Home  ·  Contattaci  ·  NUOVO SITO WEB

Italiano



Il Bolscevismo Polacco

http://www.henrymakow.com/katyn_ii_-_how_satanists_say_w_1.html

Polonia. Esisteva una prigione segreta della Cia, ora ci sarebbero le prove

Secondo le ultime informazioni confermate da alcuni funzionari polacchi esisterebbe in Polonia una prigione segreta della Cia. Qui i detenuti sarebbero stati torturati coerentemente con la strategia americana della guerra al terrore.

-D.C.- 2 aprile 2012- Alcuni funzionari del governo polacco avrebbero rivelato delle verità scomode circa l'attività delle agenzie americane in Polonia. Il capo dei servizi segreti di Varsavia, tale Zbigniew Siemiatkowski, sarebbe stato incaricato di prendere parte all'organizzazione di una prigione segreta della Cia in un luogo remoto della Polonia. Qui diversi prigionieri sarebbero stati portati in segreto per essere torturati, si tratterebbe quasi certamente di personaggi collegabili al terrorismo internazionale contro i quali gli Usa hanno deciso di rispondere con una vera e propria guerra globale. Siemiatkowski non ha voluto commentare la vicenda, appellandosi alle leggi che proteggono la divulgazione di dati segreti, tuttavia non ha nemmeno negato la voce.
Per la verità voci riguardo a una prigione della Cia in territorio polacco circolavano ormai da anni, ma le autorità del Paese le avevano sempre dipinte come assurde. Le Nazioni Unite e il Consiglio Europeo però, da tempo hanno insisito sull'esistenza di questa prigione per via di diverse prove in grado di dimostrarlo. In teoria l'indagine nata per investigare sulla presenza di una prigione segreta della Cia in Polonia iniziò nel 2008, e ci vollero ben tre anni di indagini per far emergere le prove della sua esistenza.
Presumibilmente una struttura adibita a interrogatori segreti doveva esistere in località Stare Kiejkuty, un piccolo villaggio polacco, dove dal dicembre 2002 fino al 2003, sarebbero stati portati prigionieri di guerra deprivandoli della loro libertà e permettendo le punizioni corporali. Due prigionieri provenienti dal "lager" di Guantanamo, Abd al-Rahim al -Nashiri e Abu Zubaydah, sarebbero stati tenuti prigionieri nel misterioso sito di detenzione polacco, e secondo i pubblici ministeri polacchi avrebbero ottenuto anche la qualifica di "vittima". Tra gli altri supposti detenuti ospitati nella struttura ci sarebbe anche un uomo autoproclmatosi una delle menti dell'11 settembre, Khalid Sheikh Mohammed. Secondo la Fondazione per i Diritti Umani di Helsinki, almeno otto detenuti sarebbero stati inviati come "consegna straordinaria" in Polonia, solo per venire torturati.
In Polonia sarebbero state usate tecniche di tortura come il famoso waterboarding, l'inedia, il raffreddamento del corpo, e persino le finte esecuzioni, un metodo quest'ultimo largamente utilizzato dai nazisti nella Seconda Guerra Mondiale. La tortura ovviamente è assolutamente vietata in Europa, Polonia inclusa. Se venisse provato che in Polonia alcuni detenuti sarebbero stati torturati in una prigione segreta della Cia con il placet di Varsavia, ecco che la questione potrebbe essere portata davanti alla Corte Europea per i Diritti Umani.  Il Primo Ministro polacco Donald Tusk avrebbe comunque vestito il ruolo della vittima sostenendo che la Polonia sarebbe una "vittima politica" dei piani americani. " La Polonia è un paese dove la legge nazionale e internazionale deve essere rispettata", ha detto il Pm polacco che segue l'inchiesta ai microfoni di Russia Today.
Quella in Polonia sarebbe però solamente uno dei cosiddetti "black sites", ovvero siti di detenzione assolutamente segreti. Altri sarebbero stati resi funzionantin in Afghanistan, Lituania, Romania e Thailandia. La  Lituania è stato il primo paese in Europa ad ammettere di aver permesso alla Cia di costruire ben due campi di detenzione segreta nel periodo 2002-2006. Nel novembre 2011 la Lituania ha anche subito un processo per aver ospitato una prigione segreta dopo che il prigioniero Abu Zubaydah avrebbe accusato di essere stato torturato e detenuto proprio in Lituania. Fonte

INDAGAVA SU FUGHE DI NOTIZIE SULLA MORTE DEL PRESIDENTE
Si spara in diretta durante conferenza stampa, choc in Polonia

 

 

incidente aereo morte Lech Kaczynski

Polonia, procuratore militare si spara in diretta tv


Sembra la scena di un film ma è tutto vero. Avrebbe tentato il suicidio , sparandosi al termine di una conferenza stampa, il colonnello Mikolaj Przybyl, vicecapo della procura militare di Poznan.

L’uomo è coinvolto nello scandalo relativo all’inchiesta sull’incidente aereo del 2010, durante il quale perse la vita il presidente Lech Kaczynski.

Il militare alla fine della conferenza avrebbe chiesto ai giornalisti una pausa di 5 minuti, durante la quale si sarebbe spostato dietro le telecamere all’interno della sala stampa. Fonte

 

"Per un paese piccolo come il nostro questo è stupefacente.
Vedo che CI STIAMO COMPRANDO MANHATTAN, L'UNGHERIA, LA ROMANIA E LA POLONIA.
E a mio modo di vedere non abbiamo problemi. Grazie al nostro talento, i nostri contatti e il nostro dinamismo, otteniamo tutto, ovunque."

Last edited by ComplottoGiudaico; 02-28-2011 at 03:41 AM.



Rabbino Yitzhak Shapiro
 


Primo Ministro Polacco: il Museo di Storia degli ebrei polacchi è una 'priorità'  
 
da: Joseph Byron

PARIGI (EJP) --- Il primo ministro polacco Donald Tusk ha detto francese eminenti personalità che la costruzione di un Museo di Storia degli ebrei polacchi di Varsavia costituisce una priorità per il suo governo.
Tusk ha incontrato la settimana scorsa al ambasciata polacca a Parigi con i membri del Consiglio di Amministrazione della Associazione Europea del Museo di Storia degli ebrei polacchi . Tra questi, sopravvissuto di Auschwitz ed ex ministro e presidente del Parlamento europeo Simone Veil, ex primo ministro Jean-Pierre Raffarin, ex Presidente della Commissione europea Jacques Delors e internazionali avvocato Samuel Pisar.
Corinne Evens, presidente dell'associazione, e Maurice Bidermann, ha partecipato anche alla riunione. Hanno accolto con favore l'apertura di un tale dialogo con le autorità polacche.
Il primo ministro polacco ha parlato di impegno finanziario del suo paese a favore del museo la cui costruzione lavori iniziati nel mese di giugno a Varsavia sul sito del vecchio Ghetto.
Tusk ha inoltre insistito sulla "impegno intellettuale e storico" del suo governo e della "nuova Polonia" che egli rappresenta.
Ha anche confermato la dimensione europea e internazionale del progetto la cui realizzazione, ha detto, sarà fatto con tutti i "fiduciari" della Storia degli ebrei della Polonia al fine di creare le basi di fiducia reciproca.
L'associazione ha sottolineato che una forte volontà di lavorare insieme in vista della realizzazione di questo grande progetto è stato chiaramente affermato durante l'incontro.
Il Museo, che è dedicato a preservare l'eredità perenne della vita ebraica in Polonia e della civiltà creata dagli ebrei polacchi nel corso di un millennio, aprirà le sue porte nel 2012.
Circa 3,5 milioni di ebrei vivevano in Polonia prima dell'Olocausto, la più grande popolazione ebraica in Europa.

 

Radio Maryja e l'imbarazzo del Vaticano

 L'emittente di Rydzyk, antisemita e razzista, fa nascere un caso diplomatico con la Polonia.

di Alcide Gonella

 
Tadeusz Rydzyk.

Tadeusz Rydzyk.

[...]
L'accusa a Radio Maryja: antisemitismo e odio razziale

L’incidente con il governo polacco e la conseguente nota diplomatica di protesta indirizzata al Vaticano aveva avuto un segnale anticipatorio quando nel maggio scorso il Krajova rada radiofonii i telewizj (Krrit), il locale Consiglio nazionale delle comunicazioni, ha deciso di aprire un’inchiesta contro Radio Maryja.
CONTRO EBREI E STRANIERI. L’accusa? Nel corso di due trasmissioni dell’emittente ultraconservatrice sono stati rivolti attacchi razzisti. A scatenare le polemica è stata prima un’intervista a Jan Kobylanski, emigrato e presidente dei polacchi in America latina, un ricco uomo d’affari che ha affermato che nel governo e nel parlamento di Varsavia ci sarebbero meno del 30% di polacchi veri. Quali sarebbero le altre nazionalità per il businessman? Ovviamente gli ebrei.
L'altro casus belli è stato l’affondo condotto da Stanislaw Michalkiewicz, avvocato e giornalista ben conosciuto nel Paese che ha dato i natali a Giovanni Paolo II. Questa volta vittima dell’attaco via etere è Adam Michnik  direttore di Gazeta Wyborcza, il più importante e autorevole quotidiano polacco. L’accusa? Ovviamente una vaneggiata solidarietà razziale verso gli ebrei... continua

Ebrei Polacchi:

1. Leszek Balcerowicz - Aaron Bucholtz
2. Jan K. Bielecki - Izaak Blumenfeld
3. Bolesław Bierut - Rotenschwanz
4. Marek Borowski - Szymon Berman - jego wuj - Jakub Berman
5. Stefan Bratkowski - Blumstejn
6. Ryszard Bugaj - Izaak Blumfeld
7. Zbigniew Bujak - lewy syn rabina Małachowskiego
8. Wiesław Chrzanowski - Szymon Knopfstejn
9. Włodzimierz Cimoszewicz - Dawid Goldstein
10. Józef Cyrankiewicz - Izaak Cymerman
11. Ludwik Dorn - Dornbaum
12. Lech Falandysz - Aaron Fleischman
13. Arkady Fidler - Efroim Trusker
14. Władysław Frasyniuk - Rotenschwanz
15. Bronisław Geremek - Berele Lewartow
16. Hanna Gronkiewicz-Waltz - Haka Grundbaum
17. Piotr Ikonowicz - Dawid Goldsmith
18. Henryk Jabłoński - Apfelbaum
19. Jarosław i Lech Kaczyńscy - Kalkstein
20. Jan Kobuszewski - Weisleder
21. Grzegorz Kołodko - Samuel Hanerman
22. Janusz Korczak - Henryk Goldszmit
23. Janusz Korwin-Mikke - Ozjasz Goldberg
24. Mikołaj Kozakiewicz - Jakub Kleinman
25. Marian Krzaklewski - Dawid Zimmerman
26. Jacek Kuroń - Icek Kordblum
27. Aleksander Kwaśniewski - Izaak Stoltzman
28. Jolanta Kwaśniewska -Konty - Kohn
29. Janusz Lewandowski - Aaron Langman
30. Olga Lipińska - Fajga Lippman
31. Aleksander Małachowski - Jakub Goldsmith
32. Tadeusz Mazowiecki - Icek Dikman
33. Adam Michnik - Aaron Szechter
34. Leszek Moczulski - Robert Berman
35. Karol Modzelewski - Samuel Mendel
36. Stefan Niesiołowski - Aaron Nusselbaum
37. Piotr Nowina-Konopka - Haim Kromer
38. Andrzej Olechowski - Mosze Brandwein
39. Józef Oleksy - Szymon Buchwio (Łemek)
40. Jan Olszewski - Izaak Oksner
41. Janusz Onyszkiewicz - Jojne Grynberg
42. Jan Parys - Haim Pufahl
43. Mieczysław Rakowski - Mojżesz Rak
44. Jan Maria Rokita - Izaak Goldwicht
45. Jan Rulewski - Fikelman
46. Rutkowski - Botwin
47. Krzysztof Skubiszewski - Szymon Schimel
48. Zenon Smolarek - Izaak Zimmerman
49. Jerzy Stuhr (aktor) - Josek Feingold
50. Hanna Suchocka - Haka Silberstein
51. Wiesława Szymborska - Rottermund
52. Jerzy Urban - Josek Urbach
53. Mieczysław Wachowski - Jakub Windman
54. Lech Wałęsa - Lejba Kohne
55. Janusz Zaorski - Jakub Bauman
56. Andrzej Zoll - Rojeschwanz, b. prezes Tryb. Konst.

La Polonia è a tutti gli effetti uno stato Giudaico, come la Francia di Sarkozy, gli Stati Uniti e la loro Israele.
Il resto d'europa è governata sempre da loro ma il potere che hanno in queste 4 Nazioni è totale perchè oltre che inseriti in Economia sono al vertice in Politica.

 

 

Martedì 20 aprile, 2010

Il ragazzo che ha filmato i colpi sparati contro il disastro aereo polacco è stato ASSASSINATO

 
Grazie per il testa a testa sole "L'autore del video visto da tutti, ormai è stato accoltellato vicino Kijow il 15/4/2010 e trasportato in condizioni critiche all'ospedale di Kijow. Il 16/4/2010 tre individui non identificati lo scollegato dal sistema di supporto vitale e lo colpiscono ancora 3 volte. Andrij è stato dichiarato morto nel pomeriggio. Il governo russo afferma che è stata una coincidenza. "

Collegamento
Un nuovo film è stato rilasciato con una certa traduzione in inglese vedi sotto!


Citato nel video:. "Alcune persone dicono che questo è il pilota, non lo so"






AEREO POLACCO VIDEO VERITA '



Ecco il secondo film, il primo è stato cancellato e il ragazzo che ha girato il film ora è morto!
From The Wobble Grande 13/04: 'La Russia ha progettato incidente aereo che ha ucciso il presidente Kaczynski,' afferma polacco MP


Leggi l'articolo completo QUI!
Clicca qui per il seguito del racconto Kacsynski presidente Lech e il disastro aereo polacco altamente sospetto
godlikeproductions Fonte

 

 
TRADUZIONE DEL VIDEO:

“l'internazionale ha deciso che la rivoluzione ebrea inizi in Russia...e comincerà...”

“e non c'è per noi una buona opposizione per essa...”

“la rivolta inizierà con l'ateismo e la depredazione di tutte le ricchezze, si comincerà a contradire la religione ed a distruggere le chiese e trasformarle in depositi”.

“Riempiranno il mondo di sangue, gli ebrei cambieranno la Russia nell'anarchia, l'ebreo e il suo collaboratore e la maledizione contro il russo, si prevede una spaventosa e colossale rivoluzione, che farà tremare tutte le monarchie sul pianeta, ma per questo serviranno 100 milioni di teste....in tutto il mondo sarà versato sangue”.

Fëdor Michajlovič Dostoevskij






Polonia, si dimette il ministro della difesa


Era coinvolto nel disastro aereo in cui morì il presidente Kaczynski.


 


Il primo ministro polacco Donald Tusk.

Il primo ministro polacco Donald Tusk.



Il primo ministro polacco Donald Tusk ha annunciato le dimissioni del ministro della Difesa Bogdan Klich, in seguito alle conclusioni della commissione d'inchiesta sull'aereo precipitato nell'aprile 2010 a Smolensk, in Russia, con a bordo l'allora presidente Lech Kaczynski.
LE CAUSE DELL'INCIDENTE. Secondo la commissione polacca che indaga sulle cause dell'incidente, le informazioni errate e non complete fornite dal personale russo dell'aeroporto russo di Smolensk nonché l'insufficiente preparazione tecnica dello scalo sono state fra le cause della sciagura aerea del 10 aprile 2010 nella quale morì il presidente polacco Lech Kaczynski, sua moglie Maria e altre 94 persone.
FACILITARE LE RIFORME. Nella sua lettera di dimissioni Klich, facendo riferimento al rapporto, ha spiegato che e le strutture amministrative dell'aeronautica militare devono essere sottoposte alle necessarie riforme che, con la proprie dimissione, il ministro ritiene di rendere più facili e veloci. Secondo la Commissione l'incidente è stato causato fra l'altro da errori e omissioni nell'organizzazione dei voli e nell'addestramento dei piloti. Il nuovo ministro della difesa polacco sarà Tomasz Siemioniak, l'attuale vice ministro degli Interni.


Venerdì, 29 Luglio 2011


ELEZIONI

Walesa sprona la Polonia
"Kaczynski è pericoloso"


Per il candidato liberale: "Bronislaw Komorowski è ragionevole, sensibile, aperto al compromesso, È perfettamente adatto all'età contemporanea". Varsavia, oggi il voto per il nuovo presidente


dal nostro inviato ANDREA TARQUINI

Copyright © by Avventismo Profetico All Right Reserved.

(3150 letture)

[ Indietro ]
SALVA LA PAGINA IN PDF

VUOI INVIARE UN MESSAGGIO? SCRIVERE UN COMMENTO O RICEVERE MAGGIORI INFORMAZIONI?
CLICCA QUI PER SCRIVERCI

© 2009 Avventismo Profetico - Giuseppa La Mantia