Home  ·  Contattaci

Italiano



Israele Anti-Sionista



Incontro con studioso islamico, lo sceicco Yousef Al Qaradawi


1 febbraio 2011

Doha, Qatar

 

1 febbraio 2011                                         

Doha, Qatar
Anti sionista rabbini ortodossi soddisfatti presso un noto studioso musulmano, lo sceicco Yousef Al-Qaradawi, nel suo ufficio a Doha, in Qatar, il 1 febbraio 2011.

Trascrizione della riunione riportata di seguito:


Rabbini ebrei mantenengono amicizia con lo sceicco musulmano

Feb 1, 2011

Una delegazione di  rabbini ortodossi anti-sionista si sono incontrati oggi con il noto studioso musulmano, lo sceicco Yusuf al-Qaradawi, nel suo ufficio a Doha, in Qatar, dove sono stati calorosamente ricevuti dallo sceicco di 84 anni di età.
I rabbini si sono presentati allo sceicco con un bel vaso d'argento fatto a mano contenente un bouquet impressionante di fiori. Sul vaso è stato inscritto in arabo: "A Sua Eminenza Scholar Sheikh Yusuf al-Qaradawi, dal movimento mondiale ebrei anti-sionisti".
La delegazione ebraica si è presentata allo sceicco anche con una foto incorniciata del loro precedente incontro il 1 ° maggio 2008.
Lo sceicco ha aperto la riunione lunga mezz'ora ricordando la sua antica amicizia con gli ebrei ortodossi. Quello che segue è la trascrizione di massima del dialogo tra lo sceicco e il rabbino Yisroel Dovid Weiss, portavoce di Neturei Karta International - ebrei uniti contro il sionismo.
Sheikh Qaradawi: Mi ricordo di quando ho visitato Londra [15 luglio 2004] e dei sionisti hanno iniziato una campagna di propaganda contro di me, e lei si alzò in piedi e ha detto alla stampa che era sbagliato. Una delegazione della vostra comunità, mi ha anche accompagnato all'aeroporto. Ricordo anche la sua ultima visita da me qui a Doha nel maggio 2008, quando mi ha presentato un orologio, che è ora appeso in casa mia.
Il rabbino Weiss: Sì, quando i sionisti chiesero che Vostra Eminenza non fosse consentito in Inghilterra, abbiamo detto alla stampa che è stato un grave errore di vedere lo sceicco come anti-semita. Lo sceicco è nostro amico, e l'amico del popolo ebraico. Ringraziamo l'Onnipotente, che ha avuto successo.
La grande tragedia è che i sionisti svolgono le loro azioni nel nostro nome. Essi dirottano la nostra identità. Il mondo non è consapevole del fatto che la fede degli ebrei è completamente opposta a loro.
Il rabbino Weiss ha mostrato le immagini allo sceicco degli ebrei di tutto il mondo che protestano contro il sionismo: a Washington, durante la visita del leader israeliano Netanyahu con il presidente Obama, a New York City, a Londra, in Canada e in Gerusalemme, in Palestina.
Il rabbino Weiss: Ovunque volglio liberarsi di noi, ma non possono. In Terra Santa, i sionisti assassini abbattono chiunque si alzi contro di loro. Se non fosse per queste persecuzioni, molte altre migliaia di ebrei sarebbero usciti allo scoperto per protestare contro di loro.
Molte comunità ebraiche di tutto il mondo, compresa Gerusalemme, la Palestina, sono molto addolorati per le persone che soffrono a Gaza e il popolo oppresso di Palestina.
Siamo frustrati dal fatto che il mondo non vede il nostro dolore per la Palestina. I media non pubblicizzano la nostra opposizione al sionismo. Ecco perché è così importante che invece dovrebbe essere visto e conosciuto ". Il rabbino visualizzata l'immagine di una delegazione di ebrei che rappresentano le comunità anti-sionisti ebrei d'America, Canada, Inghilterra e Palestina occupata, visitando la Striscia di Gaza assediata, trasportando materiale sanitario. Si sono incontrati con il Primo Ministro palestinese Ismail Haniyeh.
Rabbino Weiss: La fede ebraica è che gli ebrei furono mandati in esilio al tempo della distruzione del Tempio con decreto celeste, non a causa della loro debolezza fisica. Gli Ebrei [non i sionisti] sono stati comandati di non revocare il decreto dell'Onnipotente, e anzi hanno ubbidito a questo comando negli ultimi duemila anni.
La nostra ultima speranza e preghiera è che l'Onnipotente solo dovrebbe indurre un cambiamento spirituale nel mondo, senza alcuno sforzo umano. Allora l'Onnipotente sarà riconosciuto come Re da tutto il mondo, e tutto il genere umano si uniranno insieme per servire Lui con tutto il loro cuore.-
Ma se qualcuno viene e cerca di forzare il riscatto con lo sforzo fisico, non è altro che menzogna e tradimento contro il regno dell'Onnipotente. Il riscatto avverrà solo in un modo soprannaturale, un successo spirituale, celebrata da tutti e non da uno Stato criminale. Pertanto, le indicazioni sionista che il loro stato è il primo passo verso la redenzione sono palesemente false.
Questo è il motivo per cui è vietato dalla Torah di fondare e mantenere uno stato ebraico, anche su un pezzo di terreno vuoto. Ma ora che i sionisti hanno fatto il loro stato in Palestina, una terra abitata, hanno trasgredito molte altre gravi divieti della Torah, come "Tu non uccidere" e "Non rubare".
Il movimento sionista esiste solo da circa 100 anni. Odiano la nostra religione e il tentativo di dissacrare e profanare tutto ciò che è santo. Essi utilizzano simboli ebraici e si chiamano uno Stato ebraico, al fine di intimidire tutti che parlano contro di loro, chiamandoli antisemiti.
Quando lo sceicco si alza e parla contro il sionismo, lo accusano di essere un antisemita. Vogliono sempre ritrarre i musulmani come se odiassero gli ebrei.
Ma sappiamo che non solo lo sceicco è un amico degli ebrei, ma che in tutte le generazioni gli ebrei vivevano in pace tra i musulmani. Gli ebrei in fuga dalle persecuzioni sono stati ricevuti con calore nelle terre musulmane. Non c'erano le Nazioni Unite o i gruppi per i diritti umani poi per proteggerli, tuttavia, gli ebrei vivevano in pace. Le comunità ebraiche fiorirono, e alcuni dei più grandi rabbini della storia è emersa da tali paesi.
Sheikh Qaradawi: i musulmani non hanno mai avuto niente contro gli ebrei. Essi hanno sempre rispettato gli ebrei. Quando gli ebrei furono espulsi dalla Spagna, hanno trovato rifugio nei paesi musulmani. Vi hanno potuto vivere insieme in pace. Nei miei libri ho scritto che la religione musulmana è molto simile alla religione ebraica. Entrambi crediamo nell'Unità del Creatore. Noi non adorariamo gli idoli. Non solo nella fede sono simili, ma pure nella pratica. I musulmani praticano la circoncisione, e così fanno gli ebrei. I musulmani mangiano solo animali che sono stati macellati ritualmente, e così fanno gli ebrei. E ai musulmani e agli ebrei è vietato entrambi di mangiare carne di maiale.
Il rabbino Weiss: E 'un vero e proprio Naqba, una vera tragedia per noi, che invece di ricordare la nostra convivenza pacifica del passato, i sionisti dicono che i musulmani siano nostri nemici. Dio ci insegna nella Torah che dobbiamo dimostrare gratitudine a coloro che ci hanno aiutato. Ma invece di essere grato ai musulmani per averci dato un porto sicuro in tutto il nostro esilio, hanno costruito un muro tra i nostri popoli. Inoltre, lo fanno nel nostro nome.
I sionisti vogliono che i musulmani odiano gli ebrei. Vogliono il più spargimento di sangue possibile, perché questo dà loro la scusa per dire che hanno bisogno di un stato per proteggersi.
La verità, tuttavia, è che i musulmani non odiano gli ebrei. Tutti i disordini in Palestina e in Medio Oriente è dovuta all'esistenza dello Stato sionista. Sionismo e lo Stato sono la causa principale del massacro di ebrei e arabi, e il motivo per l'animosità e la diffidenza tra i due popoli. Abbiamo bisogno solo di rimuovere lo Stato sionista dalla foto - con l'aiuto dell'Onnipotente, pacificamente - e poi gli ebrei e i musulmani saranno ancora una volta in grado di vivere insieme in pace in Palestina e negli altri paesi musulmani.
Cerchiamo sempre di incontrare leader musulmani e chiarire loro l'enorme differenza tra l'ebraismo, che è una religione, e il sionismo, che è un nazionalismo - la differenza tra la Gente del Libro  degli ebrei, che adorano il Creatore, e i sionisti, che sono solo interessati a perseguire le loro ambizioni politiche. In tutto il mondo, tra cui la Palestina occupata, gli ebrei che sono i più religiosi, sono i più anti-sionisti. Vogliamo rendere chiaro che le azioni di tutti i sionisti non sono fatte in nome del popolo ebraico, e che i nostri cuori sono addolorati e pieni di simpatia per la difficile situazione della Palestina.
Sheikh Qaradawi: Devi in più pubblicizzare questa informazione.
Il rabbino Weiss: Noi consideriamo i sionisti come i maggiori nemici degli ebrei che di chiunque altro, perché secondo la Torah, provocando un'altra persona al peccato è peggio che ucciderlo. Tentano di sradicare le anime del popolo ebraico dalla loro connessione con l'Onnipotente e trasformare il proprio ebraismo, da una religione di asservimento all'Onnipotente, al nazionalismo e al materialismo.
A titolo di esempio, gli ebrei sono comandati strettamente per quanto riguarda la modestia e la Torah proibisce stili di vita alternativi. Eppure i sionisti tengono marce per l'orgoglio gay regolarmente nella città santa di Gerusalemme. Hanno picchiato e opprimono gli autentici ebrei in Terra Santa. Per motivi di archeologia e di sviluppo (strade e alberghi, ecc), scavano su antichi cimiteri dove sono sepolti santi e saggi ebrei. Non si parla di queste cose, non sono coperte dai media. Chiediamo umilmente a Sua Eminenza, forse Sua Eminenza potrebbe condannare queste cose nei vostri indirizzi pubblici e stand per noi?

 

Questo sarebbe molto utile per noi. 
Sheikh Qaradawi: Lei avrebbe dovuto tradurre newsletter in arabo per permettermi di utilizzarlo.  
Rabbino Weiss: vorrei esprimere che è stato un grande privilegio e onore per la nostra delegazione di incontrare lo stimato sceicco. Possa l'Onnipotente benedire Vostra Eminenza con lunghi anni sano e felice, in modo che Vostra Eminenza dovrebbe essere in grado di promuovere il timore dell'Onnipotente, giustizia e pace, per portare la vera pace nel mondo. Possiamo noi ebrei e musulmani, ancora una volta vivere fianco a fianco in pace in una Palestina libera e un libero di Gaza, così come in tutti gli altri paesi musulmani
. http://www.nkusa.org/activities/demonstrations/20110201.cfm

La Questione Palestinese

 

 

D - È vero che Neturei Karta International sostiene la sovranità palestinese su la Terra Santa?

R - La nostra risposta è sì, inequivocabilmente, sì. Tuttavia, questa risposta richiede una spiegazione preliminare. Siamo un’organizzazione anti-ortodossa - sionista. La nostra lotta contro il sionismo esiste a vari livelli. In primo luogo, istituire uno stato palestinese è vietato dalla legge ebraica, nega la punizione divina insita nell’esilio del popolo ebraico e cerca di porre rimedio a ciò che è essenzialmente un mezzo spirituale e mondano. In secondo luogo, egli ha dedicato gran parte della sua energia nel strappare la fede tradizionale della Torah. In terzo luogo, ha commesso un grave male morale nel trattamento del popolo palestinese.

D - Quali Avoca?

R -Chiediamo, senza compromessi, lo smantellamento pacifico dello Stato di Israele. Quanto alla questione se o quanti ebrei rimangono lì dopo questo processo è completato, tale decisione è totalmente dipendente dal leader e il popolo palestinese.

D - Non ha paura di quello che questo risulterebbe per gli ebrei che vivono nel paese?

R - In effetti, temiamo di più per gli ebrei in questa situazione senza speranza. Dopo 53 anni, cinque guerre, terrore senza fine e il terrore contro i civili innocenti uccisi da entrambe le parti, non vi è alcuna soluzione in vista. Sia gli israeliani di destra che la sinistra hanno fallito miseramente per rimediare a questa situazione. Noi offriamo un'alternativa a ciò che è chiaramente un esperimento tragico.

P - Ma Gli ebrei meritano una patria?

R – Nessun ebreo fedele alla Torah nei 1900 anni di esilio della nostra gente pensa che dovremmo cercare rivendicazioni della terra con mezzi militari. Invece, crediamo che alla fine dei giorni, quando il Creatore decide di redimere tutta l'umanità, tutte le nazioni si uniranno alla Sua adorazione. Ciò non richiederà la sottomissione e l'espropriazione delle persone. Sarà un tempo di fratellanza universale, con la loro spiritualità in Terra Santa. Fino allora il popolo ebraico ha un compito specifico in esilio.

D - Che significa questo?

R - Accettare con fede il suo esilio. E, con parole e opere, in silenzio e senza impedimenti, di agire come modelli spirituali e morali. Ed in generale attendere al servizio di Dio attraverso lo studio della Torah, la preghiera e le buone azioni.

D - Come vede il popolo palestinese?

R - Sono le vittime della cecità morale del movimento sionista e il suo ostinato rifiuto di prendere in considerazione altre persone oltre a loro. Il popolo palestinese ha il diritto alla loro patria. Essi hanno diritto alla restituzione finanziaria per la perdita della proprietà e dei danni causati a loro durante gli ultimi decenni.

D - Quali sforzi sono stati fatti per questa causa?

R - Abbiamo spesso pubblicato le dichiarazioni a sostegno di rivendicazioni palestinesi in simpatia per la loro sofferenza. Ci siamo uniti ai palestinesi in segno di protesta contro gli abusi a cui sono stati sottoposti. In genere abbiamo cercato di mantenere una presenza pubblica sia nel mondo ebraico, come in quella islamica perché la venerabile tradizione del giudaismo, basato nella Torah anti - sionista non sia dimenticato.

D - Qual è la sua opinione sul processo di pace, gli Accordi di Oslo e le iniziative analoghe?

R - Il sostegno ebraico per le sofferenze dei palestinesi è un passo nella giusta direzione, in pratica e la prova della coscienza morale che ogni Ebreo dovrebbe avere. Tuttavia, riteniamo che tutti questi piani, anche se ben intenzionati, sono destinati al fallimento. Gli ebrei hanno il divieto di esercitare la sovranità politica sulla Terra Santa. Essi sono chiamati a cercare la pace con tutti gli uomini.

D - Quale deve essere il punto di vista ebraico sul mondo islamico?

R - Gli ebrei sono chiamati a trattare eticamente e onestamente con tutti gli uomini. Questo è il nostro compito come "un regno di sacerdoti e una nazione santa". Il Sionismo ha diretto male molti ebrei a commettere atti di aggressione contro il popolo palestinese. Pertanto, concerne a tutti gli ebrei, porre rimedio a questa situazione cercando la pace, la riconciliazione e il dialogo quando trattano con i palestinesi e tutte le nazioni islamiche. Questa è una delle prove spirituali che si presentano al popolo ebraico - di stabilire un rapporto morale con i loro compagni islamici.

P - Realisticamente parlando, il tuo programma ha qualche possibilità di essere attuato?

R - In primo luogo, il Creatore gira il mondo e con Dio tutto è possibile. Secondo, c'è un grande senso di delusione e stanchezza fra il mondo ebraico da parte dello Stato israeliano e lo stato sionista in generale. Molti si rendono conto che seguire i principi sionista conduce da un vicolo cieco a un altro. Necessita un'altra soluzione. La nostra soluzione, che è semplicemente l'antica tradizione della Torah, appare sempre più plausibile a molti e, in un futuro non troppo lontano, con l'aiuto del Creatore, realizzarsi il giorno che fino ad ora speriamo e preghiamo che non sarà più sparso sangue innocente, siano ebrei o arabi. Attendiamo il giorno in cui molti si renderanno conto che l'unica strada per la pace dipende dal popolo ebraico a tornare al suo vero compito in esilio, il servizio unanime di Dio e la devozione alla moralità, integrità e onestà.

Il sionismo non è la risposta

 

Neturei Karta International
Serie B - Opuscolo n ° 1

Recenti avvenimenti in Terra Santa hanno immerso tutto il mondo ebraico in una ricerca dell'anima senza precedenti.  
I  conflitti per la creazione dello Stato di Israele ha dato alla luce continue afflizioni per Ebrei e Gentili.
Tragicamente, nessuna fine sembra essere in vista. Varie soluzioni e contraddittori sono stati offerti per i travagli in corso.
Tuttavia, tutte le soluzioni offerte dalle fonti delle cosiddette correnti principali hanno fallito. E' nostra convinzione che esse sono intrinsecamente destinati a fallire. Tutti loro fanno un assunto fatale. Trovano assiomatico che lo Stato di Israele deve esistere. E, in contrasto con la semplice evidenza della storia, essi vedono la sua esistenza come uno sviluppo positivo per il popolo ebraico.
Offriamo una reale alternativa a questo branco, la cui mentalità  ha prodotto cinquanta anni di guerra e di sofferenza per entrambi, Ebrei e arabi.
Noi affermiamo la fede semplice, una volta universalmente riconosciuta tra gli ebrei della Torah, che la sovranità ebraica sulla Terra Santa, prima della redenzione finale del genere umano è sbagliato.
E 'sbagliato spiritualmente perché nega che l'esilio ebraico è uno stato metafisico che possono essere modificato solo attraverso la pratica della nostra fede ancestrale.
E 'sbagliato materialmente perché ha sempre portato alla guerra, all'oppressione di altri popoli e l'aggravamento generale di anti-semitismo e anti-Gentilismo in tutto il mondo.
La storia è scritta dai suoi vincitori. Sionismo, con cui intendiamo non l'amore di Sion condiviso da tutti gli ebrei credenti (anzi, da tutta l'umanità), ma macchinazioni politiche e militari per afferrare la Terra Santa, scegliere Dio prima di impossessarsi della Terra Santa per redimere l'umanità, esercita un potere enorme la stima del mondo. Tutti coloro che mettono in dubbio  i suoi dogmi sono sottoposti a severe liste nere, a volte, in pericolo di minacce della vita.
Questo censura quasi totale storica ha accecato sia Ebreo e non-Ebreo nella nostra epoca per l'opposizione al sionismo universale  della Torah fino al 1948.
In tutte le scuole della comunità ebraica europea - che vanno dagli scritti del tedesco leader ortodossi Rabbi Samson Raphael Hirsch alla prospettiva lituana trovata nelle opere di Rabbi Elchanan Wasserman al punto di vista chassidica del Rebbe di Lubavitch, Rav Shalom Dovber Schneerson, troviamo graffianti critiche del sionismo.
È questa lunga tradizione della nostra gente che noi di Neturei Karta rappresentiamo a tutt'oggi.
Offriamo la vecchia prospettiva millenaria della Torah.
Il suo messaggio è stato distorto e ignorato dal sionismo. Masse di ebrei sono vittime inconsapevoli di questa distorsione.
Tuttavia, le intimidazioni non possono sempre sopprimere la verità.
Il Sionismo è in bancarotta. I suoi leader guerreggiano l'un con l'altro così come col mondo arabo. Con un'ostinatezza isterica eostinata richiedono che l' America finanzi e sostiene la loro impresa fallita.   
L'ora del sionismo è passata. Le sue vittime si aggirano nell'oscurità alla ricerca delle soluzioni. Non saranno trovati lì.
“Il problema” ebreo quale Herzl cercò di  “risolvere” circa un secolo fa non può essere risolto dalle armi e la politica. La fine del nostro esilio e le sofferenze di tutti gli uomini sono condizionati alle buone opere e al pentimento. Questa è l'unica "agenda" ebrea degna di questo nome.
Unitevi a noi nei nostri sforzi in modo che il popolo ebraico e tutti gli uomini possono essere degni veramente, della salvezza divina
.
http://www.nkusa.org/books/pamphlets/pamphlet1.cfm 

 

 


 

Rabbi Amram Blau Il rabbino Amram Blau

Dio è il nostro Re,
Noi siamo i suoi servi
La santa Torah è la nostra Legge
Siamo fedeli ad essa.
Noi non riconosciamo il regime sionista eretico
Le sue leggi non si applicano a noi
Noi camminiamo nelle vie della Torah
nel fuoco e nell'acqua
Noi camminiamo nelle vie della Torah
Santifichiamo il Nome del Cielo.
  http://www.nkusa.org/aboutus/anthem.cfm

 

 

Inno del Neturei Karta
 

Questa canzone è stata scritta nel tardo 1940 dal rabbino Amram Blau nel tempo in cui era detenuto in una prigione sionista per la dimostrazione.

Lo dobbiamo da ebrei

Discorso del Rabbino Mordechi Weberman per la manifestazione della Coalizione Palestinese per il Diritto di Ritorno (Al-Awda NY/NJ) tenutasi il 26 luglio 2002 davanti al Consolato Israeliano
"Ci sono chi ci chiede il perché della nostra partecipazione al corteo dei palestinesi. Perché manifestiamo con la bandiera palestinese in mano ? Perché sosteniamo la causa palestinese ?
“Siete ebrei !” ci dicono, cosa state facendo ?
E la nostra risposta, che vorrei condividere con Voi oggi pomeriggio, è molto semplice.
E' PRECISAMENTE PERCHE' SIAMO EBREI CHE STIAMO MANIFESTANDO CON I PALESTINESI, ALZANDO IN MANO LA BANDIERA PALESTINESE.
E' PROPRIO PERCHE' SIAMO EBREI CHE STIAMO CHIEDENDO IL RITORNO DEI PALESTINESI ALLE LORO CASE E LA RESTITUZIONE DELLE LORO PROPRIETA'!
Sì, la nostra Torah ci obbliga ad essere giusti. Siamo obbligati a perseguire la giustizia. E cosa c'è di più ingiusto del programma del movimento sionista, in atto da un secolo, di invadere le terre di un altro popolo, di espellere la gente ed espropriarla dei suoi beni ?
I primi sionisti hanno dichiarato di essere un popolo senza terra, diretto verso una terra senza popolo. A parole, un'impresa innocente. Ma le parole erano totalmente e profondamente false.
La Palestina era un paese appartenente ad un popolo. Un popolo che stava sviluppando una consapevolezza nazionale.
Per noi non vi è alcun dubbio che se i profughi ebrei fossero arrivati in Palestina non con l'intenzione di dominare, non con l'intenzione di crearvi uno Stato degli Ebrei, non con l'intenzione di espropriare, non con l'intenzione di spogliare i palestinesi dai loro diritti fondamentali, essi sarebbero stati i benvenuti dei palestinesi, godendo della stessa ospitalità che i popoli musulmani avevano offerto agli ebrei durante il corso della storia. E in tal caso, saremmo vissuti insieme come ebrei e musulmani come siamo vissuti insieme in precedenza, in pace ed armonia.
Amici musulmani e palestinesi nel mondo, Vi prego di ascoltare il nostro messaggio:
Ci sono ebrei in questo mondo che sostengono la Vostra causa. E quando diciamo di sostenere la Vostra causa, non ci riferiamo ad alcun piano di spartizione come quello proposto nel 1947 dall'ONU che non aveva alcun diritto di farlo. Quando diciamo di sostenere la Vostra causa non intendiamo i progetti di spartire la Cisgiordania e di tagliarla in pezzi, come fu proposto da Barak a Camp David e non ci riferiamo alle proposte di offrire giustizia per meno del 10% dei profughi. Noi intendiamo niente meno che la restituzione della Palestina intera, Gerusalemme inclusa, alla sovranità dei palestinesi
!
A questo punto, principi di equità richiedono che saranno i palestinesi a decidere se gli ebrei e quanti di loro rimarranno nel Paese.
Questa è l'unica strada che potrà condurre ad una vera riconciliazione.
Ma noi andiamo oltre. NOI riteniamo che non sarà sufficiente riconsegnare le terre ai loro proprietari legittimi. Non ce la caveremo con questo.
Occorre chiedere scusa al popolo palestinese, in modo chiaro e preciso. Il sionismo Vi ha fatto un torto. Il sionismo Vi ha rubato le Vostre case. Il sionismo Vi ha rubato la Vostra terra.
Facendo queste dichiarazioni, noi dichiariamo davanti al mondo che siamo il popolo della Torah, che la nostra religione ci obbliga ad essere onesti e a comportarci con equità, ad essere giusti, fare del bene ed essere gentili.
Abbiamo partecipato a centinaia di manifestazioni a favore dei palestinesi durante gli anni passati ed ovunque andiamo, gli organizzatori ed i partecipanti ci salutano con il consueto calore dell'ospitalità orientale. Che atroce bugia dire che i palestinesi in particolare ed i musulmani in generale avrebbero in odio gli ebrei ! Voi odiate l'ingiustizia, non gli ebrei.
Non abbiate paura, amici miei. Il male non potrà trionfare per molto tempo. L'incubo sionista sta per finire. Si è consumato. Le sue recenti brutalità sono il rantolo del malato terminale.
Noi e Voi vivremo ancora quando arriverà il giorno che ebrei e palestinesi si abbracceranno, per celebrare la pace, sotto la bandiera palestinese a Gerusalemme.
Ed infine, quando il Redentore dell'umanità sarà arrivato, le sofferenze di oggi saranno dimenticate da molto tempo, rimosse dalle benedizioni del presente."
http://www.nkusa.org/Foreign_Language/Italian/italjul2602.cfm

Dichiarazione di solidarietà degli ebrei
di Neturei Karta
con il popolo palestinese
In occasione della commemorazione della Nakba

Che la benedizione del Creatore sia su di Voi, nostri cari fratelli, popolo palestinese che soffre da lungo tempo.
Noi, Di Neturei Karta Internazionale, Vi salutiamo da Gerusalemme, New York, Londra e da tutto il mondo. Come molti di Voi sapranno, il movimento sionista è stato contrastato dagli ebrei ortodossi osservanti sino dall’inizio. Gli ebrei ortodossi hanno sempre creduto che per Decreto Divino il popolo ebreo sia tenuto a rimanere in esilio e vivere come cittadini leali nelle nazioni che li ospitano fino a che l’Onnipotente non avrà deciso la redenzione dell’umanità intera.
Nell’anno 1948 il nostro Rabbino Capo Yossef Tzvi aveva inviato un telegramma alla Lega delle Nazioni a Lake Success, chiedendo loro di non incorporare le 60 000 famiglie ebree residenti a Gerusalemme nello stato di “Israele”, la cui proclamazione costituisce un sacrilegio. Così, i residenti ebrei sarebbero stati lasciati senza un potere sovrano che si occupasse delle faccende di Neturei Karta. In realtà, fummo trasformati in profughi perchè non c’è differenza tra un popolo cacciato via dalla sua terra ed un popolo cui la terra è stata rimossa da sotto i piedi. Ci siamo appellati alle Nazioni Unite per ottenere un passaporto per rifugiati ed a tutt’oggi siamo in attesa di una risposta.
Oggi, decine di migliaia di Neturai Karta, guardiani di Gerusalemme nel significato di “guardiani della fede”, risiedono a Meah Shearim e nelle sue vicinanze, su terreni comprati da proprietari arabi, non confiscati contro la volontà dei proprietari. Il nostro Rabbino Capo defunto, Joel Teitelbaum, aveva proibito agli ebrei di stabilirsi in Terra Santa, considerando che ci avrebbe messo in pericolo sia il corpo che l’anima. Naturei Karta aveva dato il benvenuto all’Autorità Palestinese, guidata da Yassir Arafat ritornato in Palestina ed il Rabbino Moshe Hirsh fu proclamato “Ministro per gli Affari Ebrei” dell’Autorità Palestinese – un gesto volto a dimostrare al mondo che la lotta in Terra Santa non è tra ebrei ed arabi, bensì tra sionisti ed arabi.
Noi vediamo l’oppressione e l’umiliazione del popolo palestinese, innanzitutto ciò che gli viene inflitto oggi, dalle politiche criminali del “Ministro del Crimine” Sharon. E’ inammissibile che il popolo ebreo compaia quale oppressore, persecutore, ladro. Dappertutto nel mondo si trovano numerosi ebrei credenti che si dichiarano inorriditi dal comportamento criminale e razzista verso i palestinesi da parte dei sionisti. Per questi ebrei il Giorno dell’Indipendenza di Israele segna la più grande tragedia nella storia degli ebrei e nella storia dell’umanità. Quel giorno, molti ebrei lo passano in digiuni ed in preghiera.
Noi vogliamo che tutta la terra palestinese, naturalmente comprendente il complesso di Al Aqsa, sia restituita ad un governo palestinese.
Noi vogliamo il ritorno di tutti i profughi umiliati, anziani e giovani, alla loro legittima patria.
Noi vogliamo vivere nella terra della Palestina come ebrei anti-sionisti, risiedere qui come cittadini palestinesi leali e pacifici, così come i nostri avi che avevano vissuto in Palestina per secoli prima della tragica usurpazione di questo paese.
Invochiamo il Creatore che l’odierna commemorazione della Nakba possa essere l’ultima e che conceda che l’attuale stato di occupazione volga verso una rapida fine, ancora nei nostri giorni, sicché ebrei e palestinesi possano vivere felici ed in armonia e pace in una Terra Santa tutta sotto sovranità palestinese.

Vi saluto.

Rabbi David Weiss
Presidente di Neturei Karta International, New York

 

Discorso Pronunciato Il Giorno Di Maggio 31 di 2010  
Autentici ebrei ortodossi di tutto il mondo condannano inequivocabilmente lo spargimento di sangue portato a capo dalle truppe sioniste contro persone Innocenti, pacifici e nobili amanti della libertà, compromessi attivisti con la pace ed i diritti umani ", disse il Rabino Dovid Feldman di Neturei Karta Internazionale.  
"Questo attacco brutale Ebbe luogo in acque internazionali uno barche aiuto per umanitaria coi Nostri fratelli, palestinesi i, nella frangia di Gaza bloccata dai sionisti. 
 
Fu un'attuazione illegale completamente grave, violando i diritti Divini, i diritti umani e la Giustizia ". 
 
" Questo tipo di comportamento sbagliato  dei sionisti", continua. "Tutta l'esistenza del suo Stato è stata Costruita dall'inizio sull'eresia, l'assassinio e il furto. Essi oppressero, assassinarono, ed espulsero." 
 
"Tutto questo causa specialmente dolore perché si fece a nome di tutto il popolo ed a nome della religione Ebrea. La verità è che la Torah si opporne totalmente a tutto quello che hanno fatto. La Torah ci insegna la Povertà, la Torah proibisce l'assassinio e la Torah proibisce rubare.
D' Accordo con la Torah, la terra dal Giordano Fino al Mare Mediterraneo deve essere restituito al popolo Palestinese ". "Gli ebrei stanno in Esilio per decreto Divino, e qualunque Tentativo di annullare un decreto dell'Onnipotente è una ribellione e una disubbidienza di Dio. La Torah insegna che una ribellione contro Dio non può avere mai successo. 
 
Ci sembra "imprescindibile dichiarare che lo Stato di Israele " non rappresenti nè il popolo né la religione Ebrea. Non ha diritto di parlare in nome nostro, né a nome della Santa Torah.  
 
Essi profanano la Terra Santa con le loro abominazioni, massacri ed innumerevoli altre azioni di questo stato, sono illegittimi. Inoltre, l'esistenza reale di questo stato è illegittima come la Santa Torah strettamente ed esplicitamente proibisce sulla Terra Santa. Quando il movimento sionista sorse il secolo scorso dalle Nazioni Unite, tutti i nostri rabbini non notarono in nessun d'essi che avessero connessione con la truffa. 
 
"I sionisti con la sua perversione del giudaismo hanno annerito il nome degli ebrei e della Torah in tutto il mondo. Sono i peggiori nemici di Dio, della Torah del vero popolo ebreo che si è mantenuto sempre sottomesso a Dio in tutte le circostanze. Inoltre, causando maggiore aggravio dell'antisemitismo in tutto il Mondo.  
 
"Gli ebrei durante i secoli hanno avuto sempre eccellenti relazioni con gli Arabi suoi vicini. L' ultimo secolo, durante il quale gli ebrei sefardíes vissero in prospere comunità in tutto il mondo arabo, fu un'epoca di oro tra il nostro popolo. Che mise una fine a questa età d'oro? Solo il sionismo politico. In realtà, perfino oggigiorno alcuni popoli musulmani Arabi hanno ancora comunità ebree che vivono pacificamente in mezzo ad essi. Perfino i palestinesi, due dei principali partiti, hanno dichiarato che non hanno nessun problema con gli ebrei c he vivono tra essi e che si oppongono solo al sionismo politico. 
 
"Vogliamo esprimere le nostre profonde condoglianze alle famiglie degli Innocenti assassinati, i nostri desideri sinceri è che tutti i feriti dalle truppe sioniste recuperino rapidamente. Che il Cielo invii una completa guarigione rapida." 
 
"Speriamoe  preghiamo perché l'ONU in  modo pacifico smantelli rapidamente lo Stato Sionista, allora gli ebrei potrebbero vivere in pace nelle terre Palestinese, come oggigiorno vivono in altri paesi Arabi." 
 
"Che possa adempiersi la promessa dei Profeti sulla rivelazione di Dio di regnare in tutto il mondo, in quel tempo tutti i paesi Lo serviranno nella completa unità." 
 
WWW.NKUSA.ORG  
 
Neturei Karta Internazionale   
 http://www.nkusa.org/Foreign_Language/Spanish/PR20100531.cfm  
 






Una dichiarazione del Gran Rabbino Satmar

Per quanto riguarda il Giorno dell'Indipendenza di Israele


Noi non dobbiamo minimizzare la serietà del grave peccato di allietarsi, o l'apparenza di allietarsi facendo una festa nel terribile Giorno di Bestemmia che loro chiamano: "Yom Atsmaut" (Giorno di Indipendenza Israeliana).

Giorno in cui i membri della congiura contro Dio e il suo Messia, stabilirono il loro regno di ateismo sul popolo ebraico, sradicando la Torah Santa e la Fede. In quel tempo, lo spargimento di sangue di miriade su miriade di ebrei cominciò. Questo è molto peggio che accettare l'idolatria, perché loro non solo l'accettano, ma celebrano e si allietano nella ribellione terribile contro Dio ed la Sua Santa Torah. Ci sono molti peccatori e persino negazionisti della Fede, i cui cuori li agitano, perché non sono al servizio di Dio, ma non sono in grado di resistere contro le tentazioni e contro le ideologie ingannatrici che li confondono. Tuttavia, coloro che gioiscono per questo peccato, si sono resi colpevoli di molto peggio, di bestemmia.

Il Misericordioso ci salverà da loro e dai loro seguaci, e rafforzerà i nostri cuori e illuminerà i nostri occhi nella Sua Torah e nel Suo servizio.

Il Suo Nome sia benedetto.


http://www.nkusa.org/Historical_Documents/teitelbaum_iid_1960.cfm


Va'Yoel Moshe, vol-2 cap. 157, da The

Gran rabbino Joel Teitelbaum di Satmar "L ZT (Edizione 1960)


Il sionismo non è la risposta


Neturei Karta International

Serie B - Opuscolo n ° 1


Recenti avvenimenti in Terra Santa hanno immerso tutto il mondo ebraico in una ricerca dell'anima senza precedenti.  

I  conflitti per la creazione dello Stato di Israele ha dato alla luce continue afflizioni per Ebrei e Gentili.
Tragicamente, nessuna fine sembra essere in vista. Varie soluzioni e contraddittori sono stati offerti per i travagli in corso.

Tuttavia, tutte le soluzioni offerte dalle fonti delle cosiddette correnti principali hanno fallito. E' nostra convinzione che esse sono intrinsecamente destinati a fallire. Tutti loro fanno un assunto fatale. Trovano assiomatico che lo Stato di Israele deve esistere. E, in contrasto con la semplice evidenza della storia, essi vedono la sua esistenza come uno sviluppo positivo per il popolo ebraico.

Offriamo una reale alternativa a questo branco, la cui mentalità  ha prodotto cinquanta anni di guerra e di sofferenza per entrambi, Ebrei e arabi.

Noi affermiamo la fede semplice, una volta universalmente riconosciuta tra gli ebrei della Torah, che la sovranità ebraica sulla Terra Santa, prima della redenzione finale del genere umano è sbagliato.

E 'sbagliato spiritualmente perché nega che l'esilio ebraico è uno stato metafisico che possono essere modificato solo attraverso la pratica della nostra fede ancestrale.

E 'sbagliato materialmente perché ha sempre portato alla guerra, all'oppressione di altri popoli e l'aggravamento generale di anti-semitismo e anti-Gentilismo in tutto il mondo.

La storia è scritta dai suoi vincitori. Sionismo, con cui intendiamo non l'amore di Sion condiviso da tutti gli ebrei credenti (anzi, da tutta l'umanità), ma macchinazioni politiche e militari per afferrare la Terra Santa, scegliere Dio prima di impossessarsi della Terra Santa per redimere l'umanità, esercita un potere enorme la stima del mondo. Tutti coloro che mettono in dubbio  i suoi dogmi sono sottoposti a severe liste nere, a volte, in pericolo di minacce della vita.

Questo censura quasi totale storica ha accecato sia Ebreo e non-Ebreo nella nostra epoca per l'opposizione al sionismo universale  della Torah fino al 1948.

In tutte le scuole della comunità ebraica europea - che vanno dagli scritti del tedesco leader ortodossi Rabbi Samson Raphael Hirsch alla prospettiva lituana trovata nelle opere di Rabbi Elchanan Wasserman al punto di vista chassidica del Rebbe di Lubavitch, Rav Shalom Dovber Schneerson, troviamo graffianti critiche del sionismo.

È questa lunga tradizione della nostra gente che noi di Neturei Karta rappresentiamo a tutt'oggi.

Offriamo la vecchia prospettiva millenaria della Torah.

Il suo messaggio è stato distorto e ignorato dal sionismo. Masse di ebrei sono vittime inconsapevoli di questa distorsione.

Tuttavia, le intimidazioni non possono sempre sopprimere la verità.

Il Sionismo è in bancarotta. I suoi leader guerreggiano l'un con l'altro così come col mondo arabo. Con un'ostinatezza isterica eostinata richiedono che l' America finanzi e sostiene la loro impresa fallita.   

L'ora del sionismo è passata. Le sue vittime si aggirano nell'oscurità alla ricerca delle soluzioni. Non saranno trovati lì.

“Il problema” ebreo quale Herzl cercò di  “risolvere” circa un secolo fa non può essere risolto dalle armi e la politica. La fine del nostro esilio e le sofferenze di tutti gli uomini sono condizionati alle buone opere e al pentimento. Questa è l'unica "agenda" ebrea degna di questo nome.

Unitevi a noi nei nostri sforzi in modo che il popolo ebraico e tutti gli uomini possono essere degni veramente, della salvezza divina
.

 


http://www.nkusa.org/books/pamphlets/pamphlet1.cfm


 

Copyright © by Avventismo Profetico All Right Reserved.

(1542 letture)

[ Indietro ]
SALVA LA PAGINA IN PDF

VUOI INVIARE UN MESSAGGIO? SCRIVERE UN COMMENTO O RICEVERE MAGGIORI INFORMAZIONI?
CLICCA QUI PER SCRIVERCI

© 2009 Avventismo Profetico - Giuseppa La Mantia- Power By Virtualars