Home  ·  Contattaci  ·  NUOVO SITO WEB

Italiano



ALLEANZA CHIESA AVVENTISTA E STATO

 

 ALLEANZA DELLA
CHIESA AVVENTISTA 
CON LO STATO

"Fu l'apostasia a spingere la chiesa primitiva a cercare l'aiuto del governo civile; questo preparò la via allo sviluppo del papato: la bestia. Paolo disse che ci sarebbe stata l'apostasia e che si sarebbe manifestato l'uomo del peccato (2 Tessalonicesi 2: 3). In tal modo l'apostasia della chiesa preparerà l'immagine della bestia... L'avvertimento del Terzo Angelo dice: <>. La <> quì menzionata, la cui adorazione è imposta dalla bestia con due corna, è la prima bestia di Apocalisse 13, simile al leopardo: il papato. L'immagine della bestia rappresenta quella parte forma di protestantesimo apostata che si andrà gradatamente sviluppando quando le chiese protestanti cercheranno l'aiuto del potere civile per imporre i loro dogmi" E.G.White GC, 444,445.

"Appoggiarsi sul braccio dello Stato per i cristiani è uno scandalo" E.White MS 128, 1903

"Cesare"
<< Egli (Gesù) disse loro: di chi è questa figura e soprascritta? Essi gli dissero: di Cesare. Allora Egli disse loro: Rendete dunque a Cesare le cose che appartengono a Cesare, e a Dio le cose che appartengono a Dio>> - Matteo 22:21,22.

 Quando le azioni di un popolo cambiano, varia anche il compimento della profezia che è relazionato direttamente a quel popolo. 

La Bibbia ci avverte che l’Immagine sorgerà negli Stati Uniti, pertanto deve essere una Chiesa non Cattolica. 

Nel 1981 la Conferenza Generale degli Avventisti del Settimo Giorno promulgò un’alleanza per mezzo di Leggi Civili con il Governo degli Stati Uniti registrando la Denominazione per difendere la sua politica,  i libri, le scuole, la decima, le istituzioni, la reputazione e metterli, assieme al Sabato del Signore, sotto la tutela dello Stato. 

In Italia l’alleanza tra la chiesa Avventista del Settimo Giorno e lo Stato Italiano è avvenuta nel 1988.

L’Articolo 7 e 8 della Costituzione Italiana recita:

Art.7
Lo Stato e la Chiesa cattolica è, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani.I loro rapporti sono regolati dal Patto Lateranense. Le modifiche dei Patti accettate dalle due parti, non richiedono procedimento di revisione costituzionale.

 Art.8
Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge.
Le confessioni religiose diverse dalla cattolica hanno diritto di organizzarsi secondo i propri statuti, in quanto non contrastino con l'ordinamento giuridico italiano.
I loro rapporti con lo Stato sono regolati per legge in conformità ad intese con le relative rappresentanze

Il 22 Novembre 1988 lo Stato Italiano stringe con le Chiese Avventiste del Settimo Giorno un'alleanza   in virtù dell’articolo 8 che recita: << …considerato che in forza dell’articolo 8, comma secondo e terzo della Costituzione, le Confessioni religiose hanno diritto di organizzarsi secondo i propri Statuti, in quando NON CONTRASTINO CON L’ORDINAMENTO GIURIDICO ITALIANO e che i loro rapporti sono regolati per LEGGE…>>.
La Legge 516 regola, i rapporti tra la Chiesa Avventista e lo Stato, la chiesa diventa un Soggetto giuridico riconosciuto dallo Stato, avente titolo di diritto e DOVERE nei confronti dello Stato.

Citiamo alcuni   articoli della Legge 516.

Art.16
– Gli edifici aperti al pubblico avventista non possono essere requisiti, occupati, espropriati o demoliti se non per gravi ragioni… …Salvi i casi d'urgente necessità la forza pubblica non può entrare…-

 E’ introdotta la tutela dello Stato nei luoghi di culto Avventista!

Art. 17
– La Repubblica Italiana riconosce agli appartenenti delle Chiese cristiane Avventiste il diritto di osservare il Sabato………hanno diritto di fruire, su loro richiesta, del riposo Sabbatico……RESTANO COMUNQUE SALVE IMPRESCINDIBILI ESIGENZE DI SERVIZI ESSENZIALI PREVISTI DALL’ORDINAMENTO…- 
Lo Stato tutela il Sabato della chiesa Avventista ma si riserva per le urgenze previste dall’ordinamento di sospendere questa tutela.
La Bibbia dice che il Sabato è un patto tra Dio e il suo popolo (Ezechiele 20:20), non  un patto tra la Chiesa e lo Stato!!
“Se siamo sinceri e diamo uno sguardo indietro, vedremo che i primi cristiani osservavano il sabato, ed il cambiamento dell'osservanza di domenica, non fu biblico, bensì qualcosa di socialmente "accettato" e graduale, col passare dei primi 4 secoli.”

Art. 19
- <<….La Repubblica italiana riconosce la personalità giuridica dell’Unione italiana delle Chiese Cristiane Avventiste del 7° Giorno…..>>. A cosa ci porta questo riconoscimento giuridico?

Art.27
- << Ogni mutamento sostanziale nel fine, nella destinazione del patrimonio e nel modo d'esistenza di un ente ecclesiastico avventista, civilmente riconosciuto, acquista efficacia civile mediante riconoscimento con decreto del Presidente della Repubblica, udito il parere del Consiglio di Stato>>.

IL PATRIMONIO DELLA CHIESA TUTELATO DALLO STATO

Art.29
- << La Repubblica Italiana prende atto che l’Unione….si sostiene…con le Decime e le Offerte…..A decorrere dal 1989 le persone fisiche possono dedurre dal proprio reddito…le erogazioni di denaro (Decime)…..>>
Le Decime offerte al Signore in realtà sono controllate dallo Stato, che ci rimborsa una piccola quota della Decima, versata alla chiesa,  nelle detrazioni. Mi chiedo come appare agli occhi di Dio tutto questo!
Art.30
- << A decorrere dall’anno finanziario 1990, l’Unione delle chiese cristiane Avventiste concorrono alla ripartizione della quota pari all’Otto per mille….Destinando le somme ad interventi sociali….>>
Stiamo calcando le orme di Roma papale che prima di noi hanno ottenuto questi benefici;
a che cosa ci servono più soldi se sono frutto d'accordi lontani dalla volontà di Dio che ha designato le Decime e le Offerte per l’amministrazione della Chiesa e per le sue opere di bene? Come può Dio accettare questi falsi sentieri che hanno il sapore del paganesimo? 

Art.33
 - << L’Unione delle Chiese Avventiste TRASMETTE ANNUALMENTE al MINISTERO dell’INTERNO UN RENDICONTO concernente,  l'effettivo utilizzo delle SOMME di cui all’art. 29 (DECIMA) e art. 30 (OTTO PER MILLE) e ne diffonde adeguata INFORMAZIONE.
Lo Stato controlla l’economia e il Sabato della Chiesa Avventista in cambio della sua protezione.


L'ADULTERIO SPIRITUALE CONTAMINA LA CHIESA

La chiesa che impiega il Governo Civile e si unisce spiritualmente alle altre Chiese, rivela uno spirito apostata e come popolo è rifiutato da Dio perché tutte le Decime, le offerte, le opere, la funzione religiosa e l’osservanza del Sabato, sono azioni CONTAMINATE dalla disubbidienza al Patto con Dio scegliendo di separarsi da Egli per sottostare  alla tutela dello Stato attraverso un'alleanza.

Daniele e i suoi compagni, quando furono deportati a Babilonia dovettero fare delle scelte, Ellen G. White scrisse:
<<Un altro tema che questi giovani presero in considerazione fu che il re chiedeva sempre la benedizione prima di mangiare e la richiedeva ai suoi idoli. Separava una parte degli alimenti e anche una di vino affinchè lo presentasse agli idoli che adorava. Questa porzione, d'accordo con l'istruzione che aveva ricevuto, consacrava la totalità del cibo al dio pagano. Daniele e i suoi tre compagni considerarono che sarebbe stato un disonore verso il Dio del cielo sedersi alla mensa dove si praticava l'idolatria. Questi quattro ragazzi decisero che non potevano sedersi alla mensa del re per mangiare il cibo collocato lì o per bere il vino, tutto quello che era stato dedicato ad un idolo…Non ci fu presunzione in questi giovani, bensì un fermo amore per la verità e la giustizia. Non avevano scelto d'essere peculiare, bensì dovettero esserlo, giacchè altrimenti avrebbero corrotto le loro abitudini nella corte di Babilonia>> - Manuscrito 122, 10 Marzo 1897; Alza tus ojos, p.81.

La Chiesa Avventista, come altre chiese protestanti ed evangeliche, impiegando il Governo Civile al fine di tutelare i suoi interessi e il Sabato e  condividendo gli incontri Ecumenici con la Chiesa Cattolica, come momento di spiritualità, diventa anch’essa l’Immagine della Bestia perché ne assorbe lo spirito e i metodi e nonostante sia stata benedetta da Dio abbondantemente e abbia ricevuto grandi rivelazioni spirituali essendo rinnegato il Patto con Dio.

"Nella parabola delle dieci vergini tutte si levarono per andare incontro allo sposo e tutte avevano la lampada e il vasetto dell'olio (Conoscenza + Spirito Santo), perciò inizialmente non si scorgeva nessuna differenza. Altrettando è della Chiesa IMMEDIATAMENTE PRIMA DELLA VENUTA DI GESU'. Tutti conoscono la Sacra Scrittura... Ma molti saranno impreparati: non hanno olio con sè per alimentare la propria lampada, manca loro LO SPIRITO SANTO... Le vergini sciocche non rappresentano degli ipocriti, bensì persone che apprezzano la verità e la difendono: esse amano la compagnia di coloro che ci credono, ma non si sono abbandonate all'azione dello Spirito Santo...Il loro culto è formale...Ecco le persone che nei momenti di crisi esclameranno: <> ...Le dieci vergini vegliano al crepuscolo della storia di questo mondo. Si dicono tutte cristiane, hanno ricevuto tutte un appello, un nome, una lampada, e tutte pretendono essere al servizio del Signore. Apparentemente attendono tutte l'apparizione di cristo, ma cinque non sono pronte e rimarranno sorprese e desolate ritrovandosi escluse dalla sala del banchetto... La nostra stessa impreparazione ci esclude dalla compagnia del cielo" E.G.White Parole di Vita (411-4114).
“Vidi che Dio ha dei figli sinceri tra gli Avventisti nominali e le chiese cadute, e prima che siano sparse le piaghe, pastori e laici saranno chiamati ad uscire da queste chiese e accettare con gioia la verità” - Ellen G. White Primi Scritti p.234.

Avventisti e rappresentanti di altre fedi condividono le idee per rafforzare i rapporti con il governo

19 Mar 2010

Rappresentanti della Chiesa avventista del 7° giorno e di altre fedi si sono incontrati alla Casa Bianca per parlare su come migliorare la cooperazione interreligiosa con l’ufficio Notizie Avventistegovernativo costituito lo scorso anno per raccogliere i pareri delle organizzazioni, anche religiose, della comunità sulle tematiche politiche. I gruppi di fede possono essere “dei partner credibili e affidabili” nell’aiutare il governo a raggiungere gli obiettivi restando nella sfera delle relazioni appropriate tra chiesa e stato, si legge nel rapporto della Commissione sulla Cooperazione Interreligiosa inviato all’Advisory Council on Faith-Based and Neighborhood Partnerships del Presidente.
Un anno dopo la formazione di questo organismo, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha apprezzato il “tempo, il talento e la saggezza” che i membri della commissione hanno impiegato e dimostrato nelle loro raccomandazioni, ha dichiarato un comunicato stampa della Casa Bianca rilasciato il 10 marzo. Il comunicato lodava anche il “rispetto e la civiltà” con cui i membri della commissione hanno lavorato nell’affrontare “alcuni dei problemi più difficili della nazione”.
Le raccomandazioni riguardano tre grandi categorie: il ruolo della religione nell’era globale, il miglioramento della cooperazione multireligiosa, la partecipazione delle comunità musulmane e l’integrazione e la valorizzazione della diversità religiosa americana. Ciascuna delle raccomandazioni dipende dall’idea che i gruppi di fede possono collaborare tra di loro e con il governo per raggiungere gli obiettivi comuni senza confondere le loro diverse caratteristiche.
“L’intersecazione tra religione e governo è complessa e piena di rischi, ma ignorarla non la fa scomparire”, ha affermato James D. Standish, membro della Commissione che dirige anche i rapporti della Chiesa avventista con le Nazioni Unite. “Il nostro obiettivo era di offrire un orientamento al Presidente sui mezzi per migliorare i rapporti del governo con le fedi”, ha aggiunto Standish, che ha scritto la parte del rapporto sulla libertà religiosa. Alcune delle raccomandazioni fatte dalla Commissione sulla Cooperazione Interreligiosa includono: collaborare con le comunità di fede e con altre organizzazioni per sviluppare il rispetto per il pluralismo religioso e la libertà religiosa; aumentare la collaborazione con i consigli religiosi e le organizzazioni femminili delle chiese per promuovere la costruzione e lo sviluppo della pace; utilizzare l’esperienza delle organizzazioni religiose e della comunit à per formare gli educatori e i giornalisti alla conoscenza dell’islam e delle comunità mussulmane;
aiutare a costruire la coesione sociale appoggiando gli sforzi per assicurare che gli americani possano capire la società americana sempre più multireligiosa. 

23 Giu 2010 - 22:24

Adra International - Avvicendamenti  
Alcuni responsabili di Adra a livello mondiale sono cambiati. Frank Teewen, che per 10 anni è stato responsabile dell'Area emergenze presso Adra International, ha accettato l'incarico di primo responsabile dei rapporti di Adra con le Nazioni Unite, un ruolo che permetterà all’Agenzia avventista un maggiore accesso alle opportunità di partenariato con le varie entità dell’Onu tra cui, ad esempio, il Programma Alimentare Mondiale (Wfp), l’Alto Commissariato per i Rifugiati (Unhcr), l’Unicef e il Programma per lo Sviluppo Economico (Undp). Birgit Philipsen lascia invece l'incarico di direttrice di Adra Africa, che comprende le Divisioni Africa Centro-orientale, Africa meridionale – Oceano Indiano, Africa Centro occidentale. Rientrerà in Scandinavia dove assumerà l'incarico di direttrice di Adra Norvegia.

"Coloro che hanno ceduto, passo dopo passo, alle esigenze del mondo e si sono conformati ai comportamenti mondani non troveranno difficile cedere ai poteri in carica, piuttosto che assoggettare se stessi alla derisione, agli insulti, ed essere minacciati di prigione e morte" E. White  Testimonies vol.5, pag. 81.

L’Immagine della bestia rappresenta quella forma di protestantesimo APOSTATA che si andrà gradatamente sviluppando quando le Chiese Protestanti CERCHERANNO L’AIUTO DEL POTERE CIVILE per imporre i loro dogma” - Ellen G. White GC 325 (444-445).

L’Immagine della Bestia, quindi,  che impiega le Leggi dello Stato, per proteggere i suoi interessi o i suoi credi, E’ UNA CHIESA APOSTATA. 

"Le chiese membro del CEC (ora 342), che si trova in più di cento paesi, rappresenta praticamente tutte le tradizioni cristiane. Il WCC lavora con i consigli  cristiano nazionali e regionali, internazionali comunioni cristiane mondiali (ad esempio, Federazione Luterana Mondiale, Alleanza Mondiale delle Chiese Riformate, Consiglio Mondiale Metodista) e molti organismi specializzati ecumenico a livello internazionale. Attraverso la sua Commissione delle Chiese per gli affari internazionali, il Consiglio è accreditata presso le Nazioni Unite come organizzazione non governativa. Tra le tradizioni che fanno parte del CEC sono la Chiesa cattolica, gli Avventisti del Settimo Giorno e l'Esercito della Salvezza. Queste tradizioni sono parte di un Consiglio nazionale cristiano e / o regionale. In quanto organismo religioso globale, l'Esercito della Salvezza intrattiene rapporti fraterni con il WCC. Lo staff del CEC e il Vaticano lavoro insieme in vari modi. Oltre al gruppo di lavoro congiunto CEC-Chiesa cattolica romana, che si riunisce annualmente, il Vaticano alcuni membri della Commissione "Fede e Costituzione del Consiglio Ecumenico delle Chiese". 

Questi pochi esempi indicano la mancanza di fedeltà della Chiesa Avventista nell'autorità di Dio.

 

Intesa 4 aprile 2007 tra la Repubblica Italiana e l'Unione Italiana delle Chiese Cristiane Avventiste del 7° Giorno modificativa dell'art. 12 dell'Intesa firmata il 29 Dicembre 1986 (testo sottoposto alla firma) 

Intesa 4 aprile 2007 tra la Repubblica Italiana e la Tavola Valdese modificativa dell'Intesa firmata il 25 gennaio 1993 ed approvata con legge 5 ottobre 1993, n. 409 (testo per la firma)

Roma: Il Presidente del Consiglio Romano Prodi firma le 8 intese con alcune confessioni religiose siglate il 21 febbraio (news 4-11 aprile 2007)

 

Lista documenti per argomento ordinati per data decrescente

Decreto ministeriale 30 novembre 2010 | Titoli accademici rilasciati dall'Istituto Avventista di Cultura Biblica. Riconoscimento.

Legge 8 giugno 2009 | Modifica della legge 22 novembre 1988, n. 516, recante approvazione dell'intesa tra il Governo della Repubblica italiana e l'Unione italiana delle Chiese cristiane avventiste del 7° giorno, in attuazione dell'articolo 8, terzo comma, della Costituzione

Regolamento 16 febbraio 2009 | Regolamento della Consulta per il Dialogo con le Confessioni Religiose del Comune di Firenze

Regio decreto 9 giugno 2006 | Desarrollo de los Acuerdos de Cooperación firmados por el Estado con la FEREDE, la FCI y la Comisión Islámica de España, en el ámbito de la asistencia religiosa penitenciaria

Intesa 23 aprile 2004 | Intesa tra la Repubblica italiana e l'Unione italiana delle Chiese Cristiane Avventiste del 7° giorno modificativa dell'articolo 12 dell'Intesa firmata il 29 dicembre 1986 ed approvata con legge 22 novembre 1988 n. 516

Statuto 26 aprile 2000 | Statuto dell'Unione italiana delle Chiese Cristiane Avventiste del 7° giorno

Provvedimento 1 aprile 1996 | Esenzione da ogni onere e tributo per i trasferimenti di beni immobili scorporati in attuazione dell'Intesa sottoscritta con lo Stato dalla Chiesa avventista

Dichiarazione/i 1 novembre 1993 | La missione della Chiesa avventista del 7° giorno

Statuto 19 aprile 1990 | Statuto dell'Istituto avventista di cultura biblica

Legge 22 novembre 1988 | Norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato e l'Unione italiana delle Chiese cristiane avventiste del 7° giorno

Statuto 19 maggio 1977 | Statuto dell'Ente patrimoniale dell'Unione italiana delle Chiese cristiane avventiste del 7° giorno
 

 






Copyright © by Avventismo Profetico All Right Reserved.

(2183 letture)

[ Indietro ]
SALVA LA PAGINA IN PDF

VUOI INVIARE UN MESSAGGIO? SCRIVERE UN COMMENTO O RICEVERE MAGGIORI INFORMAZIONI?
CLICCA QUI PER SCRIVERCI

© 2009 Avventismo Profetico - Giuseppa La Mantia