giudaismo ortodosso. Sono spesso chiamati chassidim. Esistono infatti molti movimenti chassidici e in questo caso si tratta della setta Chabad più radicale. L'essenza dell'ideologia Chabad è l'estremismo su base teologica, inoltre, l'estremismo globale, su scala umana universale - un tipo speciale di teogeopolitica. In particolare, il rabbino Eduard Khodos, capo della comunità ebraica di Kharkov e implacabile oppositore di Chabad, scrive e parla molto di questo [1]. Ci rivela le informazioni interne che ha ricevuto da Chabad all'inizio degli anni '90, quando Chabad iniziò a penetrare attivamente in Russia.

Secondo Eduard Khodos, è Chabad che prevede di ridurre la popolazione mondiale a 600mila persone, nonostante il numero del popolo ebraico stesso sia di circa 13 milioni di persone. Cioè, le vere attività di Chabad nel K-300 sono dirette contro la vita di sei miliardi di persone, tra cui dodici milioni e mezzo di ebrei. Hitler sta "riposando". Si scopre che l'ideologia estremista di Chabad è moltiplicata per il potere dei paesi del mondo occidentale, il che la rende mortale per il 99,99% delle persone.

In questo senso è interessante il modo in cui si prevede di attuare il piano. All’inizio si parla del “miliardo d’oro”. Ma questo obiettivo è falso, quindi l'umanità "sviluppata" negli Stati Uniti e in Europa non si preoccupa, sperando di entrare in questo miliardo, e guarda con indifferenza come i restanti 5 miliardi saranno distrutti da guerre e malattie (siamo io e te) . Tuttavia, in una cerchia più ristretta, si parla già di un paio di centinaia di milioni di prescelti, il che è più simile alla verità, poiché altrimenti la popolazione si riprenderà abbastanza rapidamente. In realtà, si prevede di lasciare in vita non più di 600mila persone, di cui solo circa 20mila, una “minoranza microscopica” (termine di Hodos) dovrebbe trionfare, governare e godere di un’ecologia pulita. La politica cannibalistica è una descrizione troppo morbida per questo.

Tuttavia, Chabad è oggi una forza trainante nella vita ebraica, posizionandosi come la parte “superiore” dell’ebraismo. Il loro insegnante, il rebbe, è il “padre del popolo ebraico”. La sede centrale di Chabad si trova a New York, Brooklyn. In particolare, l'ex vicepresidente americano Al Gore appartiene a Chabad.

Il libro principale di Chabad "Tanya", che Eduard Hodos chiama nientemeno che il loro "Mein Kampf", basato sui "Protocolli degli Anziani di Sion", divide tutta l'umanità nelle persone stesse - gli ebrei, "i più eletti popolo di Dio”, e tutto il resto – i “goyim”, quasi animali, che dovrebbero essere trattati come schiavi, ingannando e uccidendo chi non è considerato vergognoso. Allo stesso tempo, Chabad considera goyim tutti tranne gli ebrei di razza che aderiscono al giudaismo. Cioè, secondo il libro di Chabad, anche gli ebrei secolari sono goy, da qui la differenza nei loro piani per ridurre la popolazione (ho guardato specificamente sul sito web del Ministero della Giustizia - per qualche motivo questo libro non è nell'elenco dei letteratura estremista).

Chabad in Russia

Mi chiedo da quanto tempo questa setta opera in Russia e come?

La parola va ancora a Eduard Khodos: “Nel 1991, i compiti di Chabad in Russia erano chiaramente formulati: 1) Chabad deve dominare in tutte le sfere della vita ebraica in Russia. Per fare ciò è necessario utilizzare tutto il potenziale ebraico che può essere mobilitato in altri paesi attraverso i canali Chabad; 2) Chabad è obbligato a contribuire in ogni modo possibile alla creazione del capitale ebraico locale e in questa fase a penetrare il più possibile nelle istituzioni politiche, compreso l’uso nascosto dei media”.
 
“La liberalizzazione e la democratizzazione hanno permesso agli emissari Chabad di penetrare in tutte le principali città, indipendentemente dalle leggi che esistevano a quel tempo che regolavano la vita religiosa. Ciò avvenne attraverso le joint venture nate in quel periodo, dove ricoprirono il ruolo di numerosi dipendenti, esperti e consulenti. Mosca e Dnepropetrovsk divennero gli epicentri del movimento”.

“Il compito fondamentale di Chabad era quello di “catturare” i mezzosangue che lavoravano nelle strutture del potere reale, attirarli e renderli i loro ardenti sostenitori, contribuendo in ogni modo possibile al loro progresso. Allo stesso tempo, i Chabadnik erano persino pronti a sacrificare temporaneamente i loro dogmi ideologici e chiudere un occhio sull'insufficiente "purezza" del sangue. Con i non ebrei il problema si risolveva semplicemente: con il denaro”.

Considerando che quando furono aperte le frontiere per l’importazione e l’esportazione di valuta, la nostra popolazione non aveva soldi, e che il principale capitale all’estero apparteneva e appartiene ai membri di K-300 e Chabad, allora i loro vantaggi nell’acquisire proprietà nel paese non hanno alcuna importanza. confronto. Hanno ricevuto ruoli dominanti nell'economia e nel governo.

Il capo di Chabad in Russia è Ber l Lazar. Sotto Vladimir Putin, divenne rabbino capo della Russia (2000), sostituendo in questo incarico il moderato Adolf Shaevich. Inoltre, il cambiamento è avvenuto in circostanze strane, nello spirito di un'operazione speciale. Dei venti rabbini che hanno votato per Ber l Lazar, diciotto non erano cittadini russi. Anche alla vigilia del voto nulla lasciava presagire un simile esito, ma il Cremlino è intervenuto e Ber l Lazar ha prevalso. Putin ha immediatamente concesso a Ber Lazar la cittadinanza russa, violando la legge da lui stesso firmata. Prima di questo, Ber l Lazar aveva la cittadinanza israeliana e americana, ma ora ha la tripla cittadinanza.

Cioè, Vladimir Putin, l'ex capo dell'FSB della Russia, già nel primo anno della sua presidenza, con le sue stesse mani ha aperto un'ampia strada per Chabad nel paese.

Ber l Lazar su Putin: “Mai prima d’ora nessun leader della Russia o dell’URSS ha fatto tanto per gli ebrei quanto Vladimir Vladimirovich Putin. Questo è senza precedenti in ogni senso. Ariel Sharon ha ripetutamente sottolineato nelle conversazioni con me che “noi ebrei e Israele abbiamo il nostro più grande amico nel Cremlino”. Ora molti sindaci delle città russe, leader regionali e ministri sono ebrei. Questa è diventata la norma. Oggi i più alti leader della Russia vengono spesso al nostro Centro (a Maryina Roshcha), è diventata una routine. Tre giorni prima di essere annunciato come successore del presidente, anche Dmitry Medvedev è venuto al nostro Centro, dove ha promesso che tutto sarebbe andato nel miglior modo possibile per noi. Riceveremo più di quanto possiamo anche desiderare. Ripeto, questo avvenne tre giorni prima che fosse dichiarato erede” (27/02/2008, Oxford, Chabad Society).

Infatti, dopo l'elezione di Medvedev, Ber l Lazar ha iniziato a partecipare ai principali eventi statali del paese come una persona di spicco, a volte anche più importante del primo ministro Putin (!), come lui stesso ha sottolineato. Così, in occasione della riunione del novembre 2008 dedicata all'annuncio del discorso presidenziale annuale all'Assemblea federale (dove fu annunciato l'aumento del mandato presidenziale), Ber l Lazar si presentò nella sala non solo come ospite, ma entrò onore dopo Vladimir Putin (che l'Assemblea federale ha accolto con applausi continui) e prima dell'apparizione di Dmitry Medvedev. Le priorità sono state chiaramente dimostrate all’élite dominante, al paese e al mondo.
 
Alla riunione del Consiglio di Stato del gennaio 2009 a San Pietroburgo, Ber l Lazar sedeva alla sinistra di Medvedev dietro il governatore Matvienko (a destra c'erano i veterani di cui venivano discussi i problemi). Secondo l'etichetta del Cremlino, ciò significa chiaramente una cosa: Chabad, in quanto forma radicale di ebraismo, sta diventando la religione principale che guida le attività del Cremlino e ne coordina le nomine.

La situazione in entrambi i casi è stata appianata solo dalla presenza del Gran Mufti, il che si spiega facilmente con la riluttanza di Chabad ad aggravare prematuramente la ben nota sfiducia dei musulmani nei confronti degli ebrei. Ma questo governo non ha più rispetto per la Chiesa ortodossa russa e per i russi, non ci tiene in considerazione.

Poche persone prestano attenzione a queste cose, ma invano. Insieme a un film sullo schiavista della Rus' nel Giorno del Difensore della Patria alla vigilia dell'elezione del comandante in capo (di cui ho scritto in articoli precedenti), con la distruzione sistemica dell'esercito, dell'industria, della scienza , cultura, con lo strangolamento dei diritti e delle libertà, questo molto probabilmente significa concentrarsi su una nuova oppressione della Russia per distruggerla.

Ma torniamo a Vladimir Putin.

Chi è lui, Vladimir Putin?

Poniamoci una domanda naturale: se Putin è così predisposto nei confronti degli ebrei e dà loro la preferenza nella sua cerchia, fa per loro una quantità senza precedenti, e loro, a loro volta, lo nominano successore di Eltsin (la maggior parte dei membri della "famiglia" Eltsin sono ebrei), allora chi è lo stesso Vladimir Putin? ?

Le origini di Vladimir Putin sono oscure. Esistono due versioni su questo argomento: ufficiale e non ufficiale. Secondo il primo, è nato nel 1952 a Leningrado nella famiglia di Vladimir Spiridonovich Putin. Sua madre Maria Ivanovna Putina (Shelomova) aveva allora 41 anni, cosa molto rara per quell'epoca

Secondo un'altra versione non ufficiale [2], Vladimir Putin è nato nel 1950 fuori dal matrimonio. Sua madre biologica era Vera Nikolaevna Putina, 26 anni, e suo padre era Platon Privalov, che abbandonò sua madre e suo figlio e non fu registrato nei documenti. Il ragazzo è stato allevato dai nonni per i primi tre anni. Dopo che la madre sposò Georgiy Osepashvili, portò suo figlio in Georgia, ma con la nascita di altri bambini, il patrigno iniziò a opporsi alla presenza di Volodya nella famiglia. Un parente di Osepashvili diede persino segretamente Vova a un maggiore senza figli. La madre, dopo averlo scoperto, restituì suo figlio e lo portò di nuovo dai nonni nella regione di Perm. E in seguito, di nascosto da sua madre, Volodya fu dato in adozione a un lontano parente senza figli dei Putin a Leningrado. Nella nuova famiglia, per compensare le lacune educative del ragazzo, la sua età fu ridotta di due anni,

Sono più propenso a questa seconda versione, anche a causa dell'aspetto di Putin, della sua andatura, dei tratti caratteriali e così via (maggiori dettagli nella fonte). Ma il punto qui non riguarda i genitori in quanto tali, cosa che non accade nella vita. Il fatto è che stiamo parlando della prima persona dello Stato, un politico pubblico, nelle cui mani è ora concentrato un enorme potere, sulla cui educazione, moralità e progetti per la nostra vita, così come per il presente e il futuro del Paese e del mondo, dipende. Il fatto che nasconda fatti importanti su se stesso non parla a suo favore.
 
Inoltre, secondo la seconda versione, il ragazzo ha subito gravi shock fin dalla prima infanzia, un vero e proprio tradimento da parte dei suoi genitori e del patrigno, ha ricevuto un grave stress psicologico e colpi al suo orgoglio. Qual è stato il costo di una riduzione dell'età in quegli anni in cui tutti i bambini si sforzano di diventare più grandi? E la necessità di mentire costantemente su te stesso agli altri, nascondendo la verità? C'è motivo di parlare di una psiche distorta fin dall'infanzia.

Non c’è nemmeno chiarezza sull’origine della madre ufficiale di Putin, i cui lineamenti del viso e il nome da nubile Shelomova suggeriscono la sua origine ebraica (ricordate “Shelom Aleichem”?). Esteriormente, anche il fratello di sua madre, Ivan Ivanovich Shelomov, sembra un ebreo. Per qualche ragione, nella biografia ufficiale di Putin non ci sono informazioni sui loro genitori. I vicini preferiti di Putin, gli insegnanti e l'allenatore di judo che si prendevano cura di lui erano ebrei - anche questo la dice lunga. È anche noto che Vladimir Putin e sua madre visitarono Israele nel 1967 all'età di quindici anni (?). E poi viaggiare in Israele e negli Stati Uniti era consentito solo per visitare parenti molto stretti. Cioè, Putin aveva parenti stretti in Israele. Inoltre, è stato in seguito che ha deciso di scegliere la professione di ufficiale dell'intelligence.

Quindi diventa ovvio che Vladimir Putin è ebreo per parte di madre, e allora tutto è spiegato. Oppure è un figlio adottivo, cresciuto da una madre ebrea nell'amore e nel rispetto per gli ebrei, il che generalmente è naturale. È brutto che questo possa essere stato utilizzato per contrastare il tradimento dei genitori russi, dei parenti georgiani e forse della famiglia di un maggiore senza figli, ricordato dal bambino.

Da Putin, quindi, si potrebbe allevare una specie di giannizzero: russo di sangue, allevato da un nemico dei russi. E ora può estendere il suo atteggiamento nei confronti dei genitori biologici a tutti i centoquaranta milioni di russi. Non è questa la radice del male nelle azioni di Putin, nei segni di bugie, nel suo rapporto con Chabad, nel K-300, nel disprezzo per i russi, per l’esercito, per i georgiani? Un tale Vladimir Putin riceverà probabilmente garanzie dagli ebrei radicali.

Qui sembra che siamo arrivati ​​al punto più basso della vera essenza.

La catena dei personaggi, i motivi delle loro azioni, la loro ideologia e ciò che sta accadendo nel nostro Paese diventano chiari. È chiaro perché in nove anni non è stato creato nulla, perché l'esercito viene distrutto, perché non c'è democrazia, opposizione, libertà di stampa ed elezioni. E in Occidente, se se ne accorgono, è solo di sfuggita, quanto basta per rendere omaggio alla decenza della propria stampa.

Ricordo le parole di Putin: “Ciò che mi ha stupito di più è stato come con piccole forze, letteralmente con le forze di una persona, si possa ottenere ciò che interi eserciti non sono riusciti a fare. Un ufficiale dell’intelligence ha deciso il destino di migliaia di persone”. Ma di chi è lo scout?

Si scopre che il Servizio di sicurezza federale russo serve l'ala estremista del giudaismo, così come il governo degli Stati Uniti, le cui attività pratiche mirano a distruggere la Federazione Russa, il suo esercito, il popolo e anche l'FSB. E questo viene fatto attraverso Putin. Il mondo non ha mai conosciuto una truffa più grande...
http://www.newsland.ru/news/detail/id/364233/ CHI GOVERNA PUTIN?
 
1 maggio 2011 alle 20:28 Guideparker: Ivan Belov 532 visualizzazioni Valutazione: 0 +1717 Chi? Discuti (18) In una conversazione sui veri piani di Putin, abbiamo discusso del fatto che le autorità in Russia, parlando di patriottismo e alzandosi dalle loro ginocchia, inaspettatamente, da nove anni fanno costantemente molto per distruggere l'economia, la sfera sociale, la moralità, la scienza, l'industria della difesa e l'esercito del paese. Allo stesso tempo, non crea nulla in cambio.
Il fatto è particolarmente allarmante perché è in corso un'altra riforma dell'esercito russo secondo un piano sconosciuto, che nei prossimi uno o due anni porterà inevitabilmente a un minimo della sua prontezza al combattimento. Per una strana coincidenza, proprio in questo momento, gli Stati Uniti stanno implementando un nuovo sistema di attacco strategico non nucleare per guerre senza contatto di sesta generazione chiamato “Unified Vision 2010”, che consente di iniziare una guerra in qualsiasi momento. Putin sta inoltre contribuendo a rafforzare l’economia degli Stati Uniti a scapito dell’economia russa.
Questa conclusione paradossale richiedeva una spiegazione. Le persone ragionevoli non credono nella casualità di una tale combinazione e causano loro profonda cautela.
In quegli articoli veniva citata una versione secondo cui Putin avrebbe potuto agire in questo modo sotto costrizione da parte degli oligarchi che lo avevano nominato, cercando di legalizzare la loro capitale in Occidente. Nessuno ha smentito questa versione e nemmeno messa in discussione con i fatti. Inoltre è apparsa un'ulteriore conferma di quanto affermato.
Si è saputo delle misure volte a distruggere le basi delle forze nucleari strategiche e della difesa aerea. Questa volta attraverso la distruzione dei collegamenti industriali, senza i quali i complessi strategici Topol-M e S-300, S-400 non possono essere prodotti e mantenuti in prontezza al combattimento [1].
È iniziato lo scioglimento delle unità militari d'élite più pronte al combattimento delle Forze aviotrasportate e delle forze speciali del GRU, proprio quando le autorità hanno promesso di mettere la maggior parte delle truppe in permanente prontezza al combattimento. L'esercito ha rinviato i programmi di riarmo e la fornitura di carburanti e lubrificanti è stata ridotta. Ciò significa che non ci saranno nuove armi, esercitazioni o addestramenti.
Il famigerato ordine n. 400 “funzionò” nelle truppe, portando a una forte stratificazione degli ufficiali su base materiale e a numerosi conflitti all'interno delle unità, minando la coesione morale e lo spirito combattivo. Fino al 90% degli ufficiali e degli ufficiali di mandato si sono trovati in uno stato di “limbo”. Un esercito disarmato e decomposto in questo modo, se è costantemente pronto a qualcosa, sarà per la propria distruzione, e non per la guerra.
L'informazione che il ministro della Difesa sarà licenziato tra otto mesi (!) alla fine del 2009, cioè quando avrà già compiuto distruzioni nell'esercito, non riduce l'ansia. Al contrario, ciò è ancora più allarmante, confermando la correttezza delle valutazioni sulle azioni di natura distruttiva delle autorità.
Ciò non accade durante il periodo di distruzione “democratica” di Eltsin, ma sotto Vladimir Putin, che si definisce un patriota (una persona che ha definito “idioti” i nazionalisti russi non può essere un patriota in linea di principio - G.S.) e fa affidamento su risorse ben finanziate e servizi di intelligence dotati di personale. I dipendenti di questi servizi speciali, che sono più numerosi che negli anni sovietici, dovrebbero, in teoria, impedire una distruzione così pericolosa della capacità di difesa del paese, ma non fanno nulla.
 
Considerando la gravità dei presupposti e il fatto che ciò che sta accadendo ci minaccia di una vera catastrofe con l'aggressione armata, vale la pena andare a fondo delle vere ragioni di ciò che sta accadendo. E la questione su chi possa controllare Putin è logica in questo senso, anche se certamente sembrerà strana ai sostenitori del “leader nazionale” che credono nella sua indipendenza, determinazione, intelligenza, quasi coraggio – quell’insieme di qualità che la televisione di Stato dimostra alla noi. Ma questa fede, per così dire, è di natura diversa. Abbiamo bisogno di fatti.
Le valutazioni straniere su di lui come "burattinaio" per la sua illimitata opportunità di influenzare Dmitry Medvedev non contraddicono la domanda su Putin. Dopotutto, puoi anche controllare il burattinaio. Ciò significa che vale la pena porre direttamente la domanda sulla gestione e cercare una risposta. Senza questo, il quadro dei veri piani di Putin non potrà essere considerato completo.
Nel frattempo, la versione con gli oligarchi era solo una delle possibili spiegazioni. C'erano anche alcune incongruenze che richiedevano interpretazione.
Ad esempio, non è chiaro il motivo per cui Putin, se è un alleato segreto degli Stati Uniti (anche sotto costrizione), si oppone alla democrazia? Perché Yushchenko e Saakashvili si oppongono a Putin, e lui risponde a tono, e questo ha già portato a due guerre del gas e una “calda”? Perché alcuni oligarchi vengono esaltati mentre altri sono in prigione o in fuga? Che ruolo gioca la “società di servizi speciali” nel governo dello Stato russo? Perché gli Stati Uniti dovrebbero attaccare la Russia e poi sfamare 140 milioni di bocche se già ottengono molto? Inoltre, il loro concorrente alla fine rimarrà la sempre più potente Cina? E così via...
Le domande non sono affatto vane. Senza risposte, una serie di circostanze importanti rimarranno poco chiare.
Per comprendere l’argomento, non si può fare a meno di pensare con chi potrebbero collaborare gli oligarchi (e Putin?) negli Stati Uniti, un Paese in cui esistono diversi centri di potere. Questi sono presidenti dell’amministrazione, dell’intelligence e del Pentagono. Si tratta di magnati della finanza che nominano effettivamente presidenti, ministri, la maggior parte dei deputati e controllano i media. E queste sono persone armate. Inoltre, armato sia della possibilità di acquistare armi e di usarle, sia in senso figurato, di leggi, un tribunale indipendente e una stampa relativamente libera. È il popolo armato il principale sostenitore e portatore della democrazia lì. E la stessa democrazia americana è, in sostanza, un compromesso tra i magnati che nominano il presidente e le persone che approvano questa scelta.
La configurazione, unita da leggi armoniose sviluppate dai fondatori degli Stati, funziona con successo fino ad oggi.
Inoltre, non è del tutto chiaro il motivo per cui gli oligarchi debbano distruggere un paese in cui già vivono bene? Ebbene, derubare è ancora comprensibile. Perché distruggere? Il presunto desiderio di legalizzare ciò che è stato acquisito in Occidente non è sufficiente per ridurre in rovina la Patria e cambiare l’intero ordine mondiale. E se la Russia cadesse, ciò accadrebbe.
Ciò non basta, anche se si parla di somme gigantesche, e capiscono che vivere in un Paese derubato sarà sempre più pericoloso. Cioè, il processo di legittimazione del denaro stesso difficilmente è paragonabile a tali azioni. Inoltre, i soldi sono già nelle loro tasche e finora nessuno in Occidente li porterà via. Hanno già ricevuto "più del trecento per cento dei profitti per il bene dei quali il capitale verrà utilizzato per eventuali crimini". Sembra che possiamo fermarci. Tuttavia, ciò non accade. Il paese viene distrutto più profondamente. Si scopre che, dopo aver derubato la madrepatria che li ha allevati fino all'osso, la stanno preparando a essere fatta a pezzi da forze esterne. Per questo è necessario molto di più: disprezzare letteralmente la Russia. Non sentirsi imparentato con lei, essere sordi ai valori del suo popolo, alla memoria dei suoi antenati, trattarli come un organismo alieno, il che, se c'è un posto sul pianeta, è trascurabile. E questi sono fenomeni di ordine diverso. Ciò significa che o sappiamo poco degli oligarchi, oppure non si tratta di loro e dobbiamo cercare risposte su Putin altrove. Non sarebbe fuori luogo analizzare le azioni volontarie dello stesso Putin, per le quali esistono prove parziali, il che significa che devono esserci delle spiegazioni. Non possono esserci sciocchezze in una questione del genere. Nel frattempo, una cosa è certa: ciò che Putin sta facendo e ciò che si sta trasformando nella costante distruzione del paese sotto lo slogan del patriottismo è molto difficile da concepire e realizzare per una persona. Qui deve pensare e agire un gruppo serio di individui non casuali, e Putin potrebbe non esserne la figura principale. Il ventaglio di domande è ampio e denso, ma se vuoi davvero capire tutto vale la pena rispondere. Diamo prima uno sguardo più da vicino alla cerchia di Vladimir Putin: forse lì troveremo risposte parziali. Scopriamo con chi è amico e su quale base? Proviamo a capire cosa unisce queste persone oltre al denaro, al potere e al passato? Quali motivazioni seguono? Forse possiamo scoprire chi è veramente Putin? Diamo un'occhiata a ciò che sta accadendo alla luce degli eventi mondiali. E dopo saremo in grado di prevedere con maggiore sicurezza cosa ci aspetta in futuro.
 
I primi a cominciare in questo senso sono gli oligarchi che hanno nominato Putin. E in ordine di priorità, e anche perché nonostante le valutazioni degli esperti, l'opinione diffusa nella società sul ruolo dominante dei "siloviki" e, cosa più divertente, la loro stessa convinzione in questo, essi, per la maggior parte dei segni, sono solo un strumento nelle mani sbagliate, sebbene sia uno strumento potente.
Vengono utilizzate le forze di sicurezza. Solo in questa situazione possiamo ottenere un quadro che corrisponda in tutti i dettagli e una spiegazione completa di tutto ciò che sta accadendo. Un’altra cosa è che gli interessi degli oligarchi e dei “siloviki” potrebbero in qualche modo convergere. E i singoli “silovik” rientrano pienamente nella definizione di oligarchia come potere di pochi. Ma il ruolo principale, a mio avviso, non lo gioca ancora la “società di servizi speciali”, e certamente non i membri dell'ex cooperativa “Ozero”. Quindi, oligarchi
Come mi ha scritto uno dei fedeli interlocutori di Putin: “L’amico di Putin è un importante oligarca”. Quindi scopriamo dove sta conducendo questo importante oligarca?
Sono ben noti tre nomi dei principali “mecenati” di Putin: Abramovich, Deripaska e Chubais.
Quando si comunica con i primi due, il solito sorriso di Putin viene spazzato via dal volto di Putin come il vento. Con loro è sempre estremamente concentrato, anche in una grande società. Tutti e tre sono membri chiave della “famiglia Eltsin”, direttamente coinvolta nella nomina di Putin. Deripaska è addirittura imparentata con la figlia di Eltsin. È anche noto che soffre di epilessia.
Abramovich e Deripaska sono in testa da molti anni alla lista dei miliardari russi stilata dalla rivista Forbes. Solo quest'anno Deripaska è scesa al decimo posto a causa della crisi (o non solo?). Apparentemente Chubais non è mercenario. Inoltre, è il più puro non mercenario del mondo se, pur gestendo la distribuzione della più grande proprietà nella storia dell'umanità, formalmente non dispone di grandi capitali. C'è un evidente mistero qui.
Forse la versione secondo cui Chubais serve qualche organizzazione segreta con potenti mecenati è corretta, ed è importante capire quale organizzazione, che questo gli permette di rimanere alla pari tra i più ricchi e ai vertici del paese per così tanti anni?
Dopotutto, Anatoly Chubais è la figura più odiosa di tutti e tre. Caposquadra della privatizzazione, che ha causato danni catastrofici all'economia del Paese, alla sua difesa e alla sfera sociale, riconosciuta in tutto il mondo, anche sotto Putin rimane in posizioni chiave nello Stato, permettendogli di controllare l'economia e influenzare il sistema politico .
Chubais ha mantenuto la sua posizione e ha recentemente completato la divisione della RAO EU, le cui conseguenze attendono con ansia gli esperti. E ora è a capo di Rosnanotech, l’unica struttura scientifica generosamente finanziata del paese con compiti sconosciuti, non altrimenti, come scherzano cupamente, per preparare la prossima “sfondamento del fondo”.
Questo fatto paradossale, inspiegabile dal punto di vista dell’immagine promossa di Putin come statalista – ufficiale del controspionaggio, è un’altra prova che il vero obiettivo del “leader nazionale” non è affatto il patriottismo, ma qualcos’altro. O che Putin dipende debolmente da Chubais, così come da coloro che sostengono Chubais.
E Chubais è sostenuto, ad esempio, da Lawrence Summers, che da noi è ben noto come “un amico degli oligarchi russi” e che sotto Obama è stato nominato capo del Consiglio economico nazionale degli Stati Uniti. In precedenza, sotto Clinton, era stato segretario al Tesoro degli Stati Uniti e aveva guidato i programmi in Russia. Summers, in particolare, ha smesso di indagare sul personale dell’Università di Harvard coinvolto nell’appropriazione indebita su larga scala di proprietà privatizzate in Russia, fornendo allo stesso tempo “assistenza” al governo Eltsin.
 
Sotto Eltsin, Chubais era responsabile della gestione delle proprietà statali. Successivamente ha ricevuto istruzioni dirette da Summers su come effettuare la privatizzazione, in quale sequenza, entro quale arco di tempo, e ha cercato con tutte le sue forze di non confondere nulla.
In particolare, secondo le “raccomandazioni” di Summers, che a volte non hanno avuto nemmeno il tempo di essere tradotte in russo, l’industria militare è stata privatizzata frammentariamente, il che ha portato alla rottura dei legami tecnologici e alla morte di molti dei suoi legami strategicamente importanti. Chubais continua oggi a influenzare i processi dell'industria, sia attraverso il settore energetico che attraverso i suoi protetti nel governo: il ministro dell'Industria (e del complesso militare-industriale) Khristenko, il ministro dell'industria atomica (e delle armi atomiche) Kiriyenko, il ministro delle finanze Kudrin, la leadership della Banca Centrale e il capo della Sberbank Gref.
Chubais possiede la frase: “Va bene se trenta milioni di persone muoiono a causa delle riforme in Russia” [3]. E da allora sono morti quindici milioni.
Cioè Chubais, che ha eseguito e apparentemente esegue in Russia le istruzioni del Segretario del Tesoro degli Stati Uniti e del capo del Consiglio economico nazionale di distruggere l'industria e la difesa della Federazione Russa, e che è pronto a seppellire trenta milioni di noi , continua le sue attività sotto Putin.
In confronto, Adolf Hitler (Führer) è responsabile della morte di ventisette milioni di russi e della distruzione di una parte più piccola dell'economia del paese rispetto agli anni '90. Ma era un nemico mortale, e poi c'era una guerra in corso. Dopo la guerra fu riconosciuto criminale contro l'umanità. E chi è, in questo caso, Anatoly Chubais e perché Vladimir Putin lo sostiene in modo così favorevole e rassegnato...?
Diamo un'occhiata ai contatti degli altri due oligarchi, soprattutto dove la stampa non si concentra su questo.
Roman Abramovich, oltre al suo “amore” per il calcio inglese, è noto per aver venduto Sibneft in modo troppo redditizio allo stato sotto Putin. Così redditizio che non sorgono pensieri sull'equità dell'accordo e, in primo luogo, sulla "tangente" per Putin. Inoltre, l'accordo stesso ha nascosto il fatto della privatizzazione illegale di Sibneft durante un'asta di prestiti in cambio di azioni con i soldi di George Soros. Nella sua nuova passione per il calcio, in cui la Roma rossa non si era mai vista, si vede la volontà di legalizzare quanto acquisito in Europa, essendo presente in un'area popolare e sensibile per l'establishment e la società, al fine di spianare la strada modo per gli altri.
Abramovich era il governatore della Chukotka, dove geograficamente dovrebbe essere situata la prima linea delle nostre forze nucleari strategiche. Territori con grandi riserve di petrolio, gas, oro, metalli rari, pesce, in cui le compagnie straniere hanno seri interessi.
Oggi Abramovich viene periodicamente chiamato candidato a sindaco di Mosca, per una delle posizioni chiave nella gestione dello stato e dei flussi di cassa. Abramovich è recentemente apparso nello scandaloso acquisto di un terreno vicino a Mosca e in diverse storie personali. Non si distingueva particolarmente da nient'altro a causa di una naturale segretezza. Tuttavia, si può presumere che nella squadra Abramovich svolga in modo affidabile il ruolo di cassiere e portatore di alcuni importanti segreti, che Korzhakov chiamava il "portafoglio" della famiglia Eltsin.
L'ultimo dei tre oligarchi, Oleg Deripaska, proprietario della Rusal e di molte altre imprese industriali privatizzate, è stato visto comunicare "a breve termine" con il finanziere Nathaniel Rothschild, di cui la stampa un tempo scrisse con moderazione in relazione allo scandalo di il Parlamento britannico [2].
 
Quindi un rappresentante del Partito conservatore è stato accusato di aver chiesto a Deripaska di donare al partito una cifra ridicola per queste persone di 50mila sterline, cosa vietata dalle leggi della Gran Bretagna (lì si sono svolte le elezioni). Non c'erano prove di questo scandalo, ma gli inglesi avevano ancora un brutto presentimento al riguardo. Gli eventi si sono svolti in un'atmosfera molto calda - nella villa di Rothschild e sullo yacht di Deripaska e sono stati molto simili ad una provocazione pianificata.
A quegli incontri ha preso parte anche Lord Peter Mandelson, il commissario europeo per il commercio. E ad un altro loro incontro ravvicinato, al ristorante Pushkin di Mosca, partecipò anche German Gref, allora ministro dello Sviluppo economico e del commercio della Federazione Russa [3].
La stampa inglese definisce Rothschild un amico e socio in affari di Deripaska: hanno diversi grandi progetti comuni. Per noi, oltre a questa amicizia e partnership, è interessante vedere chi e come utilizza Deripaska come strumento politico in un altro paese. Da ciò consegue che anche nel nostro Paese è possibile.
Ciò è tanto più importante perché, secondo lo stesso Deripaska, è lui il vero autore della politica economica di Putin, e nessun altro. Questo, in particolare, è affermato in modo inequivocabile nella sua famosa "Intervista scandalosa" [4] e nel successivo racconto su di lui dell'intervistatore Nikolai Asmolov "Uccidi il drago" [5]. Ci sono molte cose interessanti lì per comprendere l'essenza di ciò che sta accadendo, e su questo torneremo più tardi.
Per ora, notiamo che l’autore della politica economica di Putin è una persona o persone amiche di Rothschild e del commissario europeo per il commercio e che possono, su loro richiesta, influenzare il corso della politica economica in Russia.
Quindi, ancora una volta: Chubais “lavora” per il governo degli Stati Uniti e da molti anni distrugge l’industria e la difesa della Federazione Russa, Deripaska sta “costruendo” la nostra economia secondo i suggerimenti di Londra. Entrambi sono i “mecenati” di Putin, che lo hanno nominato ai vertici e probabilmente lo controllano ancora. Non pensi che questo sia sospetto?
Scopriamo più in dettaglio chi sono queste persone: Rothschild, Summers, Mandelson, Soros, al fine di verificare la validità dei nostri sospetti ed espandere la nostra visione di ciò che sta accadendo a livello degli eventi mondiali.
K-300
I Rothschild sono tra le famiglie più ricche e influenti della Gran Bretagna e degli Stati Uniti: quegli stessi magnati. Inoltre, i Rothschild sono i suoi fondatori, leader e un nome familiare insieme ai Rockefeller. Questi magnati controllano la finanza, l’economia, il complesso militare-industriale, il petrolio, la maggior parte dei media e la politica globale. Sono loro che stampano i dollari. Questo gruppo comprende anche molti membri dei governi e delle famiglie reali dei principali paesi occidentali, in particolare Margaret Thatcher, sia George W. Bush, Henry Kissinger e Hillary Clinton.
Si chiamano diversamente: "Gruppo Bilderberg", "Comitato dei 300", "Club di Roma" e svolgono un ruolo importante nel plasmare le politiche dei principali paesi del mondo. Per brevità li chiameremo “Comitato dei 300” (K-300), anche se questa definizione di John Coleman [6], a mio avviso, non è del tutto esatta. I membri del K-300 possiedono fino al 90% della ricchezza mondiale. Le loro capacità sono abbastanza sufficienti per provocare crisi finanziarie, che periodicamente utilizzano per i propri scopi. L’attuale crisi globale non sembra fare eccezione.
 
Il K-300 estende la sua influenza su quasi tutto il mondo “Per il K-300, i politici e i servizi segreti di vari paesi sono solo marionette”. “Ai paesi dell’Est e dell’Asia è già stato assegnato il ruolo di “servitori” obbedienti dal Comitato dei 300, in modo che il mondo intero sia sotto il suo tallone” (John Coleman).
Piani del comitato
I piani di questo Comitato dei 300, senza esagerare, sono radicali: la creazione di un Governo Mondiale e di un Nuovo Ordine Mondiale, il controllo totale su tutte le persone del pianeta utilizzando metodi di tracciamento elettronico e farmaci psicotropi. Perché distribuiscono passaporti elettronici, denaro, comunicazioni mobili, ampliano i metodi di monitoraggio dei computer e impiantano anche etichette elettroniche sotto la pelle delle persone? A Bruxelles da diversi anni esiste un potente computer dal nome caratteristico “666” per tenere pienamente conto di tutto questo. Vengono inoltre sviluppati nuovi tipi di medicinali basati sulla nanotecnologia.
Nel processo di acquisizione del controllo, il K-300 pianifica una mostruosa riduzione della popolazione terrestre, di oltre l'80%. La cifra residua viene definita da un miliardo di persone (“miliardo d'oro”) a soli seicentomila (!). Cioè, secondo i loro piani estremi, solo una persona su diecimila che vive attualmente sulla Terra dovrebbe sopravvivere e novemilanovecentonovantanove persone dovrebbero morire, in un modo o nell'altro. Più di cinque miliardi di vittime, ovviamente, non possono essere paragonate a nessuna guerra precedente. E i russi non sono tra i privilegiati, secondo i loro piani. Cioè, i russi dovrebbero sicuramente cadere come prime vittime.
Le azioni del K-300 sono descritte in particolare nei documentari “Zeitgeist Addendum-2” [7] e “Endgame: Project of Global Enslavement” [8]. Consiglio di guardarli. Non tutto è accurato lì, ma otterrai la giusta impressione generale (puoi saltare la prima parte di "The Zeitgeist" - si tratta di qualcos'altro).
Secondo gli autori di "Spirit of the Times", negli stessi Stati Uniti, il raggiungimento degli obiettivi globali nominati "K-300" è ostacolato da un sistema democratico sviluppato con i suoi diritti e libertà. Probabilmente, per limitare questi diritti e sciogliere le loro mani, hanno avviato e organizzato l'attacco terroristico dell'11 settembre 2001 a New York contro le Torri Gemelle. Il film dimostra che questo era il lavoro del K-300.
Quell’attacco terroristico ha contribuito a sollevare un’ondata di paura e indignazione, a formare l’immagine di un nuovo nemico nella mente degli americani comuni – il terrorismo globale con un volto islamico e altro ancora (ne parleremo più avanti), ha permesso di scatenare l’aggressione contro l’Iraq e l’Afghanistan e rafforzare il controllo all’interno degli Stati Uniti. Ha inoltre aperto un’enorme fonte di entrate per il complesso militare-industriale e per il controllo del petrolio mediorientale. Cioè, ha svolto il ruolo di quella provocazione multiuso che ha preceduto ogni guerra con la partecipazione dell’America. L'attacco terroristico è stato quindi un passo importante verso il raggiungimento dell'obiettivo globale del K-300. Ecco alcuni degli obiettivi del K-300
(1) Stabilire il governo di un unico governo mondiale - un nuovo ordine mondiale con un sistema monetario unificato e Chiesa.
(2) Distruzione completa dell’identità nazionale e della dignità nazionale
(3) Controllo di ogni persona, senza eccezioni, attraverso l’uso di dispositivi di controllo mentale, così come della “tecnotronica” che creerà un sistema di terrore, in confronto al quale i rossi il terrore di Felix Dzerzhinsky sembrerà un gioco da ragazzi.
 
(4) Non permettere ai popoli di decidere del proprio destino.
(5) Infiltrarsi di agenti sovversivi in ​​tutti i governi e svolgere attività volte a distruggere la loro sovranità.
(6) Creare una crisi generale nell’economia mondiale e generare il caos politico generale.
(7) Cessazione completa di ogni sviluppo industriale e di produzione.
(
sorriso8)Cessazione di tutta la ricerca scientifica, ad eccezione di quelle che il Comitato ritiene utili.
(9) Stabilire il controllo sull'istruzione
(10) Legalizzazione della droga e della pornografia.
K-300 in Russia
Ora poniamo la domanda: se K-300 negli Stati Uniti è ostacolato dalla democrazia, allora come si comporterebbe in Russia per raggiungere il suo obiettivo? È chiaro che non sviluppando la democrazia.
Rispondendo a questa domanda, arriveremo inevitabilmente alla conclusione che il modo migliore per farlo è ripristinare qui una parvenza del duro ordine degli anni sovietici, pur mantenendo l'esportazione della sua principale ricchezza.
Ciò sarà percepito dalla popolazione con sollievo e addirittura come una garanzia di un ritorno ad un passato prospero e rispettato dopo la “democrazia” dilagante degli anni '90.
Gli ordini autoritari con il predominio dei servizi speciali e il ruolo guida e guida del partito sono memorabili e familiari alla maggior parte dei russi adulti. Abilmente spiegati, creeranno l'illusione di una rinascita della grandezza passata. E il controllo è importante per sopprimere i germogli dello sviluppo ed evitare che si formi per caso qualcosa di positivo. Dopotutto, non c’è posto per i russi nemmeno nel loro “miliardo d’oro”. La Russia è destinata a ricoprire inizialmente il ruolo di appendice delle materie prime con una popolazione di non più di 15-30 milioni di persone per la manutenzione delle condutture del petrolio e del gas.
È difficile credere in un fanatismo così sottile, ma lascia che ti ricordi che stiamo parlando della famiglia più ricca e potente, e quindi una delle famiglie più intelligenti del pianeta, la cui "moralità", capacità e aspirazioni a governare il mondo sono contate nei secoli. Nelle loro mani ci sono gli strumenti di intelligence, finanza, militari, tecnologici, informativi dello Stato più potente del mondo. E tra i passi passati verso il raggiungimento del potere ci sono la prima e la seconda guerra mondiale, la Corea, il Vietnam, la Jugoslavia, l'Iraq.
Pianificando il dominio del mondo e avendo a portata di mano informazioni complete su tutto nel mondo, è del tutto possibile in un ambiente calmo elaborare uno schema così semplice e sicuro per schiavizzare la Russia.
Si noti che le stesse persone - Chubais, Deripaska, Abramovich - hanno giocato per la prima volta la carta democratica, e quando ciò li ha aiutati a impadronirsi della proprietà e del potere e hanno perso popolarità, iniziano a giocare quella autoritaria e patriottica nella persona di Putin con il "siloviki" ”, rimanendo invariabilmente al vertice. Ciò dimostra in modo più convincente l'essenza di ciò che sta accadendo come performance sotto la direzione delle stesse persone.
Psicologicamente, tutto è stato calcolato con precisione: prima un pasticcio democratico, nelle cui acque agitate era necessario dividere la proprietà, distruggere la struttura delle capacità di difesa e dirigere il flusso di materie prime, e poi una presunta "mano dura" per "stabilire ordine”, ma di fatto consolidare ciò che era stato realizzato e impedire lo sviluppo.
 
Naturalmente, è meglio utilizzare a questo scopo la struttura dell'FSB, il successore del KGB, come una potente polizia politica con una vasta esperienza e tradizioni di controllo sulla società con influenza su di essa, compresa la repressione del dissenso. Inoltre, questa struttura fu umiliata e privata sotto Eltsin (è per caso), e quindi essa stessa voleva vendetta.
Dopotutto, immagina quali opportunità si apriranno per distruggere la Russia se metti la “tua” persona al posto di Stalin? La società sarà controllata attraverso la sorveglianza, la riverenza e la paura imposte dai servizi segreti. Consapevolezza di ogni passo di ogni persona notevole a tutti i livelli di potere, controllo su eventuali segreti, forze armate, industria, economia, capacità di disporne autoritariamente, incluso lo spostamento arbitrario di persone, la riduzione delle armi, la vendita di informazioni, proprietà e così via . Il posto perfetto per uccidere un paese.
Anche l '"élite" non si opporrà - dopotutto, non c'è niente di più piacevole dell'ordine del socialismo con un minimo di diritti per le persone, nonostante il fatto che si possa portare via quasi tutto il denaro e usarlo per beni e servizi occidentali. Servizi.
Per attuare tali piani e impedire la comprensione di ciò che sta accadendo, è necessario distruggere i politici popolari intransigenti e corrompere il resto con rango e ricchezza di materie prime. È necessario accendere a tutto volume la televisione stupefacente e corruttrice sotto il controllo della stessa persona attraverso persone che comprendono gli obiettivi, con la sostituzione dei giornalisti amanti della libertà. La televisione dovrebbe rafforzare l’immagine del leader, parlare di “rialzarsi dalle ginocchia”, e allo stesso tempo diffondere moralità corruttrice e sottomissione pubblicitaria. È necessario espellere le persone intelligenti dal paese, ma elevare gli obbedienti, gli ottusi e gli avidi e, per la maggior parte delle persone, aprire l’accesso alla vodka e alle droghe invece che ai posti di lavoro nell’economia reale.
Per raggiungere questo obiettivo, l'FSB ha dovuto liquidare, ridurre o sterilizzare le unità pericolose per il K-300 per crimini economici, controspionaggio e intelligence straniera, ma rafforzare gli organi di controllo politico interno: la polizia stessa. E anche il personale intelligente venne epurato e i dirigenti furono corrotti con grandi somme di denaro. L'aumento del numero dei servizi speciali dovrebbe essere effettuato a scapito dei giovani, sui quali è necessario elevare capi dalla mentalità ristretta, disposti a rosicchiare chiunque sia insoddisfatto delle autorità per aumentare le razioni. Prima di tutto, coloro che lottano per la democrazia – dopo tutto, “hanno distrutto il paese sotto Eltsin”.
Questo è esattamente ciò di cui ha bisogno il K-300.
È necessario sopprimere l'opposizione, gestire le statistiche, indebolire l'istruzione, dare libero sfogo agli "poliziotti" e ai funzionari, coltivare la corruzione, impedire la modernizzazione dell'industria della difesa - mettere lì gestori dei servizi della stessa struttura e parenti analfabeti. Convertire gli investimenti pubblici in tangenti. Strangolare le medie e piccole imprese con estorsioni, troppo difficili da controllare. Aumentare il numero dei dipendenti pubblici, la maggior parte dei quali non produce nulla, ma che possono sempre essere costretti, ad esempio, a votare come dovrebbero. Offri alla gente bocconcini dolci come il pagamento regolare di pensioni, stipendi, nonché l'emissione di prestiti per automobili importate. E l'importante è non fare movimenti improvvisi, per non provocare ondate di indignazione con conseguenze imprevedibili per loro.
 
Qualcosa del genere può uccidere un paese abbastanza rapidamente. Anche senza l’esportazione di denaro e senza la totale distruzione dell’industria e dell’istruzione, ciò è già accaduto una volta nel 1991. Pertanto, i risultati di una nuova distruzione non ti faranno aspettare.
Entro il 2020, tutte le armi strategiche e l’industria invecchieranno e alla fine falliranno, e il personale altamente professionale che ha ricevuto istruzione ed esperienza anche prima della perestrojka se ne andrà. Il paese non avrà alcuna possibilità di sopravvivenza nel mondo moderno. In questo modo puoi distruggere il Paese in modo silenzioso, impercettibile e affidabile, tenendo tutti all'oscuro fino all'ultimo momento, quando diventa impossibile cambiare qualcosa. Inoltre, per mantenere la fede della gente, ricevendo in cambio lealtà e sostegno.
In Russia, per fare questo, basta trovare una figura adeguata al ruolo di leader e chiamarla, ad esempio, “leader nazionale”.
Un tale regime non è la democrazia con le sue elezioni, la libertà di stampa, i diritti dei cittadini, i tribunali indipendenti, in cui si può ritenere il governo responsabile e rivolgersi alla società per ottenere sostegno, anche fino a una rivolta armata, la cui possibilità è scritta fuori nella Costituzione americana.
E poiché nel sistema sovietico il capo dello stato veniva automaticamente rimosso dall'elenco delle persone sospettate di qualcosa, il seggio presidenziale è il più sicuro per questa persona, ma il più pericoloso per il paese, che questa persona ha un'opportunità illimitata di distruggere a livello centrale .
Tutto ciò che restava era trovare un candidato adatto.
Putin, con la sua antipatia per il servizio nel KGB, di cui ha parlato nelle sue memorie, così come la sua nota debolezza personale, è stato notato in contatti non autorizzati con rappresentanti dei servizi segreti stranieri anche durante il suo viaggio d'affari nella RDT (vice dell'Assemblea Legislativa di San Pietroburgo Shutov). Il che è abbastanza naturale per una persona con tali inclinazioni. Quelli come lui sono appositamente identificati dall'intelligence nemica.
Poiché tali contatti sono potenzialmente considerati spionaggio, questo, molto probabilmente, è diventato il motivo del richiamo di Putin in URSS e del suo trasferimento nella riserva per un posto presso l'Università di Leningrado senza personale per un ufficiale dell'intelligence straniera, al di sotto del quale è impossibile scendere al di sotto (il generale Kalugin è l’ex capo di Putin). Da lì Anatoly Sobchak lo portò a casa sua. L'ho preso da solo o dal suggerimento competente di qualcuno, si può solo immaginare. Ma il democratico Sobchak aveva numerose conoscenze all'estero e la scelta caduta su Putin all'inizio degli anni '90 potrebbe non essere stata casuale.
Il comportamento di Putin è stato monitorato. Fu trascinato nell'amministrazione Eltsin, ricontrollato in un importante caso di controllabilità, furono presentate nuove prove compromettenti, fu nominato prima nell'FSB, dove liquidò le divisioni economiche e rafforzò il controllo politico, poi primo ministro e successore dell' Presidente. E i successivi nove anni di governo di Putin non hanno fatto altro che confermarlo.
Giudica tu stesso se questo è ciò che sta accadendo oppure no. Penso che sia molto simile. Semplicemente non c’è motivo di dubitare che non stiamo seguendo le istruzioni degli Stati Uniti tramite gli oligarchi che utilizzano i nostri servizi di intelligence come strumento. E Vladimir Putin è un mediatore e un partecipante a questa questione.
In questo caso, ha senso considerare tutto ulteriormente proprio attraverso il prisma degli interessi delle forze elencate: “K-300 - governo degli Stati Uniti - oligarchi - Putin - “servizi speciali”. E ci saranno risposte a tutte le domande.
 
Ad esempio, la Cecenia è servita in questo caso (oltre alla repressione dell’estremismo musulmano non completamente controllato dal K-300) come mezzo per aumentare la popolarità di Putin nella società e aumentare la sua autorità nell’esercito, nella polizia e nei servizi segreti.
Non è stato un caso. Usando l'esempio della Cecenia, è stato possibile addestrare le persone in uniforme al trattamento spudorato e crudele delle persone, e quindi trasferire l'esperienza di queste relazioni alla società. E non sono stati trasferiti solo l'FSB, gli agenti antisommossa, la polizia, ma anche i vigili urbani, molti dei quali hanno trascorso lì mesi in viaggio d'affari, il che li ha costretti ad amareggiarsi e a cambiare internamente. Con tali aiutanti è particolarmente conveniente combattere la democrazia.
Gli attacchi terroristici sono diventati fattori scatenanti dell’azione (come negli Stati Uniti).
In futuro, Putin ha praticamente dato mano libera ai servizi segreti, presentandosi davanti a loro nell'immagine del suo difensore e combattente per lo stato. Hanno coperto l'incompetenza e anche gravi violazioni della legge, hanno garantito salari elevati e diritti preferenziali. Eroizzato attraverso la televisione. Ha permesso ai manager di diventare grandi proprietari e di mettersi al passo con gli oligarchi in questo senso, secondo il principio di Berezovsky “perché comprare un’organizzazione quando puoi comprare il management”. Hanno sviluppato qualcosa come un'unità di interessi. I ranghi inferiori lo percepirono come un trionfo del patriottismo e una garanzia che gli "americani" non sarebbero passati.
E, avendo ottenuto l'autorità indiscussa dei servizi speciali, è stato possibile distruggere altre istituzioni statali, compreso l'esercito. Dapprima ne è caduto vittima il Consiglio federale eletto, poi i governatori, i tribunali, i partiti, le elezioni stesse e ora l'esercito - in effetti, tutte le istituzioni statali. E se tutti i media e le organizzazioni pubbliche hanno parlato di violazioni nell'esercito, allora sull'FSB, in effetti, c'è stato un silenzio completo. Secondo Deripaska, questo faceva parte di una campagna pianificata.
Il K-300 comprende perfettamente l’intero contesto economico di ciò che sta accadendo e il suo inevitabile e rapido effetto disastroso per la Russia. Al contrario, i nostri servizi speciali sono economicamente analfabeti e distruggono diligentemente tutto ciò che è creativo con libertà, pensando di difendere la Patria.
Amici K-300
Non pensare che ciò che è stato detto sia finzione. Tu ed io siamo testimoni sempre di più di ciò che accade ogni giorno. Ad esempio, fino al 25 marzo di quest’anno. Gabriel Popov ha chiesto “il trasferimento delle nostre armi nucleari, dell’energia nucleare e di tutta la tecnologia missilistica e spaziale sotto il controllo internazionale. Trasferire la ricchezza del nostro sottosuolo, in primis le riserve di idrocarburi, sotto il controllo di tutta l’umanità. Verso la creazione di un governo mondiale, in cui sono necessarie Forze Armate mondiali e una Polizia mondiale”.
Gavriil Popov è un ex sindaco della capitale e un noto democratico. Una volta era insegnante di Chubais e Gaidar, e ora "istruisce" i giovani all'Università statale di Mosca. Inoltre, dirige il lavoro della Società economica libera, di cui fanno parte molti capi di regione e politici che non fanno parte delle prime file del Cremlino. Il secondo scaglione controlla, per così dire. Pertanto, tutto ciò che è stato detto è completa realtà. Il ruolo della Russia
Per coloro che vogliono comprendere a fondo la verità, è necessario valutare correttamente il ruolo della Russia nel mondo, da cui consegue questo atteggiamento del K-300. Questo ruolo è tale che è impossibile applicare al nostro Paese analogie con la costruzione postbellica degli americani in Europa e del Giappone, che molti sinceramente non capiscono e sperano di ottenere qualcosa di simile.
 
Storicamente è accaduto che altre democrazie siano state costruite dagli Stati Uniti per far dispetto alla Russia come parte della competizione tra due superpotenze, e nient’altro. E dopo aver ottenuto la vittoria, gli Stati Uniti agiranno in modo tale da impedire il risveglio del potere dell'ex nemico. Le libertà economiche consentono ai paesi del mondo moderno di fare un netto balzo in avanti nello sviluppo, anche attraverso il libero investimento e lo scambio tecnologico, che, date le risorse industriali, intellettuali, lavorative, di materie prime, terra e acqua della Russia, avrebbero dovuto portare il paese alla ribalta mondiale. leadership abbastanza rapidamente. Ma questo è proprio ciò che non è compreso nei piani del K-300 e degli Stati Uniti.
La Russia sta interferendo con la conquista del dominio mondiale e continuerà a farlo finché le nostre armi nucleari non saranno eliminate. E poiché raggiungere il dominio del mondo è il loro obiettivo principale, tutto sarà fatto nei confronti della Russia per eliminare l’esercito, i missili nucleari e la possibilità di ripristinarli (o trasferirli volontariamente). Solo raggiungendo questo obiettivo saranno in grado di diffondere il nuovo ordine mondiale sull’intero pianeta e distruggere i popoli.
Pertanto, il Giappone e il governo degli Stati Uniti non costruiranno alcun K-300 da noi, e nemmeno l’Iraq. Il motivo qui sta nelle peculiarità dello spirito del popolo russo e di altri popoli del paese, grazie ai quali furono vinte le guerre, fu costruito un enorme paese con una cultura sviluppata, un'industria, forze armate e un proprio stile di vita. Non ci sono analoghi di un paese del genere nel mondo. La Russia è un caso assolutamente unico.
Pertanto, molto probabilmente, ci distruggeranno sul serio, anche se si sentirà sicuramente parlare di esportazione delle libertà, poiché al loro stesso popolo e ai popoli dell'Europa occidentale devono essere fornite spiegazioni accettabili per i loro valori. Allo stesso tempo, il K-300 utilizzerà molto probabilmente la struttura degli stessi Stati Uniti come una capsula per conquistare il mondo, dopo di che o nel processo questa capsula verrà modificata per controllare anche gli Stati Uniti.
Il principale metodo di influenza.
Nel frattempo, il principale metodo di lotta è l’indebolimento economico, di difesa e psicologico dall’interno attraverso la selezione dei leader e il controllo dei media. I membri del K-300 sono persone esperte, lungimiranti e determinate, senza alcun dubbio. Molti dei servizi di intelligence del mondo lavorano per loro. Insieme sono in grado di coltivare “élite” obbedienti di altri paesi al fine di indebolirli e distruggerli.
“Il piano K-300 mira a demoralizzare tutti noi in modo che accettiamo docilmente tutto ciò che è previsto per noi. Seguiremo i loro ordini come pecore. Qualsiasi leader che si presenta come una forte personalità e improvvisamente sembra voler “salvare” la nazione dovrebbe essere visto con estremo sospetto. Boris Eltsin da questo mazzo" (John Coleman, 1999). Aggiungiamo noi stessi che Vladimir Putin lo è ancora di più...

Quindi è emersa una chiara caratteristica unificante di Putin e del suo entourage. Consiste nella loro integrazione nell’ombra mondiale “verticale” attraverso gli oligarchi, la cui continuazione è la nostra “Russia Unita” con una “verticale del potere”. Anche se è improbabile che questi ultimi se ne rendano conto.
Tutto ciò che resta da vedere è fino a che punto gli alti funzionari comprendono tutte le conseguenze di ciò che viene fatto? E se capiscono, quali garanzie hanno dal K-300? E su cosa si basano queste garanzie?
Putin e Rothschild: cosa hanno in comune?
 
Questa domanda è sorta durante l’analisi dei veri piani di Putin. E non è nato per caso. L’integrazione di Vladimir Putin nell’ombra globale “verticale” attraverso gli oligarchi, di cui stiamo parlando, implica che ci debba essere un rapporto di fiducia con l’élite mondiale e garanzie personali affidabili da parte loro. Mi chiedo su cosa si basano queste garanzie?
Cos'altro hanno in comune?
Quando si analizza il Comitato -300, non si può fare a meno di prestare attenzione al fatto che i personaggi principali in esso, così come i nostri oligarchi e molti intorno a Putin, sono ebrei. I Rothschild, i Rockefeller, Kissinger, Summers, Mandelson, Soros, Abramovich, Chubais, Gavriil Popov, il Primo Ministro Fradkov, i vice primi ministri, un certo numero di ministri chiave, compreso il Ministro della Difesa, e i dirigenti dei media sono ebrei. Solo che non ci sono informazioni affidabili su Deripaska (anche se i siti ebraici lo hanno sicuramente incluso nei loro - scrivono che è ebreo da parte di madre e ci sono fotografie di lui che indossa una kippah ebraica). Dobbiamo quindi considerare anche questo aspetto. Non perché lo voglia davvero, ma perché abbiamo concordato: non possono esserci sciocchezze in un'analisi del genere. Forse anche questo significa qualcosa.
Uno studio dettagliato del K-300 rivela molto di più: si basa non solo sugli ebrei, ma anche sugli ebrei che aderiscono al giudaismo ortodosso. Sono spesso chiamati chassidim. Esistono infatti molti movimenti chassidici e in questo caso si tratta della setta Chabad più radicale. L'essenza dell'ideologia Chabad è l'estremismo su base teologica, inoltre, l'estremismo globale, su scala umana universale - un tipo speciale di teogeopolitica. In particolare, il rabbino Eduard Khodos, capo della comunità ebraica di Kharkov e implacabile oppositore di Chabad, scrive e parla molto di questo [1]. Ci rivela le informazioni interne che ha ricevuto da Chabad all'inizio degli anni '90, quando Chabad iniziò a penetrare attivamente in Russia.
Secondo Eduard Khodos, è Chabad che prevede di ridurre la popolazione mondiale a 600mila persone, nonostante il numero del popolo ebraico stesso sia di circa 13 milioni di persone. Cioè, le vere attività di Chabad nel K-300 sono dirette contro la vita di sei miliardi di persone, tra cui dodici milioni e mezzo di ebrei. Hitler sta "riposando". Si scopre che l'ideologia estremista di Chabad è moltiplicata per il potere dei paesi del mondo occidentale, il che la rende mortale per il 99,99% delle persone.
In questo senso è interessante il modo in cui si prevede di attuare il piano. All’inizio si parla del “miliardo d’oro”. Ma questo obiettivo è falso, quindi l'umanità "sviluppata" negli Stati Uniti e in Europa non si preoccupa, sperando di entrare in questo miliardo, e guarda con indifferenza come i restanti 5 miliardi saranno distrutti da guerre e malattie (siamo io e te) . Tuttavia, in una cerchia più ristretta, si parla già di un paio di centinaia di milioni di prescelti, il che è più simile alla verità, poiché altrimenti la popolazione si riprenderà abbastanza rapidamente. In realtà, si prevede di lasciare in vita non più di 600mila persone, di cui solo circa 20mila, una “minoranza microscopica” (termine di Hodos) dovrebbe trionfare, governare e godere di un’ecologia pulita. La politica cannibalistica è una descrizione troppo morbida per questo.

Tuttavia, Chabad è oggi una forza trainante nella vita ebraica, posizionandosi come la parte “superiore” dell’ebraismo. Il loro insegnante, il rebbe, è il “padre del popolo ebraico”. La sede centrale di Chabad si trova a New York, Brooklyn. In particolare, l'ex vicepresidente americano Al Gore appartiene a Chabad.
Il libro principale di Chabad "Tanya", che Eduard Hodos chiama nientemeno che il loro "Mein Kampf", basato sui "Protocolli degli Anziani di Sion", divide tutta l'umanità nelle persone stesse - gli ebrei, "i più eletti popolo di Dio”, e tutto il resto – i “goyim”, quasi animali, che dovrebbero essere trattati come schiavi, ingannando e uccidendo chi non è considerato vergognoso. Allo stesso tempo, Chabad considera goyim tutti tranne gli ebrei di razza che aderiscono al giudaismo. Cioè, secondo il libro di Chabad, anche gli ebrei secolari sono goy, da qui la differenza nei loro piani per ridurre la popolazione (ho guardato specificamente sul sito web del Ministero della Giustizia - per qualche motivo questo libro non è nell'elenco dei letteratura estremista).

http://gidepark.ru/community/705/article/329370?digest Ma qualcosa mi dice che non ci sarà un governo mondiale aperto.
Ebbene, pensa tu stesso a come ciò potrebbe avvenire in modo da eliminare le restrizioni alla
libera circolazione delle persone intorno alla Madre Terra. Questa volta.
Il secondo sono le valute. Chi tra i creduloni sofferenti guadagnerà soldi con il Forex, ecc. soldi,
scuoti proprio questi soldi e non dimenticare il cambio valuta.
A proposito, usando l'esempio dell'Unione Europea, puoi vedere che l'idea è stupida e difficile da attuare.
Stranamente non sono maghi e non possono andare oltre certi limiti.

E penso che questo argomento venga discusso deliberatamente attivamente - beh, in modo che le persone abbiano qualcosa da fare.
Ma ovviamente non sapremo mai dei piani reali, ahimè, questo è un dato di fatto.

Per quanto riguarda i chassidim, anche la gomma da masticare. Bene, pensa tu stesso, se presumibilmente uccidono tutti,
allora chi lavorerà allora?sorridi: D sorridi: D sorridi: DQuesta è una sciocchezza: non possono fare nulla.
O come lo immagini: lo zio Vova pascola il bestiame, lo zio Dima coltiva cavoli
e il rabbino capo si siede e calcola quanto durerà loro questo prodotto.

Il suocero (con avatar di Lavrenty Palych) scrive:
Citazione: Scenario del massacro dei russi da un vecchio uzbeko
Ho un conoscente, un lavoratore ospite uzbeko, 58 anni, si chiama Vanya, o loro - non ricordo e non importa. Vanya lavora regolarmente nei cantieri dal 2002, ha avuto vari problemi e ha visto molte cose in Russia, ovviamente negative. Oggi Vanya è tornato a casa in Uzbekistan e non tornerà più: la sua salute è gravemente danneggiata e i suoi 3 figli sono rimasti da qualche parte nella regione di Mosca e provvederanno a lui e a sua madre, mandando soldi a casa. Oggi, prima di partire, Vanja ha deciso di dirmi una cosa.
"Me ne vado, voglio parlarti", disse Vanja, e gettandosi il natsvai in bocca, cominciò a dire...
"Voi russi presto finirete." Non capisci cosa sta succedendo. Presto sarai tagliato fuori. Perché sei così stupido?! Non vedi quanti di noi musulmani siamo intorno a te? Non vedi come il tuo governo ebraico sta deliberatamente importando sempre più persone come noi? Siamo già tanti, tanti, e presto saremo più di te.
Viviamo nelle vostre fabbriche e fabbriche con 300-500 persone, non fumiamo, non beviamo, non ci droghiamo. Molti dei nostri giovani sono attivamente coinvolti nello sport, tutti hanno armi da taglio e alcuni hanno già armi da fuoco. Non credere che siamo pagati pochi centesimi. Veniamo pagati più di te. Ad esempio, guadagno 40-45 mila rubli in un cantiere edile. E ti dicono che lavoriamo per 10mila - ti ingannano, questa è una favola per il poliziotto distrettuale, per pagarlo di meno “per il tetto”... per ora paga.
Con noi, ad es. i nostri leader hanno un piano globale. Non l'hanno inventato loro, i nostri padroni, loro stessi sono pedine, anche se guidano auto costose e possiedono negozi, mercati, ristoranti...
Questo piano molto probabilmente non è stato inventato nemmeno dal vostro governo, ma da qualcuno ancora più in alto . Sta nel fatto che tutti sappiamo cosa fare all’ora X.
Siamo ben organizzati. Quando arriverà l'ora X, usciremo tutti allo scoperto e inizieremo un sanguinoso massacro.
Ricorderemo tutta l'umiliazione, tutta la sofferenza che ci hai causato negli ultimi 10 anni: come ci hai disprezzato come cittadini di terza classe, come ci hai derubato dei soldi, come i tuoi poliziotti corrotti ci hanno perseguitato... ordini:
chi sarà ucciso? Prima di tutto, uccideremo in ogni città tutti i tuoi poliziotti, tutti i funzionari, nonché i dirigenti delle imprese in cui lavoriamo. Uccideremo tutti i vostri preti e bruceremo tutte le chiese e i monasteri. Non sarà difficile.
I più preparati tra noi si impegneranno nella distruzione delle unità militari situate nella nostra zona di residenza: tutto viene distribuito tra noi. Allora ci occuperemo della gente comune, vi uccideremo proprio nei vostri letti.
Di quale polizia antisommossa, di quale esercito stai parlando?! Siamo a Mosca e nella regione di Mosca, a San Pietroburgo e nella regione di Leningrado, ecc. e così via. - decine di volte di più della polizia e dell'esercito messi insieme in ciascuna regione. Noi siamo una legione. Abbiamo una leadership competente, siamo tutti divisi in distaccamenti, brigate, ecc.
Guardate negli occhi i lavoratori migranti: non abbiamo più paura di voi, come 5-8 anni fa. Siamo più forti, più amichevoli e più organizzati e non vivremo ancora a lungo nelle roulotte e negli scantinati delle fabbriche. Vivremo nelle vostre case e appartamenti, stiamo ancora allevando e moltiplicando in tali condizioni, e quando ci trasferiremo nelle vostre abitazioni, ci moltiplicheremo come conigli.
E nessuno ti aiuterà, perché... il vostro governo, avendo portato a termine la sua missione, darà la colpa a coloro che hanno ordinato tutto questo e ne stanno pagando le conseguenze. E chi è all’estero non farà altro che battere le mani vedendo uccidere i russi.
Porteranno qui le loro truppe e forze speciali solo per eliminare le vostre armi nucleari, ma noi non interferiremo con loro e permetteremo loro di portare via tutto ciò di cui hanno bisogno: anche questo fa parte di questo piano.
A cosa serve tutto questo? Adesso scapperete tutti nelle foreste quando tutto avrà inizio, ma non siete sempre stati così. Siete un grande popolo e quindi dovete essere distrutti, proprio come popolo con la vostra stessa cultura e fede.
Perché ti ho detto questo? Non mi hai fatto niente di male. Me ne vado e non tornerò più, perché... Sono malato e non posso più lavorare. Vuoi qualche consiglio? Partire. Prendi la tua famiglia e parti. O almeno trova un posto dove andare alla prima occasione. Non so dove trovarlo, dove andare.

Quando arriverà l'ora X? Nessuno di noi lo sa, ma stiamo aspettando. Penso che tra circa 5 anni potrò dire una cosa: sarà sotto l'attuale regime, sotto queste persone che vi governano adesso.
Solo loro possono garantire ai loro proprietari che esaudiranno il loro ordine fino alla fine.

- Va bene, vado a prepararmi... per partire presto per Mosca - in treno. Ciao, Ment.
Abbi cura di te e della tua famiglia... Arrivederci.
http://oper-v-zakone.livejournal.com/80614.html#cutid1

La figura chiave in questo stand russofobo è Aslambek DUDAEV (questo è il suo nome da “nubile”). 
Chi è questo? - potresti chiedere.


Ma non è tutto. Secondo la testimonianza di Konstantin DUSHENOV, ora condannato a tre anni di colonia-colonia, nella prima parte del suo film “estremista” “La RUSSIA CON IL COLTELLO NELLA SCHIENA” si riferiva che il mezzo ceceno Aslambek, nella senso di VLADISLAV, è EBREO per parte di madre.

Alla fine degli anni '80, Surkov ha lavorato insieme a Mikhail KHODORKOVSKY e Mikhail NEVZLIN, che ora è sulla lista internazionale dei ricercati con l'accusa di omicidio. Successivamente, nel 1997, Aslambek-Vladislav divenne la seconda persona nell'impero finanziario di Mikhail FRIEDMAN. Nella biografia di Surkov leggiamo: "...Nel febbraio 1997, Surkov andò alla Alfa-Bank, guidata da Mikhail Fridman, dove divenne il primo vicepresidente del consiglio di amministrazione della banca" ( http://lenta.ru/lib/14159273/ full.htm )
Dopo il 1999, Dudaev-Surkov divenne assistente di un altro ebreo, il capo dell'amministrazione presidenziale B.N. Eltsin. Alexander Stalyevich VOLOSHIN.

(vedi http://www.nash-sovremennik.ru/p.php?y=2001&n=1&id=6 - S. Semanov, “GIUDOFOBIA NEL MONDO MODERNO”.

Citazione: "...Noi russi abbiamo particolare familiarità con questo. È assolutamente impossibile parlare dell'origine ebraica delle figure del Cremlino dell'era del "brillante capitalista di oggi", anche se i loro nomi sono legioni. Recentemente, in "International Jewish Newspaper", il suo editore ha annunciato pubblicamente che il capo dell'amministrazione presidenziale, Alexander Stalyevich Voloshin, è ebreo. Così ha scritto, e niente. Sapevamo che suo nonno, uno dei "focosi rivoluzionari", aveva chiamato suo figlio Staly in onore di chissà chi (questo però non portò allori al nonno).Ma di questo non ci è permesso scrivere, ci sarà un putiferio, o peggio ancora. Sulla stampa è permesso chiacchierare di ogni sorta solo del famoso "figlio di un avvocato", è come un "pagliaccio sul tappeto" ebreo, di lui si può dire di tutto. Ma sui coniugi delle figure attuali - niente -no. Anche su Naissa Iosifovna Shtil (moglie di Eltsin - ca.), anche se “tutti” lo sanno da molto tempo...")
Tra l'altro, secondo WIKIPEDIA, il "Maestro della propaganda" Surkov, dal suo primo matrimonio, è cognato di Anatoly Borisovich CHUBAI (su sua madre, SAGAL, ​​membro della loggia massonica ebraica "B 'nai B'rith” - ca. combattente).

E come aveva affermato tre anni prima uno dei nazionalisti russi:

"...Tutti questi problemi ebraici, che per qualche motivo chiamiamo partiti politici, sono inventati in un unico posto: al Cremlino. E l'intero kahal pseudo-politico è guidato da una persona: Vladislav Surkov ", metà ebreo e metà ceceno. Che tipo di politica interna potrebbe esserci sotto un leader del genere? Esatto, ebreo-ceceno. "

http://newzz.in.ua/main/1148845686 -vl...henec.html






Copyright © by Avventismo Profetico All Right Reserved.

(4083 letture)

[ Indietro ]
SALVA LA PAGINA IN PDF

VUOI INVIARE UN MESSAGGIO? SCRIVERE UN COMMENTO O RICEVERE MAGGIORI INFORMAZIONI?
CLICCA QUI PER SCRIVERCI

© 2009 Avventismo Profetico - Giuseppa La Mantia