Home  ·  Contattaci

Italiano



Zapatero


Zapatero, a un giornalista israeliano: 'L'Antisemitismo c’era con Franco'

 

"Siamo amici, "così intitola oggi il quotidiano israeliano Maariv citando il Presidente del governo spagnolo, José Luis Rodríguez Zapatero, in occasione della sua prima visita ufficiale in Israele.

zapatero-rajoy-del-fracaso-al-fracaso-idexnami2.jpgIn un interessante anticipo nell'intervista da pubblicare sul giornale venerdì, Zapatero è impegnato ad "aprire una nuova pagina" nelle relazioni bilaterali. "La Spagna è amica di Israele. Quando avanziamo critiche, lo facciamo come amici", ha detto il leader socialista.

Zapatero risponde alle polemiche che circondano il Rapporto Goldstone, che accusa Israele e il gruppo islamista Hamas - di aver commesso "crimini di guerra" nella più recente e massiccia offensiva militare nella striscia di Gaza. Affermando che bisogna prendere sul serio la Relazione (commissionata da una Commissione delle Nazioni Unite) Zapatero ha aggiunto: "La risposta alla relazione deve essere intelligente, razionale e in ogni caso non essere un ostacolo al processo di pace. So che questo è un argomento molto delicato in Israele e dobbiamo agire con cautela".

'Maariv' presenta un rapporto della Lega Anti-diffamazione che denuncia che c'è un aumento di antisemitismo nella Spagna di Zapatero. "I creatori di opinione in Spagna stanno attraversando la linea che separa la legittima critica delle azioni israeliane di antisemitismo. (...) Nel nostro sondaggio del 2009, tre quarti degli spagnoli credono che gli ebrei sono «troppo potenti» nei mercati finanziari internazionali; quasi due terzi ritengono che gli ebrei sono 'non fedeli alla Spagna', dice il Rapporto pubblicato di recente.

Zapatero ha negato recisamente: "Io devo dichiarare chiaramente, non c'è nessun antisemitismo in Spagna in nessuna delle sue espressioni." Non tutti i commenti, la pubblicazione o fotografia deve essere considerata antisemita. La prova migliore è che oggi non c'è nessun atto antisemita in Spagna. L'antisemitismo era con la dittatura di Franco".

Il giornalista israeliano trasferitosi a Madrid, spiega che "Zapatero ha la sua famiglia di origine ebrea, probabilmente da una famiglia dei marrani", cioè gli ebrei che furono costretti a convertirsi al cristianesimo.

Parlando a elmundo.es, il primo ambasciatore israeliano in Spagna, Samuel Hadas, si riferisce alla visita di Zapatero e la possibilità che la memoria della famosa Kefia palestinese del 2006 accompagna queste ore a Gerusalemme. "Qui c'è la stranezza del perché ha preso così tanti anni a visitare Israele." Era alla fine della guerra a Gaza, ma era molto breve e nell'ambito di una visita di leader europei. L'incidente di Kefia, che all'epoca aveva un forte impatto psicologico sull'opinione pubblica israeliana, già è quasi dimenticata".

Il governo di Benjamin Netanyahu attribuisce molta importanza a questa visita, soprattutto dal fatto che Madrid assumerà la Presidenza dell'Unione europea a partire da gennaio. Hadas crede che "da questa posizione, la Spagna può dare un notevole impulso al processo di pace nell'area".

Hadas dice che «entrambi i paesi hanno fatto un grande sforzo per migliorare le loro relazioni. «Giustizia per ricordare il Ministro Miguel Ángel Moratinos, l’europeo che forse meglio conosce le complicazioni di questo complesso conflitto».

Ricorda la sua tappa negli anni ottanta quando l'istituzione dei rapporti bilaterali fu stabilita segretamente: "Ebbi un segreto incontro con re Juan Carlos I, che mi ha confessato: 'Non ci sono muri da abbattere'." Un anno e mezzo più tardi, le mura vennero demolite. Nel febbraio dell'86 quando presentai le credenziali, il re disse qualcosa che resterà inciso: È il più importante evento diplomatico di Spagna degli ultimi 15 anni' ", ricorda Hadas".

Fonte: http://www.elmundo.es/elmundo/2009/10/15/espana/1255597824.html

 

Il Re alla “Lobby Sionista” degli USA:

“Le porte della Spagna sono aperte per i Giudei”

El Rey junto al Gran rabino sefardí de Israel, Shlomo Moshe Amar.Settimane dopo l'annuncio che gli ebrei di tutto il mondo con discendenza sefardita potranno ricevere la cittadinanza spagnola, senza dover rinunciare alla propria, il re di Spagna Juan Carlos ha ricevuto Venerdì una delegazione di 60 leader ebrei degli Stati Uniti in Zarzuela.

Il direttore generale della Conferenza dei presidenti di organizzazioni ebraiche, Malcom Honlein, ha detto a Ynet che la Spagna è decisa a lottare contro il suo passato, dati i suoi gesti di avvicinamento agli ebrei. "L'incontro col re fu emozionante", disse Honlein a Ynet.

"Il monarca Juan Carlos ci disse che la nostra visita sarebbe servita per abbattere le barriere e che le porte della Spagna saranno aperte per gli ebrei ora e per sempre", segnalò.

522 anni dopo che il re Fernando II e la regina Isabel  espulsero gli ebrei dalla Spagna per essere apertamente contrari agli interessi nazionali, il Governo di Rajoy ha deciso di portare avanti un progetto di Legge che permetterà di ricevere la cittadinanza spagnola ai discendenti degli espulsi di allora. Un totale di 3,5 milioni di ebrei può avere accesso alla cittadinanza spagnola dimostrando soltanto il soro status attraverso il cognome. Fonte: http://www.alertadigital.com/2014/02/18/el-rey-a-representantes-del-lobby-sionista-de-eeuu-las-puertas-de-espana-estaran-siempre-abiertas-para-los-judios/






[ Indietro ]

didascalie

Copyright © di Avventismo Profetico - (780 letture)

SALVA LA PAGINA IN PDF

VUOI INVIARE UN MESSAGGIO? SCRIVERE UN COMMENTO O RICEVERE MAGGIORI INFORMAZIONI?
CLICCA QUI PER SCRIVERCI

© 2009 Avventismo Profetico - Giuseppa La Mantia- Power By Virtualars